Zarco: "VR46 non può distruggere il legame Ducati-Pramac"

Il pilota francese spera di proseguire la sua avventura in Ducati anche nella prossima stagione e si è detto convinto che Pramac manterrà il suo rapporto privilegiato con Borgo Panigale anche se dovesse arrivare la VR46 come secondo team satellite.

Zarco: "VR46 non può distruggere il legame Ducati-Pramac"

Johann Zarco è stato uno dei grandi protagonista di questa prima parte di stagione della MotoGP. Il francese è già salito due volte sul podio nelle due gare in Qatar e dopo il GP di Doha si era ritrovato addirittura in testa alla classifica del Mondiale.

La cosa che stona un po' è che anche se ormai siamo arrivati alla quinta gara della stagione, il pilota della Ducati Pramac non sa ancora quale sarà il suo futuro. Dopo il quinto posto in griglia conquistato nella sua gara di gara, il Gran Premio di Francia a Le Mans, il due volte iridato della Moto2 ha spiegato che il suo obiettivo è proseguire il percorso con la Casa di Borgo Panigale, magari rimanendo proprio in Pramac.

"Dovremo parlarne presto, ma non lo abbiamo ancora fatto. Il mio obiettivo comunque è rimanere con la Ducati per la mia caccia al titolo. Se cambiassi ancora moto, perderei troppo tempo... E io non ho tempo da perdere!", ha detto Zarco

"Quindi l'obiettivo è quello di rimanere con Ducati e anche con Pramac, perché sto bene in questa squadra e posso lottare per il titolo. Spero di andare in quella direzione ed è per questo che sto cercando di fare il miglior lavoro possibile. Ma anche che sia reciproco, che io voglia rimanere, ma che loro vogliano tenermi", ha aggiunto.

Leggi anche:

Sul tavolo però si è aggiunta una nuova variabile, perché in trattativa con la Ducati c'è anche il Team VR46 di Valentino Rossi, che gode di uno sponsor importante come la compagnia petrolifera saudita Aramco e quindi punta ad avere materiale ufficiale.

Anche se dovesse concretizzarsi l'accordo tra l'azienda bolognese ed il nuovo team della classe regina, secondo Johann questo non andrà ad intaccare il rapporto privilegiato di cui gode Pramac, essendo stato uno junior team di alto livello per tanti anni, che ha ottenuto grandi risultati e fatto crescere piloti per il team ufficiale.

"Il rapporto tra Pramac e Ducati è davvero buono, ma ci può essere sempre qualche affare che prende il sopravvento. Ma ognuno gioca le sue carte e penso che Pramac sia ben integrata, quindi se dovesse succedere, non credo che sarà nell'immediato futuro", ha spiegato.

"Se la VR46 dovesse diventare un riferimento in Ducati, non sarà una cosa immediata secondo me. Dall'Igna è sempre il grande capo e si vede che non è solo un uomo d'affari, ma che è anche un uomo di sport. Penso che il rapporto che si è creato non possa essere distrutto dall'arrivo della squadra di Rossi", ha concluso.

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
1/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
2/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
3/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
4/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
5/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
6/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
7/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
8/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
9/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
10/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
11/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
12/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
13/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
14/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
15/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
16/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
17/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
18/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Fotogallery MotoGP: le qualifiche nel pazzo meteo di Le Mans

Articolo precedente

Fotogallery MotoGP: le qualifiche nel pazzo meteo di Le Mans

Prossimo Articolo

MotoGP: la griglia di partenza del GP di Francia

MotoGP: la griglia di partenza del GP di Francia
Carica commenti
Perché la Yamaha rischia di perdere Valentino Rossi Prime

Perché la Yamaha rischia di perdere Valentino Rossi

Il prossimo passo della carriera di Valentino Rossi in MotoGP dovrebbe avere un'influenza di grande portata su un certo numero di piloti e squadre sulla griglia. Ma probabilmente l'impatto più grande sarà quello sulla Yamaha...

Vinales e Ferrari: bocciature pesanti in MotoGP e F1 Prime

Vinales e Ferrari: bocciature pesanti in MotoGP e F1

Il fine settimana tra MotoGP e Formula 1 non è certo stato clemente con Maverick Vinales e la Ferrari. Lo spagnolo è stato, senza mezzi termini, autore del suo fine settimana peggiore da quando veste i colori Yamaha: ultimo al via, ultimo all'arrivo. Non è andata meglio alla Ferrari che, dopo le prime libere al Paul Ricard, si è vista sfilare praticamente da tutto lo schieramento, chiudendo lontana dalla zona punti e trovandosi con un distacco pesante dalla McLaren nel campionato costruttori

Formula 1
22 giu 2021
Pagelle MotoGP: Vinales sempre più a picco Prime

Pagelle MotoGP: Vinales sempre più a picco

Tanti promossi e tanti bocciati nel Gran Premio di Germania di MotoGP. Le pagelle commentate e stilate da Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes, responsabile MotoGP per Motorsport.com.

MotoGP
22 giu 2021
MotoGP: La griglia di partenza del Gran Premio di Germania Prime

MotoGP: La griglia di partenza del Gran Premio di Germania

Andiamo a scoprire la griglia di partenza della classe regina del Motomondiale 2021 sul tracciato del Sachsenring.

MotoGP
20 giu 2021
Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez? Prime

Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez?

Il recupero dell'otto volte campione del mondo procede più a rilento del previsto anche a causa di una Honda poco competitiva. Questo fine settimana però si va al Sachsenring, dove è imbattuto dal 2010 comprese le classi minori: sarà l'occasione giusta per rivederlo al top?

MotoGP
16 giu 2021
Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP? Prime

Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP?

Nonostante occupino oltre il 70% dello schieramento di partenza della classe regina, italiani e spagnoli insieme hanno firmato appena una vittoria nei primi 7 GP del 2021. Tre li ha vinti la Francia, due l'Australia ed uno il Portogallo: la nuova ventata è anche geografica?

MotoGP
12 giu 2021
Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria" Prime

Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria"

Intervista esclusiva a Marco Melandri, con il quale andiamo ad analizzare quanto successo dopo il Gran Premio d'Italia al Mugello ed a Barcellona nel Motomondiale. A proposito del tema sicurezza, il ravennate si dice preoccupato in vista della doppia gara al Red Bull Ring, circuito teatro lo scorso anno di un incidente terrificante e per il quale non vi sono stati lavori di adeguamento

MotoGP
11 giu 2021
KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia" Prime

KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia"

Le aspettative sulle possibilità che la KTM potesse replicare i successi del 2020 in questa stagione di MotoGP ha reso il suo inizio difficile ancora più deludente. Ma un aggiornamento chiave ha invertito le sorti della Casa austriaca, riportandola sul gradino più alto del podio a Barcellona.

MotoGP
9 giu 2021