Carrera Cup Italia, Mugello: Quaresmini accorcia e rilancia

Il campione 2018 si gode la pole position conquistata questa mattina e ora in classifica è a meno 5 da Cerqui. Il duello fra i due si ripeterà in gara 1...

Carrera Cup Italia, Mugello: Quaresmini accorcia e rilancia

Il Mugello non poteva regalare una qualifica più emozionante tra i duellanti più attesi in questo secondo round della Porsche Carrera Cup Italia. Il turno preliminare alle due gare, appunto le prove ufficiali, alla fine ha premiato Gianmarco Quaresmini su Alberto Cerqui, con il gap in classifica che si riduce immediatamente di 3 punti in vista della supersfida ora annunciata in gara 1 alle 17.20 di oggi pomeriggio.

Il pilota di Tsunami RT è ora a 5 punti dal duo Cerqui-Iaquinta (quest'ultimo assente al Mugello) e dunque anche il campionato è sempre più al limite dopo i record sul giro frantumati questa mattina. Quaresmini ha costruito la sua pole position in particolare nel settore centrale dell'autodromo toscano, quello della Casanova-Savelli e delle due Arrabbiate dove pilota e assetto della vettura si sono perfettamente sposati, come lo stesso Quaresmini ha fatto intendere a fine prove.

La sua disamina della qualifica è stata puntuale: "Sono contentissimo, la macchina come sempre era perfetta e il tempo fatto segnare nella PQ2 non mi sorprende. Nel mio miglior giro della PQ1 ho trovato un po' di traffico in un paio di punti. Ho dovuto anche alzare leggermente il piede in discesa alla Casanova-Savelli e ho perso un po'. Però lì ho capito subito che almeno c'erano 3-4 decimi di margine rispetto al 49"9 fatto. Poi un bel giro in PQ2. Andare sotto a un 49"4 sarà dura qui...".

Ora il pensiero vola verso la partenza di oggi pomeriggio: "Visti anche i tempi, nel test di giovedì il passo gara era veramente ottimo e forse sotto questo aspetto siamo messi anche meglio che in qualifica. Perciò l'obiettivo è quello di provare a scappare facendo ritmo fin da subito. Intanto comunque 3 punti per la pole position li abbiamo presi e ci riportiamo sotto in campionato!".

A pochi metri di distanza, nel paddock della Carrera Cup Italia c'è un Cerqui che a sua volta racconta un po' il paradosso di aver fatto un tempo addirittura migliore di quello della pole, ma in PQ1 (1'49"436 contro l'1'49"492 di Quaresmini), non riuscendo a ripetersi poi nel turno decisivo. Per tutto, però, c'è una spiegazione.

La dà lo stesso alfiere del team Q8 Hi Perform, che comunque per gara 1 si accomoderà in prima fila: "Ho messo metà gomma nella sabbia in una curva e ho perso un paio di decimini, un 49"2/3 era alla portata. Solitamente si abbassa un po' rispetto alla PQ1 e sentivo che quel piccolo margine c'era. Ho fatto ugualmente un buon tempo in 49"5, ho provato a rilanciarmi ma nonostante fossi il più veloce nel primo settore ormai la gomma era un po' consumata e non mi ha permesso di migliorare. La prima fila alla fine va sempre bene. Vedremo in gara di gestire bene la gomma perché al Mugello è importante avere un ottimo bilanciamento della vettura negli ultimi giri. La gara sarà molto tecnica: è importante spingere, ma spingere il giusto per non andare poi in crisi".

condivisioni
commenti
Carrera Cup Italia, Mugello: Quaresmini di forza in pole position!

Articolo precedente

Carrera Cup Italia, Mugello: Quaresmini di forza in pole position!

Prossimo Articolo

Carrera Cup Italia, Mugello: Gattuso c'è e ora cerca il podio

Carrera Cup Italia, Mugello: Gattuso c'è e ora cerca il podio
Carica commenti