MotoGP
04 apr
Evento concluso
G
GP d'Argentina
08 apr
Rinviato
G
GP delle Americhe
15 apr
Rinviato
G
GP del Portogallo
18 apr
Prove Libere 1 in
2 giorni
G
GP di Spagna
02 mag
Gara in
18 giorni
G
GP di Francia
16 mag
Gara in
32 giorni
G
GP d'Italia
30 mag
Gara in
46 giorni
G
GP della Catalogna
06 giu
Gara in
53 giorni
G
GP di Germania
20 giu
Gara in
67 giorni
G
GP d'Olanda
27 giu
Gara in
74 giorni
G
GP di Finlandia
11 lug
Gara in
88 giorni
G
GP d'Austria
15 ago
Gara in
123 giorni
G
GP di Gran Bretagna
29 ago
Gara in
137 giorni
G
GP di Aragon
12 set
Gara in
151 giorni
G
GP di San Marino
19 set
Gara in
158 giorni
G
GP del Giappone
03 ott
Gara in
172 giorni
G
GP della Tailandia
10 ott
Gara in
179 giorni
G
GP d'Australia
24 ott
Gara in
193 giorni
G
GP di Malesia
31 ott
Gara in
200 giorni
G
GP di Valencia
14 nov
Gara in
214 giorni

Zarco spiega i motivi del suo no al vaccino contro il COVID

Il pilota francese della Ducati Pramac, che ha preso la decisione di rimanere in Qatar tra i test e le gare, ha spiegato cosa lo ha portato a rifiutare per il momento il vaccino contro il COVID-19.

Zarco spiega i motivi del suo no al vaccino contro il COVID

Mentre quasi tutti i membri del team factory Ducati e di Pramac hanno lasciato il Qatar al termine dei test pre-stagionali, andati in scena dal 5 al 12 marzo, Johann Zarco ha deciso di rimanere nel paese in attesa dell'inizio della stagione, fissato per il weekend.

Zarco, che quest'anno farà il suo debutto nel team satellite Ducati e guiderà una moto factory, che avrà anche il supporto della Casa di Borgo Panigale, ha scelto di non tornare a casa durante la pausa di quasi due settimane tra i test e le prime due gare, che si svolgeranno entrambe a Losail.

"Sono rimasto in Qatar, così non ho dovuto prendere degli aerei ed ho evitato di stare negli aeroporti. Non volevo rifare tutti i controlli a causa del problema del COVID, ci sono troppe scartoffie. Ho scelto di rimanere qui, nell'hotel di Doha", ha spiegato Zarco durante un evento di presentazione del Gran Premio di Francia, al quale ha partecipato in videoconferenza.

"Siamo nella bolla. Ci sono altri ospiti nell'hotel, non solo membri della MotoGP, ma siamo separati, non abbiamo nemmeno gli stessi ascensori. Abbiamo accesso alla piscina, ma non entriamo dalla stessa parte degli altri ospiti. Lo stesso vale per la palestra, ce ne sono due diverse. Possiamo allenarci bene, alcuni giorni sono andato in circuito a correre. Siamo tra i 38 ed i 40 grandi, è una piccola preparazione per il caldo che dovremo sopportare. Mi piace così", ha detto il pilota di Cannes.

Gli organizzatori del campionato, oltre a riuscire a creare una bolla con tutti i membri del paddock in Qatar, sono riusciti a raggiungere un accordo con le autorità sanitarie locali per offrire la vaccinazione contro il COVID-19 a tutta la famiglia della MotoGP.

Dello stesso autore, leggi anche:

Zarco, tuttavia, ha declinato l'offerta e per il momento non è stato vaccinato.

"Molte persone l'hanno fatto, ma personalmente ho preferito aspettare, per prendere un po' di tempo con questo vaccino", ha detto.

"Sicuramente non ci saranno effetti collaterali, ma preferisco aspettare. Finché facciamo tutti i test PCR per poter accedere al paddock, non è obbligatorio per tutti. Questo è anche ciò che mi permette di essere paziente", si è giustificato.

Nel 2020, Zarco ha corso con una Ducati GP19 gestita dal Team Avintia, e quest'anno invece avrà a disposizione una GP21 con i colori Pramac, team nel quale si sente davvero a casa.

