La serie torna al Mugello per il quinto round stagionale

La serie torna al Mugello per il quinto round stagionale

C'è da aspettarsi grande battaglia in tutte le classi

Dopo la pausa estiva, riprende il cammino della Targa Tricolore Porsche, organizzata da Italia Motorsport - Porsche Club Italia in collaborazione con Pirelli, verso il finale di stagione che si presenta incandescente per le sfide in atto in tutti i Trofei. Il prestigioso Autodromo del Mugello darà il via al rush finale che prevede ancora 3 appuntamenti. Il prossimo fine settimana 17-18 e 19 settembre si svolgerà la quinta tappa del monomarca Porsche dove i protagonisti dei campionati GT3 Cup, GT Open Cup e Cayman Cup non potranno più concedersi distrazioni vista la competitività registrata in questa stagione. Significativo il record stagionale degli iscritti (149 piloti), un dato che conferma la Targa Tricolore Porsche miglior monomarca del panorama nazionale. Nel campionato GT3 Cup sono stati 4 diversi piloti ad aggiudicarsi le vittorie precedenti: Ermes Lombardi (Bonaldi Motorsport) è andato a segno proprio sul circuito toscano in occasione della gara di apertura. Vallelunga ha incoronato Ivan Costacurta (Ebimotors), mentre sul tracciato francese del Paul Ricard è stato Stefano Bianconi (Ebimotors) ad imporsi. Sul veloce tracciato di Monza è stato Fabrizio Bignotti (Autorlando) a tagliare per primo il traguardo. Bianconi conduce nella classifica con sole 2 lunghezze sul compagno di scuderia della Ebimotors Costacurta. Ma il rientro di Francesco Castellacci (Petri Corse) e gli ultimi piazzamenti ottenuti da Giorgio Venica (Wheels Competition), e Bignotti, lasciano ancora incerta la lotta per il primato. Potrebbero arrivare piazzamenti a sorpresa anche da “Gioga” (Bellspead), che proprio nella precedente gara toscana conquistò la seconda piazza, e di Federico Borrett (Borrett Motorsport). Confermata la presenza del veloce Vito Postiglione (Petri Corse), vincitore assoluto della gara di Monza, ma non iscritto al campionato. In odore di titolo è invece il leader della classe GT3 r2 Alessandro Lovato (Bonaldi Motorsport): al vincitore di tutte le gare precedenti basterà controllare il suo diretto avversario Claudio Terenzi (Star Cars) per mettere fine alla sfida. Da non sottovalutare gli handicap previsti dal regolamento per i migliori piazzati delle gare precedenti: Villa, Bignotti, Postiglione e Lovato dovranno sommare 1”20 al loro miglior tempo ottenuto nel corso delle prove ufficiali. Castellacci, Venica, Terenzi e Minach 0”80. Bianconi, e Barbieri 0”60. Costacurta, Greco e Fornaroli 0”40. Borrett 0”20. Nella GT Open Cup, si rinnova la lotta fra il leader della classifica della GT2 r1 Luigi Lucchini (BMS Scuderia Italia) e la coppia “Spidy”-Rino Mastronardi (GDL Racing), che accusa soltanto 6 lunghezze di distacco dal capoclassifica. Dopo l’ultima vittoria di Monza, la coppia GDL Racing si è avvicinata minacciosa a Lucchini, autore dal canto suo di ben 3 vittorie su 4 gare disputate. Il terzo incomodo sarà ancora una volta Giovanni Caligaris con l’inseparabile GT2 993, che proprio sul tracciato toscano potrebbe consegnargli l’ennesima vittoria della sua prestigiosa carriera. Sembra abbastanza delineata la sfida per il titolo della classe GT3 r1: Stefano Bianconi e Giacomo Scanzi (Ebimotors) vantano 21 punti su Alberto Brambati (Antonelli Motorsport), e 23 sulla coppia Giorgio Venica-Giorgio Soravito (Wheels Competition). Dopo il ritiro di Monza, Fausto Broggian e Paolo Ruberti (Autorlando) si sono allontanati dalla vetta della classifica, ma rimangono comunque avversari ostici. La coppia Alberto Rodio e Giancarlo Tanzi (Starcars), leader assoluti di classe GT3 r2, si troveranno di fronte a un bel gruppo di avversari. Primo contendente è sicuramente Lovato che sarà affiancato dal rientrante Alberto Caneva. Debuttano invece in classe GT2 r2 con una 997 Cup S la coppia Stefano Borghi e Gianluca De Lorenzi (GDL Racing) con serie intenzioni di conquistare la vittoria assoluta della gara endurance che si articolerà su 48’ più il giro finale, con cambio pilota obbligatorio. Ospite della quinta tappa della Targa Tricolore il direttore del settimanale Autosprint Alberto Sabbatini, che sarà al via della gara endurance con la Cayman “Evo 2”. Il poker di vittorie nelle 4 gare precedenti del Trofeo Cayman Cup 2010, ha contraddistinto il dominio del bresciano Giacomo Scanzi (Ebimotors). Scanzi vanta 29 punti sul diretto avversario Marco Macori (Starcars), unico in grado di contrastarne ormai la leadership. Il compagno di squadra Marco Masutti rappresenta il possibile outsider per la vittoria della tappa toscana avendo dimostrato nel corso della stagione di avere doti velocistiche molto interessanti. Ormai ad un passo dal titolo della Selection Cup il debuttante Vincenzo Donativi (Starcars), che dovrà vedersela con gli avversari di sempre Gianluigi Piccioli (Ebimotors), secondo in classifica, e Massimo Tempestini (Nos Racing) che segue nell’ordine. La costante rimonta di “Boga” (Bellspeed), che nelle ultime 2 gare ha centrato sempre posizioni da podio, accenderà ancor di più la sempre spettacolare sfida in pista. Fabrizio Ferrari (GDL Racing) e Antonio Montruccoli (Starcars) gli altri avversari. Gli handicap previsti dal regolamento, graveranno su Scanzi e Donativi, che dovranno sommare 1”2 al loro miglior crono delle prove ufficiali. Macori e “Boga” 0”80, Masutti, Giudici, Tempestini e Mosconi 0’’60. Bravetti e Montruccoli, Zabotti e Ferrari 0”40. Piccioli 0”20. Saranno ben 71 le vetture stradali che nel corso del weekend toscano saranno impegnate nelle previste prove di abilità. La serie addestrativa della Formula Club monopolizzerà gran parte delle prime due giornate del lungo weekend del Mugello. Nel corso della giornata di domenica è possibile effettuare sessioni di prove libere con vetture stradali dietro prenotazioni in loco.
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Porsche Targa Tricolore
Articolo di tipo Ultime notizie
Tag carburanti alternativi, celle a combustibile, inquinamento, libri, mobilità sostenibile