Carrera Cup Italia, Imola: 5" a Iaquinta in gara 2, Monaco promosso secondo

condivisioni
commenti
Carrera Cup Italia, Imola: 5" a Iaquinta in gara 2, Monaco promosso secondo
Di:

Penalty al campione in carica per il contatto con Moretti nelle prime fasi: la classifica generale si accorcia ancora di più. Sanzionati anche Vukov e Pastorelli ma di fatto senza cambiare la classifica.

Tre penalità sono state decise dai commissari nel post-gara 2 del terzo round della Porsche Carrera Cup Italia a Imola. La più importante riguarda i 5 secondi inflitti a Simone Iaquinta. Giunto secondo alle spalle di Gianmarco Quaresmini, il campione in carica perde la piazza d'onore a vantaggio di Stefano Monaco, rimanendo comunque terzo sul podio (a questo punto "switchato") e in vetta alla classifica di campionato, seppure con due punti in meno. La penalty è stata comminata per il contatto che ha visto protagonista il driver calabrese con Marzio Moretti nelle prime fasi della corsa alla Piratella.

Le altre due decisioni, invece, sono di fatto "trasperenti" ai fini delle classifiche di campionato. Una riguarda Risto Vukov, al quale sono stati inflitti 5 secondi per aver provato una partenza alla Rivazza nel giro di schieramento., ma il driver macedone, autore di una bella rimonta dal 22esimo posto in griglia, aveva comunque conquistato l'11esima posizione fuori dalla zona punti e quindi poco cambia se perde una posizione a vantaggio di Giovanni Altoè.

In Michelin Cup, invece, Luca Pastorelli è stato penalizzato di 10 secondi per il contatto che ha fatto finire in testacoda Leonardo Caglioni al secondo giro in zona Villeneuve. Il capoclassifica della categoria nonostante la penalizzazione conserva il secondo posto sul podio alle spalle di Bashar Mardini e dunque resta al comando della generale di classe.

Ecco dunque la classifica di gara 2 a Imola:

1. Quaresmini (Tsunami RT – Centro Porsche Brescia) 17 giri in 29'54”195 alla media di 167,0 km/h; 2. Monaco (Dinamic Motorsport – Centro Porsche Modena) a 3”595; 3. Iaquinta (Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche di Milano) a 5”416; 4. Moretti (Bonaldi Motorsport – Centro Porsche Bergamo) a 7”311; 5. Fumanelli (Q8 Hi Perform) a 9”714; 6. Laurini (Dinamic Motorsport – Centro Porsche Mantova) a 10”210; 7. Baldan (Dinamic Motorsport – Centro Porsche Bologna) a 17”868; 8. Festante (Ombra Racing – Centro Porsche Padova) a 18”267; 9. Mardini (Tsunami RT – Centro Porsche Verona) a 27”390; 10. Skaras (Ombra Racing – Centro Porsche Torino) a 32”158; 11. Altoè (Raptor Engineering – Centro Porsche Catania) a 37”689; 12. Vukov (GDL Racing – Centro Porsche Bari) a 42”109; 13. Pastorelli (Krypton Motorsport) a 52”171; 14. Palazzo (Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche di Milano) a 55”472; 15. Randazzo (AB Racing – Centri Porsche di Roma) a 1'01”301; 16. Locanto (SVC – Centro Porsche Firenze) a 1'04”489; 17. Galassi (Team Malucelli) a 1'07”543; 18. Josephsohn (GDL Racing) a 1'09”638; 19. Caglioni (Ombra Racing – Centro Porsche Padova) a 1'33”860; 20. Bianconi (Ghinzani Arco Motorsport) a 1 giro; 21 Donzelli (GDL Racing) a 1 giro; 22. Parisini (Team Malucelli) a 1 giro; 23. Cerqui (AB Racing – Centri Porsche di Roma) a 5 giri.

Giro più veloce: L'8° di Fumanelli in 1'44”425 alla media di 169,2 km/h.

Carrera Cup Italia, per Quaresmini a Imola è questione di feeling

Articolo precedente

Carrera Cup Italia, per Quaresmini a Imola è questione di feeling

Prossimo Articolo

Carrera Cup Italia, è "terzetto di mischia" al giro di boa di Imola

Carrera Cup Italia, è "terzetto di mischia" al giro di boa di Imola
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Carrera Cup Italia
Evento Imola
Location Imola
Autore Gianluca Marchese