"Ho un ottimo feeling con la squadra. Anche nella pausa caffè stiamo insieme e scherziamo. Mi sento a casa, come quando ero in Tech3, dove ho riscoperto la possibilità di divertirmi. In pista eravamo concentrati sul lavoro, ma fuori ci siamo divertiti. Con Pramac è lo stesso. Ci sono state serate in cui non abbiamo cenato in pista e siamo stati in grado di farlo insieme in hotel ed è stata una cosa buona per creare un legame. Quando funziona tutto questo, va meglio anche nel box"

Sul fronte sportivo, il pilota transalpino non nasconde le sue ambizioni.

"Mi piacerebbe arrivare al livello raggiunto da Miller alla fine dell'anno scorso, quindi salire sul podio in diverse gare e lottare per vincere", ha detto.

"L'anno scorso ci sono stati molti vincitori diversi e questo mi fa pensare: perché non io? Il mio obiettivo è di stare vicino al podio e, se va tutto bene, pensare a vincere. Bisogna essere realisti e darsi tempo per progredire, anche se nei test abbiamo visto che posso stare tra i primi cinque. Possiamo puntare alla top 5 e se farò dei progressi, potrei salire sul podio. Poi c'è sempre il titolo, ma per il momento quello è ancora un sogno", ha aggiunto.

Come la maggior parte dei piloti di MotoGP, Zarco è del parere che Marc Marquez sarà sulla griglia fin dall'inizio del Mondiale 2021.

"Sarà qui per la foto di gruppo di giovedì. Ha già iniziato i test, sarà abbastanza in forma per fare tutto il fine settimana. Lo spero per lui, perché è stato fermo per molto tempo. Ha le capacità per ritrovare il ritmo rapidamente, se il suo braccio non gli darà fastidio. Ma anche se dovesse avere un po' di fastidio, penso che sarà comunque veloce", ha assicurato il pilota della Costa Azzurra.

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
1/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
2/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
3/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
4/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
5/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
6/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
7/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
8/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
9/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
10/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
11/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing Francesco Bagnaia, Ducati Team

Johann Zarco, Pramac Racing Francesco Bagnaia, Ducati Team
12/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
13/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
14/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
15/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
16/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
17/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
18/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
19/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
20/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
21/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
22/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
23/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
24/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
25/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
26/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
27/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
28/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
29/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
30/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
31/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
32/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
33/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
34/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
35/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
36/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
37/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
38/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
39/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
40/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
41/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
42/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
43/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
44/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
45/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
46/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
47/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
48/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
49/49

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
MotoGP 2021: gli orari TV di Sky, DAZN e TV8 del GP del Qatar

Articolo precedente

MotoGP 2021: gli orari TV di Sky, DAZN e TV8 del GP del Qatar

Prossimo Articolo

Marc Marquez ha deciso: non correrà in Qatar

Marc Marquez ha deciso: non correrà in Qatar
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Piloti Johann Zarco
Team Pramac Racing
Autore Germán Garcia Casanova
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021
La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader Prime

La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader

L'esplosione immediata del rookie della Ducati Pramac ha aggiunto un nuova stella all'elenco sempre più lungo dei piloti che possono ambire a fare grandi cose in MotoGP. Per lui, come per tanti altri, si prospetta un grande futuro, anche se al momento all'orizzonte non si vede ancora un talento capace di prendere l'eredità di quella leadership che è stata prima di Valentino Rossi e poi di Marc Marquez.

MotoGP
6 apr 2021
Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas Prime

Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas

Tanti promossi e tanti bocciati nel secondo appuntamento in Qatar, il Gran Premio di Doha. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes, Responsabile MotoGP per Motorsport.com, e Franco Nugnes.

MotoGP
6 apr 2021
Yamaha a due facce: il Factory Team convince, Petronas a picco Prime

Yamaha a due facce: il Factory Team convince, Petronas a picco

Umori opposti nelle due squadre della Casa di Iwata: quella ufficiale ha iniziato il 2021 alla grande, con una vittoria a testa per Vinales e Quartararo. Il box Petronas invece sembra entrato in crisi, con appena 4 punti a testa per Morbidelli e Rossi. I giapponesi stanno puntando tutto sui Factory?

MotoGP
5 apr 2021