Carrera Cup Italia, Imola: in Michelin Cup occhio a quei... tre!

Bagarre attese e confermate nella categoria dei gentlemen drivers dove dietro a un grande Mardini, doppietta all'esordio per il canadese, Cassarà, Mercatali e De Giacomi annunciano battaglia.

Carrera Cup Italia, Imola: in Michelin Cup occhio a quei... tre!
Podio Michelin Cup: Bashar Mardini, GDL Racing e Marco Cassara, Ombra Racing, festeggiano
Bashar Mardini, GDL Racing
Marco Cassarà, Ombra Racing
Podio Michelin Cup
Azione in pista
Alex De Giacomi, Tsunami RT
Emiiano Perrucca Orfei, Guest Car
Carica lettore audio

Bashar Mardini è stato senza dubbio il dominatore della Michelin Cup nel primo round della Carrera Cup Italia a Imola. Senza intoppi (bravissimo in un weekend di "botte" come quello appena vissuto) e mai in reale discussione la leadership del canadese di GDL Racing, che era pure all'esordio non solo nel prestigoso monomarca, ma pure sul circuito del Santerno. Un esordio condito anche dalla prima fila in gara 2 sotto ai "riflettori" di Italia 1. Legittima la sua gioia a fine ostilità. Così come quella del team manager Gianluca De Lorenzi.

Ma occhio a quei... tre! Marco Cassarà, Niccolò Mercatali e Alex De Giacomi si sono spartiti i posti rimanti del podio dedicato ai gentlemen drivers e ora che hanno fatto la prima esperienza stagionale, un po' temuta soprattutto per l'esordio sulla nuova 911 GT3 Cup, ancora più competitiva dell'evoluzione precedente, guardano con fiducia alle prossime "mosse".

Cassarà insegue il titolo di Michelin Cup da diverse stagioni e dopo l'assenza del 2017 è tornato portando all'esordio Ombra Racing: "E' andata bene, in gara 2 ero attaccado a Mardini e soltano negli ultimi minuti ho preferito mantenere la seconda posizione. Un terzo e un secondo posto al primo weekend vanno benissimo, sono punti davvero importanti e ora ci vediamo a Le Castellet".

 

Mercatali, rientrato nel team Dinamic Motorsport (che per la categoria ha "acquistato" anche Federico Reggiani), il gentlemen toscano racconta: "Gara 2 non ho fatto podio perché al secondo giro ho subito una tamponata alla Rivazza 1 e mi sono ritrovato con due ruote nella ghiaia. Mi hanno sfilato in tre, compreso De Giacomi, e non sono riuscito a riprenderlo. Peccato, perché il passo c'era. Ho chiuso quarto e ci accontentiamo, ma il secondo posto in gara 1 è importante".

Infine il campione Michelin Cup 2014 e 2016. Per Alex De Giacomi, non è stato affatto un weekend semplice quello di Imola, passato perlopiù a guardare gli scarichi dei diretti rivali. Poi in gara 2 il podio che potrebbe significare molto in ottica campionato. Il suo, forse, inizia proprio da questo terzo posto: "Non posso dire di essere soddisfatto - spiega il bresciano -,  ma contento sì. Non è stato semplice salire su questo podio, visti i problemi che avevamo, da metà gara in poi ho dovuto stringere i denti.  Posso dire che il bicchiero è mezzo pieno e a Le Castellet spero ci presenteremo in buona forma, anche se non ho mai girato sulla pista in configurazione lunga".

condivisioni
commenti
Carrera Cup Italia, Imola conferma la "linea giovane"
Articolo precedente

Carrera Cup Italia, Imola conferma la "linea giovane"

Prossimo Articolo

Carrera Cup Italia, weekend da guerriero per Pellegrinelli a Imola

Carrera Cup Italia, weekend da guerriero per Pellegrinelli a Imola
Carica commenti