Carrera Cup Italia: anche Kujala spicca il volo, ma non da solo...

condivisioni
commenti
Carrera Cup Italia: anche Kujala spicca il volo, ma non da solo...
Di:
08 apr 2019, 09:55

Hanno impressionato gli esordi del finlandese di Bonaldi Motorsport e del giovanissimo Conwright per il team Dinamic nella prima del monomarca di Porsche Italia a Monza

Il vincitore della gara Diego Bertonelli, Dinamic Motorsport
La partenza di Gara 2
Simone Iaquinta, Ghinzani Arco Motorsport
Enrico Fulgenzi, Tsunami RT
Patrick Kujala, Bonaldi Motorsport
Porsche nel paddock
Podio di Gara 2

Il "round one" della Porsche Carrera Cup Italia 2019 a Monza non lascia spazio a dubbi: lo spettacolo, l'equilibrio e i duelli ruvidi ma corretti (sperando che continuino così) visti in pista sono stati il preludio di una stagione di altissimo livello per il monomarca tricolore, con almeno 7-8 piloti in grado di giocarsi i primissimi posti.

Solo tra un paio di tappe potremo dire con maggior precisione in quanti si giocheranno il titolo, certo è che il capoclassifica Diego Bertonelli, il suo compagno di squadra Jaden Conwright e Patrick Kujala hanno iniziato con il piede giusto. I discorsi sono invece rimandati a Misano in maggio per Enrico Fulgenzi (pole in qualifica e poi due gare sfortunate), Tommaso Mosca (sempre competitivo, ma bisognoso di confermare senza smanie la continuità "passo passo" vista nella bella rimonta in gara 2) e Simone Iaquinta (davvero trasformato rispetto alla foga di 12 mesi fa e sfortunato vincitore poi escluso in verifica in gara 2).

Fra tutti, certamente i volti nuovi di Conwright e Kujala sono due novità rilevanti. Ha impressionato il californiano di Dinamic Motorsport, andando ben oltre le aspettative degli ossevatori e anche degli stessi addetti ai lavori. A parte la velocità, il 19enne pilota proveniente dalle formula ha stupito per come ha gestito questo esordio tra un nugolo di "volponi".

Aggressivo al punto giusto, mai oltre le righe, incappato in sbavature (non veri e propri errori che avrebbero potuto compromettere la gara di lui e di altrui) soltanto quando ci potevano stare e soprattutto concentrato e focalizzato sull'obiettivo che per lui resta prioritario: fare chilometri e imparare il più possibile.

Stare per due gare intere nella scia di Bertonelli e poi in quella di Kujala e Iaquinta, per sua stessa ammissione, ha giovato eccome, anche nel comprendere meglio la questione della gestione degli pneumatici.

Ora Conwright è lì, a due punti da Bertonelli e con due punti su Kujala. Vero, il 22enne pilota finlandese vanta già una lunga carriera in auto, tra formula e GT, dove tra l'altro aveva già vinto tante gare e diversi titoli in Lambo. Però a Monza il portacolori di Bonaldi Motorsport ha portato molto di più del suo piede destro.

E' stato freddo quando ha avuto problemi nelle libere (girando per appena 10 giri) e anche in gara 1, conclusa al quarto posto nonostante una vettura non del tutto a posto di convergenza. Esaltanti (e corretti) i suoi due duelli con Iaquinta, poi, durati lungo tutte e due le gare. Quindi una vittoria arrivata anche con la fortuna dopo una gara 2 sembre in lotta anche con Conwright, ma che non sposta la sostanza: primo o secondo, lui c'è e ha portato una ventata di esperienza mista a professionalità che senza dubbio ha fatto e farà ancora bene anche ai suoi rivali, se si dimostreranno buoni osservatori...

Nel dopo gara 2, Kujala ha quindi commentato così la sua prima esperienza nella Carrera Cup Italia: “Sono molto contento per la vittoria anche se, ovviamente, avrei preferito fosse giunta direttamente dalla pista. Il debutto nel monomarca Porsche è stato in linea di massima molto positivo, considerando che non avevo percorso tanti chilometri con la 911 GT3 Cup; dopo questo weekend sono sicuro potremmo fare ancora di più, in questi tre giorni abbiamo infatti raccolto dati molto utili per migliorare e adattare il mio stile di guida alla nuova vettura. Sono conscio, in particolare, che ho margini per migliorare la gestione della frenata, completamente differente alle vetture che ho guidato negli ultimi anni”.

Ecco le situazioni di classifica con le quali si riprenderanno i discorsi a Misano dal 17 al 19 maggio:

Assoluta: 1. Bertonelli p.30; 2. Conwright 28; 3. Kujala 26; 4. Sager 14; 5. Iaquinta 13.

Michelin Cup: 1. Mardini p.22; 2. Cassarà 12; 3. De Giacomi 10; 4. Pastorelli e Nicolle 8.

Silver Cup: 1. Mercatali e Reggiani p.11; 3. Galassi e La Marca 8; 5. Sartori 6.

Team: 1. Dinamic Motorsport p.32; 2. Bonaldi Motorsport 26; 3. AB Racing 13; 4. Ghinzani Arco Motorsport 12; 5. GDL Racing 7.

Prossimo Articolo
Carrera Cup Italia, Monza: clamorosa squalifica di Iaquinta, a Kujala gara 2

Articolo precedente

Carrera Cup Italia, Monza: clamorosa squalifica di Iaquinta, a Kujala gara 2

Prossimo Articolo

Carrera Cup Italia, Michelin Cup: Mardini vince, Pastorelli impressiona

Carrera Cup Italia, Michelin Cup: Mardini vince, Pastorelli impressiona
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Carrera Cup Italia
Evento Monza
Autore Gianluca Marchese
Sii il primo a ricevere le
ultime notizie