Carrera Cup Italia, Michelin Cup: Mardini vince, Pastorelli impressiona

condivisioni
commenti
Carrera Cup Italia, Michelin Cup: Mardini vince, Pastorelli impressiona
Di:
08 apr 2019, 14:41

Il campione in carica di GDL Racing esce dal primo round a Monza di nuovo a punteggio pieno, ma la sensazione è che la concorrenza, con il driver modenese in testa, sia più competitiva

Bashar Mardini, GDL Racing
Bashar Mardini, GDL Racing
Luca Pastorelli, Dinamic Motorsport
Luca Pastorelli, poleman Michelin Cup
Le Porsche di Alex De Giacomi ed Enrico Fulgenzi, Tsunami RT, nel garage
Alex De Giacomi, Tsunami RT
Marco Cassarà, Ombra Racing
Marco Cassara, Ombra Racing, Luca Pastorelli, Dinamic Motorsport e Bashar Mardini, GDL Racing
Marco Cassarà, Ombra Racing

Anche se rimasto a volte "sottotraccia" (lì davanti i Pro erano scatenati!), lo spettacolo della Michelin Cup può ben dire la sua nel primo round della Carrera Cup Italia andato in scena a Monza. Anche se il re non cambia.

Bashar Mardini è ripartito da "vero" campione in carica. Il canadese di GDL Racing ha messo a segno una perentoria doppietta che lo lancia quasi in fuga già alla luce della prima stagionale. In realtà è ancora troppo presto. Perché lui, oltre al fatto che sbaglia davvero di rado anche nei "corpo a corpo", è sicuramente e maledettamente veloce nella categoria, ma la concorrenza non è rimasta ferma dopo la "lezione" del 2018.

Mardini lo sapeva già, ma intanto incassa il primo dividendo 2019. E nonostante una penalty comminatagli per un contatto: "Ho avuto 5 secondi da aggiungere al mio tempo di gara - ha detto poi -, ma ho vinto lo stesso riuscendo a fare doppietta! E vincere qui a Monza è un po’ più speciale. Tutto è andato quindi bene e sono davvero felice per questo inizio di stagione”.

A Monza però ha impressionato anche Luca Pastorelli. Il gentleman drive rmodenese si è ripresentato in splendida forma alla riapertura delle ostilità e anche grazie al lavoro svolto da Dinamic Motorsport ha fatto segnare una pole position che ha sorpreso solo in parte.

In gara è stato poi sfortunato al sabato, quando un contatto davvero sfortunato con il rookie Lodovico Laurini non gli ha permesso di andare molto oltre alla Prima Variante al via... Fatto che lo ha portato a scattare da molto indietro in gara 2, dove è poi stato autore di una rimonta strepitosa fino al nono posto assoluto e secondo subito dietro a Mardini.

Anche Alex De Giacomi, dopo anche i problemi al cambio patiti nelle libere, con tanto di successiva sostituzione, ha dimostrato la verve dei giorni migliori. In gara 1 ha concluso secondo lottando a lungo con il campione in carica e poi anche per lui un po' di sfortuna ha compromesso la possibilità di avere due risultati da podio: il pilota bresciano di Tsunami RT ha infatti dovuto ben presto scontare un drive through per aver ecceduto sul limite di velocità ai box nei giri di allineamento.

Anche in Michelin Cup la Carrera Cup Italia è un monomarca dove ormai errori o sfortune si pagano tanto, vista la compattezza riscontrata in gruppo. Lo ha capito bene Marco Cassarà, che mantenendo sangue freddo a fronte di qualche inconveniente occorsogli in gara (su tutti un testacoda e un contatto in gara 1) ha portato a casa due preziosi terzi posti: "Il campionato è lungo - ha spiegato il pilota romano di Ombra Racing - e avere iniziato con due podi consecutivi è estremamente importante: il passo gara c’è, occorre forse migliorare in qualifica”.

Per tutti prova del nove a Misano dal 17 al 19 maggio...

Prossimo Articolo
Carrera Cup Italia: anche Kujala spicca il volo, ma non da solo...

Articolo precedente

Carrera Cup Italia: anche Kujala spicca il volo, ma non da solo...

Prossimo Articolo

Carrera Cup Italia, salgono le quote di AB Racing: "Ma c'è da lavorare"

Carrera Cup Italia, salgono le quote di AB Racing: "Ma c'è da lavorare"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Carrera Cup Italia
Evento Monza
Autore Gianluca Marchese
Sii il primo a ricevere le
ultime notizie