Carrera Cup Italia, Misano: Quaresmini e Iaquinta a caccia di risposte

La stagione del monomarca di Porsche Italia prende il via con i tre favoriti della vigilia nelle prime tre posizioni dopo la pole position di Cerqui, inseguito dagli altri due attesi protagonisti, tutt'altro che intenzionati di mollare anche solo un centimetro...

Carrera Cup Italia, Misano: Quaresmini e Iaquinta a caccia di risposte

La griglia di partenza di gara 1 della Porsche Carrera Cup Italia a Misano, ore 21.30 su Sky SPort Collection e www.carreracupitalia.it, è bella "calda" anche se la corsa si disputa appunto in serata. Alberto Cerqui ha fatto la pole position con record ma immediatamente alle spalle si ritrova gli altri due attesi protagonisti e sfidanti per il titolo 2021. Gianmarco Quaresmini secondo al suo fianco in prima fila e Simone Iaquinta terzo, con alle spalle un bel nugolo di giovani dello Scholarship Programme.

Entrambi sno ben intenzionati a non mollar eun centimetro al via e in gara. In particolare Quaresmini, che nel dopo-qualifiche ci ha anche un po' rimuginato su  che ieri sere nelle libere era comunque risultato il più veloce: “Ero lì stamattina - ha raccontato il campione 2018 alfiere del team Tsunami -. Ho voluto provare come lo scorso anno a entrare, scaldare solo il giro di uscita e poi iniziare subito a spingere. Avrei dovuto scaldare tutto un po' meglio, perché nel primo settore la gomma non era pronta al 100% e infatti il gap l'ho pagato tutto lì e fino a metà del secondo settore. Nel terzo e nel quarto ho addirittura recuperato rispetto a Cerqui. Comunque siamo lì, è una bella prima fila. Sappiamo entrambi che abbiamo un buon passo, possiamo fare una bella gara e ce la giocheremo”.

Senza dubbio i due bresciani partono con un vantaggio, ma Iaquinta non sarebbe certo nuovo a exploit in rimonta. Così si è espresso il campione in carica dopo il suo primo sabato di Carrera Cup Italia con Dinamic Motorsport, non perdendo affatto il buonumore: “Sono contento perché comunque rimanere nelle posizioni di vertice è sempre importante. In fin dei conti nel 2020 solo nell'ultima a Monza quando mi giocavo il titolo ho fatto la pole, di solito mi sono sempre qualificato quinto/sesto. Quindi la seconda fila va bene anche se sono convinto che avrei potuto fare meglio. Non abbiamo svolto molti test, abbiamo raccolto il massimo. Qui ho provato solo nel giovedì pre-gara e quindi pure sulla simulazione siamo al lavoro. Saremo della partita ma siamo arrivati un passo alla volta, quando abbiamo iniziato il weekend non eravamo già pronti”.

condivisioni
commenti
Carrera Cup Italia, Amati rookie al top in casa a Misano: "Devo dare gas!"
Articolo precedente

Carrera Cup Italia, Amati rookie al top in casa a Misano: "Devo dare gas!"

Prossimo Articolo

Carrera Cup Italia, Misano: Cerqui emerge dal buio di gara 1

Carrera Cup Italia, Misano: Cerqui emerge dal buio di gara 1
Carica commenti