ACI Rally Italia Talent: le selezioni al giro di boa

La quinta delle nove selezioni interregionali si svolgerà ad Adria. Le iscrizioni alla fase preliminare dell’edizione 2020 hanno toccato il record di 10.000, segno che la Suzuki emoziona e diverte gli aspiranti rallisti, migliorando la loro sensibilità di guida.

ACI Rally Italia Talent: le selezioni al giro di boa

Questo fine settimana la fase preliminare di ACI Rally Italia Talent 2020, che sceglie Suzuki SWIFT Sport come Auto Ufficiale, arriverà al giro di boa. La quinta delle nove selezioni di zona si svolgerà da venerdì 7 a domenica 9 febbraio all’Adria International Raceway di Cavanella Po (RO), che l’anno scorso aveva ospitato la finale nazionale del Talent. L’ampio paddock dell’impianto veneto sarà molto affollato in questa occasione: l’Organizzazione si aspetta infatti una grande affluenza di pubblico e di partecipanti, per i quali l’evento è ormai sold out.

Un'edizione da record

A fine gennaio le iscrizioni a Rally Italia Talent 2020 hanno toccato quota 10.000. Questo importante numero, mai raggiunto nelle edizioni passate, testimonia l’apprezzamento crescente per la manifestazione ideata da Renzo Magnani e lanciata da ACI Sport nel 2014. Il suo format permette agli aspiranti rallisti di provare a mettersi in luce per coronare un sogno: partecipare gratuitamente, come piloti o come navigatori, a una vera gara valida per i Campionati o i Trofei titolati ACI Sport.

Una corsa per tutti

Come ricorda l’hashtag #rallypertutti, Rally Italia Talent 2020 accetta le candidature più varie da parte di chiunque abbia compiuto almeno 16 anni (i minorenni devono presentare la liberatoria dei genitori), a prescindere dal fatto che abbia o no una licenza oppure la patente. Da quest’anno, l’invito a iscriversi è valido anche per le persone diversamente abili. L’Organizzazione si è dotata infatti di un simulatore e di una SWIFT a cambio robotizzato con comandi speciali, studiati ad hoc per chi è colpito da paraplegia agli arti inferiori. L’obiettivo di Rally Italia Talent e Suzuki è quello di abbattere le barriere sociali e di permettere ai meno fortunati di affrontare tutte le prove di destrezza, al pari degli altri concorrenti e in totale sicurezza.

La sicurezza prima di tutto

Oltre a diffondere la passione per i motori e i più alti valori dello sport, il progetto di Rally Italia Talent dà grande importanza alla sicurezza e, proprio per questo, gode del patrocinio della FIA - Action for Road Safety. Tutti i partecipanti al talent sono affiancati da uno staff di rallisti di provata esperienza internazionale sempre pronti a consigliare ed insegnare ai concorrenti. Le loro indicazioni permettono a tutti di affinare le capacità e di migliorare il controllo dell’auto, sia in pista che in strada.

Coinvolgimento totale

Suzuki SWIFT Sport rappresenta il mezzo ideale per fare emergere il talento dei piloti e per consentire loro di sviluppare una grande sensibilità di guida; è rigida e leggera al tempo stesso, due caratteristiche che le permettono di avere reazioni rapide e sincere a ogni intervento sullo sterzo, sui freni e sull’acceleratore. SWIFT Sport offre il massimo coinvolgimento nella guida sportiva, mentre nell’uso quotidiano l’integrazione tra uomo e macchina è favorita da una dotazione che rispetta la filosofia “tutto di serie, senza sorprese”. Nell’equipaggiamento spiccano tutti i principali dispositivi di assistenza alla guida ADAS di ultima generazione. Grazie alla loro presenza, al volante di SWIFT Sport ci si sente un po’ come si se avesse accanto un copilota invisibile, sempre vigile e pronto a segnalare eventuali situazioni di pericolo.

Le prossime tappe di Rally Italia Talent

21/22/23 febbraio – Circuito Internazionale d’Abruzzo (CH)

29 febbraio/1 marzo - Autodromo del Levante (BA)

6/7/8 marzo – Circuito Internazionale di Busca (CN)

13/14/15 marzo - Autodromo di Pergusa (EN)

condivisioni
commenti
Aci Rally Italia Talent 2020: tutti in pista a Viterbo

Articolo precedente

Aci Rally Italia Talent 2020: tutti in pista a Viterbo

Prossimo Articolo

Paolo Diana: sulle orme di Ken Block con una 131 tutta nuova

Paolo Diana: sulle orme di Ken Block con una 131 tutta nuova
Carica commenti