Esclusivo: Aci Sport chiede la gestione di Pergusa

Esclusivo: Aci Sport chiede la gestione di Pergusa

Il presidente Marasco presenterà oggi la richiesta per rilanciare l'autodromo siciliano

La notizia è clamorosa: l'Aci Sport chiederà oggi la gestione dell'autodromo di Pergusa. Il tracciato siciliano che circonda il lago di Proserpina ad Enna è ostaggio di quattro Enti che non riescono a rilanciarlo come meriterebbe, ora che la velocissima pista è stata dichiarata conforme all'attività agonistica. Antonio Marasco, presidente dell'Aci Sport, la società che ha il compito di promuovere le corse per conto della Federazione Italiana, essendo un siciliano convinto vuole passare all'azione: "Non è giusto che l'automobilismo di vertice si fermi a Vallelunga perché in tutto il meridione non esiste una struttura capace di organizzare importanti eventi internazionali". Proprio questa mattina da Roma partirà un'offerta dell'Aci Sport per chiedere la gestione dell'autodromo per rilanciare la struttura: "Sono sicuro - prosegue Marasco - che si possa fare un buon lavoro: a volte dobbiamo andare a correre all'estero perché non ci sono impianti adeguati in Italia a rispondere alle esigenze dei campionati italiani. Quella deve essere una scelta e non un obbligo: bisogna fare qualcosa per rilanciare le corse al sud che, fra l'altro, hanno un'alta densità di licenziati". Pergusa è controllata da un Consorzio molto politicizzato: Regione, Provincia, Comune di Enna e l'Aci locale. "Sono sicuro che Pergusa possa diventare una struttura attrattiva - conclude Marasco - si potrebbero organizzare gare e test anche in pieno periodo invernale beneficiando di condizioni climatiche estremamente favorevoli, quando altrove è impossibile girare".
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati ALTRE MONOPOSTO
Articolo di tipo Ultime notizie