Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia

Carrera Cup Italia | Monza: Ten Voorde batte le safety car in gara 1!

Incidenti e contatti, fra cui quello che mette fuori gioco i battistrada Masters e Iaquinta, portano a ben tre periodi di neutralizzazione durante la prima corsa del quarto round stagionale, ma l'asso olandese di EF Racing non perde mai il controllo e ne approfitta rientrando pienamente nella rincorsa al titolo, dove ora Quaresmini (2° oggi) ha agganciato Malucelli (8°) e con Agostini (5°), Bertonelli (3° a completare il podio) e Cerqui (10°) racchiusi in una manciata di punti. De Amicis, invece, allunga ancora in Michelin Cup. Domenica gara 2 alle 12.30 con in diretta tv su Cielo e Sky Sport Max

#25 Larry Ten Voorde, EF Racing

E' perfetto Larry Ten Voorde fra i contatti, gli incidenti e le tre safety car che hanno caratterizzato una caotica e per quel poco che siè potuto ammirare per la verità anche spettacolare gara 1 del quarto round della Porsche Carrera Cup Italia a Monza.

Scattato dalla griglia di partenza in terza posizione, dopo un fantastico testa a testa al primo giro con Simone Iaquinta (appaiati dalla Roggia fino all'Ascari!), l'asso olandese di EF Racing ha guadagnato il comando poco dopo la ripartenza dalla seconda safety car, al giro 5, quando lo stesso Iaquinta e il poleman e in quel momento leader Keagan Masters sono venuti a contatto in frenata della Prima Variante.

Il due volte campione e alfiere di Ghinzani Arco Motorsport si è fermato dopo pochi metri con la sospensione rotta, ma anche il rientrante sudafricano poco dopo ha dovuto ritirarsi con l'auto danneggiata. Una vera beffa, con i due che si ritroveranno comunque in prima fila domani (domenica) alle 12.30 per lo start di gara 2 (diretta Sky Sport Max e Cielo): stavolta con Iaquinta in pole e Masters secondo.

Quello del giro 5 che ha messo fuori i battistrada è stato il colpo di scena più importante della corsa, ma non certo l'unico. Al via era già caos in Prima Variante, con Giorgio Amati (Dinamic Motorsport) che forse non accorgendosi della presenza di Zakhar Slutskii all'interno toccava il rookie di Target Competition causando per entrambi il ritiro.

Primo giro e prima safety car con due ritiri eccellenti, dunque. Tre tornate di neutralizzazione e al giro 4 restart con posizioni immutate davanti: Masters, Iaquinta e Ten Voorde seguiti da Gianmarco Quaresmini (Dinamic Motorsport), Diego Bertonelli (Bonaldi Motorsport) e il duo di Villorba Corse Benny Strignano e Riccardo Agostini.

Un giro e al nuovo passaggio in prima variante il fattaccio fra Iaquinta e Masters consente agli inseguitori di guadagnare due posizioni e di fatto definisce il podio finale con Ten Voorde (autore lucidissimo anche del giro più veloce in 1'51"219) davanti a Quaresmini, che con i punti del secondo posto al momento torna in testa alla classifica in coabitazione con Matteo Malucelli, e Bertonelli terzo a ritrovare la festa dello champagne dopo qualche gara decisamene meno fortunata.

Il giro 5, però, è decisivo anche per Jorge Lorenzo. Il pluricampione della MotoGP era all'attacco della top-10 dopo aver passato indenne le caotiche fasi inziiali, ma la 911 GT3 Cup del Team Q8 Hi Perform ha poi temrinato la propria corsa nella ghia della Lesmo 1 in conseguenza di un contatto con Malucelli, che in quel momento cercava il sorpasso sul maiorchino. Roba da "under investigation".

Al contrario di Lorenzo, finito in testacoda, il capoclassifica forlivese capoclassifica forlivese è riuscito a continuare e al traguardo ha ottenuto un prezioso ottavo posto, che al momento gli permette di rimanere in vetta anche se in coabitazione con Quaresmini.

Grazie a una gara competitiva ma regolare, un po 'come quella di Quaresmini e Bertonelli, in top-5 con le 911 GT3 Cup di Villorba Corse hanno quindi concluso Strignano e Agostini, ora distante solo 2 punti dai leader di campionato.

A conferma dello speciale feeling che ha con Monza, Lodovico Laurini ha invece concluso sesto coronando una gran rimonta da 15esimo al via. Il parmense di Dinamic Motorsport è seguito al traguardo da Leo Caglioni, settimo e alla fine prima 911 GT3 Cup di Ombra Racing al traguardo, Malucelli ottavo, Andrea Fontana (Ebimotors) nono e Alberto Cerqui a completare la top-10 con un risultato che per il bresciano di BeDriver è dipeso soprattutto da una qualifica a centro gruppo.

All'esordio in Carrera Cup Italia, da notare anche l'arrivo a punti (14esimo) del 18enne austriaco Horst Felix Felbermayr (TDE), ultimo rampollo della dinastia che ha fondato il team Proton, legatissimo al marchio Porsche.

L'arrivo al traguardo è avvenuto sotto safety car perché dopo sole due tornate dalla ripartenza dalla seconda neutralizzazione, avvenuta al giro 8, Enrico Fulgenzi si è girato in frenata alla Parabolica finendo nella via di fuga e toccando anche le barriere della curva intitolata a Michele Alboreto.

Dunque terzo intervento della vettura di sicurezza necessario per permettere la rimozione e arrivo praticamente in parata poche tornate dopo.

Quasi in contemporanea al testacoda di Fulgenzi, Paolo Gnemmi (Ebimotors), in quel momento secondo in Michelin Cup dopo essere stato superato dal compagno di squadra Alberto De Amicis, è venuto a contatto in prima Variante con Artem Slutskii (Target Competition) perdendo diverse posizioni.

Nella Michelin Cup niente da fare, dunque, per il padrone di casa, che scattava dalla pole position di categoria. E' invece settimo sigillo stagionale su sette per De Amicis, sempre più vicino al titolo 2023 visto anche l'inarrestabile ritmo.

 Sul podio il pilota di Guidonia è stato raggiunto da Alex De Giacomi, ancora una volta piazza d'onore per l'alfiere di Tsunami RT, e da Max Montagnese, raggiante per il primo podio conquistato in Michelin Cup con la 911 GT3 Cup del Team Malucelli. Top 5 di categoria completata da Gianluca Giorgi (BeDriver) e Francesco Fenici (AB Racing).

Domani (domenica) gara 2 concluderà un quarto atto davvero combattuto finora con partenza alle 12.30 e la diretta tv in chiaro su Cielo (26 digitale terrestre) e via satellite su Sky Sport Max (Sky 205), oltre che in live streaming sempre in HD su www.carreracupitalia.it.

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente Carrera Cup Italia | Monza: l’esordio di Pisani sognando la zona punti
Prossimo Articolo Carrera Cup Italia | Monza: Ten Voorde inarrestabile è già a ridosso dei primi

Top Comments

Non ci sono ancora commenti. Perché non ne scrivi uno?

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia