Carrera Cup Italia 2017

Carrera Cup Italia, Monza: Rovera resiste a Drudi e vince una pazza gara 1

Il varesino di Tsunami RT pecede il riminese e si prende 20 punti fondamentali. Ora è a sole tre lunghezze da Pera, che ha concluso 3° dopo la penalty comminata a un temerario Kruglyk. Pastorelli primo centro in Michelin Cup

Venti punti fondamentali sono quelli che si è preso Alessio Rovera in una gara 1 dalle mille battaglie a Monza, che ospita l'ultimo round della Carrera Cup Italia. Il portacolori Tsunami RT è scattato bene dalla pole position riuscendo a precedere Mattia Drudi, che gli partiva al fianco, all'ingresso del temuto imbuto della prima variante, mentre Enrico Fulgenzi conservava la terza piazza.

Ma subito è safety car, impiegata dalla direzione gara dopo la toccata tra Ivan jacoma e Gianmarco Quaresmini, in pratica tamponato dallo svizzero proprio alla prima curva. Un doppio ritiro che permette a Riccardo Pera di ritrovarsi da 12° subito al nono posto alle spalle di Andrii Kruglyk, con il quale ingaggerà un duello serrato per tutta la gara senza però riuscire a superarlo, se non nel dopo-gara per una penalizzazione di 25 secondi comminata al driver ucraino di Tsunami RT.

Ma andiamo con ordine. Alla ripartenza, pochi giri dopo sono Daniele Cazzaniga (Ghinzani Arco Motorsport) e Simone Pellegrinelli (Bonaldi Motorsport) a uscire alla prima variante con conseguente ritiro per entrambi, mentre lottavano per la quarta posizione. Posizione raggiunta a quel punto da Kruglyk, inseguito da Pera, Francesca Linossi e Ronnie Valori.

Nel frattempo davanti è serratissima la battaglia fra Rovera e Drudi, che attacca in ogni modo il leader ma senza trovare lo spiraglio giusto e dovendosi accontewntare del secondo posto sul traguardo. Anche dietro si scatenava la battaglia, con Fulgenzi che veniva raggiunto da Kruglyk-Pera-Linossi-Valori. Sorpassi e controsorpassi per diversi giri in un quintetto di fuoco, fin quando Kruglyk toccava Fulgenzi all'Ascari. Il driver marchigiano è finito in testacoda ed è stato centrato da Valori, che sopraggiungeva, con conseguente ritiro per entrambi e 911 GT3 Cup molto danneggiate.

Obbligata l'ingresso della safety car con una manciata di minuti ancora per terminare la gara, che in pratica è stata congelata con Rovera davanti a Drudi, Kruglyk, Pera e Linossi, oltre a Luca Pastorelli, che ha vinto la Michelin Cup, e Alex De Giacomi.

Nell'immediato dopo gara Kruglyk è stato però penalizzato proprio per la toccata su Fulgenzi e così Pera ha guadagnato il terzo gradino del podio. Oltre a due punti in più, fondamentali in vista di gara 2 di domenica alle 10.10 (diretta tv su Dmax), quando a partire, sempre per effetto della penalty a Kruklyk (precipitato da 3° a 13°) e della griglia invertita in pole position partirà De Giacomi con al fianco il compagno di squadra Pastorelli in una prima fila tutta Dinamic Motorsport,mentre Pera scatta 4° e Rovera 6°.

La classifica di gara 1

POS. Pilota Team Tempo/distacco
01. Alessio Rovera Tsunami RT 15 giri in 32'16”799 media 161,5 km/h
02. Mattia Drudi Dinamic Motorsport +0"643
03. Riccardo Pera Ebimotors +2"887
04. Francesca Linossi Dinamic Motorsport +3"693
05. Luca Pastorelli Dinamic Motorsport +5"828
06. Alex De Giacomi Dinamic Motorsport +6"981
07. Livio Selva Ebimotors +8"942
08. Lino Curti Tsunami RT +9"958
09. Hans-Peter Koller Ghinzani Arco Motorsport +10"878
10. Carlo Curti Tsunami RT +11"365
11. Federico Reggiani Ghinzani Arco Motorsport +12"112
12. Walter Ben Bonaldi Motorsport +13"331
13. Andrii Kruglyk Tsunami RT +26”647
14. Enrico Fulgenzi Ghinzani Arco Motorsport + 3 giri
15. Ronnie Valori Dinamic Motorsport + 3 giri
       
Gpv     Il 5° di Drudi 1'51”235 media 187,5 km/h

 

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Carrera Cup Italia
Evento Monza
Sub-evento Gara 1
Circuito Monza
Articolo di tipo Gara
Topic Carrera Cup Italia 2017