Le motivazioni dell’appello della Dinamic Motorsport dopo le qualifiche di Vallelunga

condivisioni
commenti
Le motivazioni dell’appello della Dinamic Motorsport dopo le qualifiche di Vallelunga
Di: Emanuele Fasano
10 set 2016, 15:09

Classifica sub iudice per la serie tricolore dopo la prima gara di Vallelunga

La strada si è messa leggermente in salita per la Dinamic Motorsport, che a Valleunga si è presentata in testa alla classifica team della Carrera Cup Italia. Al termine delle qualifiche di ieri, due piloti della squadra reggiana, Mattia Drudi ed Alex De Giacomi, hanno visto cancellati i loro tempi da parte dei commissari di gara poiché le loro vetture, durante la pausa tra le due qualifiche sono state lasciate sollevate sui martinetti. Il regolamento della serie recita che le vetture in regime di parco chiuso devono rimanere a terra, mentre per gli uomini della Dinamic i martinetti sono parte integrante della vettura stessa, ed inoltre hanno espressamente dichiarato di non aver minimamente fatto alcun intervento in quel frangente.

Da qui nasce l’appello della squadra capitanata da Maurizio Lusuardi, che in questo modo lascia uno spiraglio aperto a Drudi per il titolo 2016. Qualora non fosse però accolto, il pilota romagnolo rimarrebbe a secco di punti, compromettendo seriamente le possibilità di vederlo entrare nell’albo d’oro del monomarca tricolore.

Prossimo articolo Carrera Cup Italia
Vallelunga: Gara 1 raccontata dai protagonisti della Carrera Cup Italia

Articolo precedente

Vallelunga: Gara 1 raccontata dai protagonisti della Carrera Cup Italia

Prossimo Articolo

Sotto la pioggia di Vallelunga Ledogar si conferma leader della Carrera Cup Italia

Sotto la pioggia di Vallelunga Ledogar si conferma leader della Carrera Cup Italia
Carica commenti

Su questo articolo

Serie Carrera Cup Italia
Evento Vallelunga
Sotto-evento Qualifiche
Location Vallelunga
Piloti Mattia Drudi
Team Dinamic Motorsport
Autore Emanuele Fasano
Tipo di articolo Ultime notizie