Carrera Cup Italia, svelata anche in Italia la nuova 911 GT3 Cup

Nel paddock di Vallelunga Porsche Italia ha messo a disposizione di interessati, curiosi e "flash" il modello monomarca 992, rimasto in mostra durante il weekend del quarto round stagionale e che sarà impiegato in pista a partire dalla prossima stagione tricolore: ecco filosofia e caratteristiche di un'auto dal carico aerodinamico ancora più elevato e che promette miglioramenti dell'1% dei tempi sul giro (variabile a seconda del layout della pista). Vedremo se con ABS oppure no.

Carrera Cup Italia, svelata anche in Italia la nuova 911 GT3 Cup
Presentazione della nuova Porsche 992 GT3 2022
Presentazione della nuova Porsche 992 GT3 2022
Presentazione della nuova Porsche 992 GT3 2022
Presentazione della nuova Porsche 992 GT3 2022
Presentazione della nuova Porsche 992 GT3 2022
Presentazione della nuova Porsche 992 GT3 2022
Presentazione della nuova Porsche 992 GT3 2022
Presentazione della nuova Porsche 992 GT3 2022
Presentazione della nuova Porsche 992 GT3 2022
Presentazione della nuova Porsche 992 GT3 2022
Presentazione della nuova Porsche 992 GT3 2022
Presentazione della nuova Porsche 992 GT3 2022
Presentazione della nuova Porsche 992 GT3 2022

Unveiling di lusso nel paddock di Vallelunga durante il quarto round della Carrera Cup Italia. Sabato e domenica scorsi Porsche Italia ha messo in mostra a disposizione dei presenti, fra interessati, curiosi e operatori media, la nuova 911 GT3 Cup che sarà impiegata nel monomarca tricolore a partire dalla prossima stagione.

Naturalmente il nuovo modello 992 è già impiegata in Porsche Supercup da inizio 2021 e non è dunque una novità assoluta, ma l'occasione è stata ideale per tornare a discuterne. Non solo a livello di filosofia e caratteristiche (che riportiamo più sotto), ma anche rispetto a come l'innovativa vettura, chiamata a sostituire un modello già molto avanzato e competitivo come la 991 gen.II, sarà appunto utilizzata in Italia.

Il nodo centrale è legato all'impiego oppure no dell'ABS. In realtà una decisione definitiva non è ancora stata presa ma, anche dalle risultanze di un meeting con i team manager, sembra che i favori delle stesse squadre e della maggior parte dei piloti spingano nella direzione di non adottare più questi tipo di sistema frenante. Tempo un mese e si dovrebbero conoscere le risultanze definitive, anche perché la pianificazione della prossima stagione è già in atto.

Le caratteristiche della nuova 992

L'ultima nata è la settima generazione della 911 GT3 Cup. Ormai da trent'anni la vettura monomarca più venduta al mondo (prodotti più di 4200 esemplari) continua ad aggiornarsi e anche in quest'ultimo modello il lavoro di ottimizzazione è stato curato in ogni particolare, tanto che l'evoluzione ha riguardato tutti gli aspetti di questa blasonata vettura, nel rispetto delle caratteristiche che da sempre ne esaltano lo stile.

In primis sono attese performance mai raggiunte prima dalla “Cup” e con la crescita delle prestazioni è salito il livello degli standard di sicurezza, obiettivo irrinunciabile per Porsche (confermato anche di recente dalle risultanze dei "botti" visti a Imola e proprio a Vallelunga domenica scorsa, con i piloti usciti praticamente illesi) e che ha visto ulteriormente irrobustire la cellula di sicurezza e presentare elementi che rispettassero le ultime norme FIA.

Il propulsore è il tradizionale 6 cilindri “flat” da 4 litri e 510 cavalli (375kW), 25 in più rispetto al precedente, a 8400 giri. La massima coppia, 470 newtonmetri, si raggiunge a 6150 giri. Il cambio è sequenziale a 6 rapporti come il precedente ma ulteriormente ottimizzato: è più rapido nei cambi di marcia e garantisce minori rischi di danni in caso di errori di cambiata.

Esteriormente la nuova 911 GT3 Cup presenta un aspetto più “imponente” ed è leggermente più larga della precedente, con elementi di design riguardanti anche prese d'aria aggiuntive che favoriscono la reattività e la guidabilità della vettura. Aspetto che Porsche ha curato con attenzione è proprio quello dell'aerodinamica, più “estrema” e affinata. Ora l'auto è capace di generare maggior carico e presenta nuovi spoiler e un'ala posteriore più grande e regolabile in undici posizioni differenti.

Migliorie sono state apportate anche all'interno dell'abitacolo, dove spiccano elementi di nuova ergonomicità, come il rinnovato sedile da corsa, o che ricordano quelli introdotti sulla Porsche 919 Hybrid plurivincitrice alla 24 Ore di Le Mans, a iniziare dal Rubber Switch Panel (RSP). Si tratta di un pannello interruttori con dieci pulsanti in gomma grazie al quale il pilota può gestire le funzionalità della vettura. Un'innovazione che si aggiunge al nuovo display a colori centrale da 10,3 pollici che promette al pilota una più chiara visualizzazione dei dati chiave e delle informazioni più importanti.

In generale, la tecnologia è spinta ai livelli più alti su quest'ultima generazione di 911 GT3 Cup, con la quale Porsche mira a superare i 5000 esemplari prodotti in totale dal 1990 e a un miglioramento dell'1% dei tempi sul giro (dipende naturalmente anche dal layout di ciascuna pista).

condivisioni
commenti
Carrera Cup Italia, Raptor leader in Michelin Cup ma è corsa contro il tempo

Articolo precedente

Carrera Cup Italia, Raptor leader in Michelin Cup ma è corsa contro il tempo

Prossimo Articolo

Carrera Cup Italia, Vallelunga avvicina Montagnese alla Silver Cup

Carrera Cup Italia, Vallelunga avvicina Montagnese alla Silver Cup
Carica commenti