Misano: Un giro di pista con Eric Scalvini

condivisioni
commenti
Misano: Un giro di pista con Eric Scalvini
Di: Emanuele Fasano
11 giu 2016, 15:15

Il pilota del team Dinamic Motorsport spiega come va guidata la 911 GT3 Cup sul tracciato della Riviera romagnola

Eric Scalvini, Dinamic Motorsport va largo
Eric Scalvini, Dinamic Motorsport
Eric Scalvini, Dinamic Motorsport

Eric Scalvini è uno dei sette giovani che quest’anno prendono parte allo Scholarship Programme di Porsche Italia. Il driver bresciano, classe 1995, ha esordito quest’anno nella serie tricolore e sta dando prova gara dopo gara di poter competere per le parti alte della classifica. 

Al pilota del team Dinamic abbiamo chiesto di spiegarci un giro di pista di Misano, in ottica della seconda gara del weekend in programma questo pomeriggio alle 18.05:

“Il rettilineo va affrontato in quinta marcia, si arriva alla prima staccata ai 100 metri, si scala in terza e si affronta la prima a destra per poi scalare in seconda per fare la curva di sinistra. Successivamente si esce nuovamente sulla sinistra, per poi passare sulla destra della variante del Parco, dove dobbiamo usare quarta e quinta marcia. Si arriva al Rio scalando ancora in seconda, poi abbiamo Curva 5 e Curva 6, con quest’ultima che in uscita chiede la terza, poi giù con la quarta e la quinta e ci troviamo alla Quercia. Qui scaliamo fino alla seconda e freniamo ai 100 metri, per passare poi fino alla quinta che viene inserita poco prima del Tramonto. Questo punto richiede una staccata piuttosto decisa, frenando con la macchina piuttosto storta e scomposta, scaliamo in seconda e poi gas aperto fino alla sesta per trovarsi al Carro Veloce. Sfruttiamo la quinta con la macchina molto leggera, poi la quarta per fare il destra più stretto del Carro, torniamo flatout sul gas per poi dirigersi verso il Carro lento che si fa di seconda marcia. Una volta usciti arriviamo fino alla quarta, si alleggerisce un po’ la vettura per andare sulla sinistra ed arrivare all’ultima curva, la Misano, che affrontiamo in terza frenando ai 50 metri poi aprire tutto il gas sul rettifilo finale”.

Prossimo articolo Carrera Cup Italia
Matteo Cairoli “turista per caso” nel paddock di Misano

Articolo precedente

Matteo Cairoli “turista per caso” nel paddock di Misano

Prossimo Articolo

Mattia Drudi sul gradino più alto del podio di Gara 2 nella Carrera Cup Italia

Mattia Drudi sul gradino più alto del podio di Gara 2 nella Carrera Cup Italia
Carica commenti

Su questo articolo

Serie Carrera Cup Italia
Evento Misano
Sotto-evento Gara 2
Location Misano Adriatico
Piloti Eric Scalvini
Autore Emanuele Fasano
Tipo di articolo Ultime notizie