MotoGP
G
GP del Qatar
05 mar
-
08 mar
G
GP delle Americhe
02 apr
-
05 apr
Prossimo evento tra
34 giorni
G
GP d'Argentina
16 apr
-
19 apr
Prossimo evento tra
48 giorni
G
GP di Spagna
30 apr
-
03 mag
Prossimo evento tra
62 giorni
G
GP di Francia
14 mag
-
17 mag
Prossimo evento tra
76 giorni
G
GP d'Italia
28 mag
-
31 mag
Prossimo evento tra
90 giorni
G
GP della Catalogna
04 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
97 giorni
G
GP di Germania
18 giu
-
21 giu
Prossimo evento tra
111 giorni
G
GP d'Olanda
25 giu
-
28 giu
Prossimo evento tra
118 giorni
G
GP di Finlandia
09 lug
-
12 lug
Prossimo evento tra
132 giorni
G
GP della Repubblica Ceca
06 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
160 giorni
G
GP d'Austria
13 ago
-
16 ago
Prossimo evento tra
167 giorni
G
GP di Gran Bretagna
27 ago
-
30 ago
Prossimo evento tra
181 giorni
G
GP di San Marino
10 set
-
13 set
Prossimo evento tra
195 giorni
G
GP di Aragon
01 ott
-
04 ott
Prossimo evento tra
216 giorni
15 ott
-
18 ott
Prossimo evento tra
230 giorni
23 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
238 giorni
G
GP della Malesia
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
244 giorni
G
GP di Valencia
12 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
258 giorni

Zarco si ispira a Lorenzo per la sua sfida in Ducati

condivisioni
commenti
Zarco si ispira a Lorenzo per la sua sfida in Ducati
Di:
26 gen 2020, 10:25

Per la sua prima stagione in sella alla Ducati dell'Avintia Racing, il francese si ispirerà al percorso fatto da Jorge Lorenzo con la Ducati.

Lo scorso anno è stato quasi un ottovolante per Johann Zarco. Dopo il passaggio alla KTM, il francese non è riuscito ad adattarsi alla moto e il rapporto con il team si è fatto sempre più teso. A quel punto, ha chiesto di terminare il suo contratto in maniera amichevole al termine della stagione, ma la Casa austriaca ha deciso di appiedarlo a sei gare dal termine della stagione, sostituendolo con Mika Kallio.

Anche se in un primo momento aveva manifestato interesse per un ritorno in Moto2 o per un ruolo da tester in MotoGP, per lui è arrivata un'altra occasione dalla Honda LCR, che gli ha offerto di sostituire l'infortunato Takaaki Nakagami nelle ultime tre gare della stagione.

Il ritiro di Jorge Lorenzo sembra potergli addirittura spalancargli le porte della HRC, ma alla fine la Honda ha deciso di puntare su Alex Marquez e per Zarco si è aperta la possibilità Avintia. Dopo un primo attacco ("Voglio andare in un top team e Avintia non lo è"), l'ex campione del mondo della Moto2 si è scusato ed ha firmato con la Ducati per correre nel suo team satellite nel 2020.

Leggi anche:

Consapevole del fatto che la Ducati non è una moto semplice, Zarco ha deciso di usare Jorge Lorenzo come fonte d'ispirazione e come esempio per provare a fare bene. "L'esempio di Lorenzo è molto positivo per me" ha dichiarato in un'intervista rilasciata a Motosprint.

"Perché ha uno stile di guida particolare. E' uno stile unico, così pulito e preciso, che non può essere veloce senza le sensazioni giuste. E' sempre stato senza mezze misure, o era lento o vinceva con la Ducati. Questo mi fa pensare che gli ingegneri della Ducati siano riusciti ad adattarsi a lui".

Nonostante un inizio ovviamente al di sotto delle aspettative, Lorenzo ha conquistato tre vittorie nella seconda metà del suo secondo anno con la Casa di Borgo Panigale, al Mugello, a Barcellona ed in Austria.

Questo ha dato un po' di speranza a Zarco: "Questo è il punto di forza della Ducati. Sono in grado di andare nella direzione del pilota, mentre in Honda, dove hanno un pilota forte come Marc, sono più conservatori. La Ducati ha aperto più possibilità con Dovizioso, Petrucci e Miller che sono saliti sul podio. Ecco perché devo solo lavorare sulle mie motivazioni, sulla mia determinazione e sulla mia velocità".

Sebbene in due stagioni abbia guidato la Yamaha, la KTM e la Honda con risultati altalenanti, Zarco ha spiegato che la sua ultima avventura del 2019 gli è servita per ritrovare fiducia. "Con quello che ho sofferto alla KTM, sono stato felice di recuperare il feeling con la Honda" ha detto. "Era rischioso, ma se non fossi stato in grado di andare forte su una moto con cui Marquez vinceva, significava che forse era meglio smettere. Un po' come è successo a Lorenzo".

"Non so perché non si sia sentito a suo agio con la Honda, forse a causa dei problemi fisici, e capisco la sua decisione di ritirarsi. Io non ho ottenuto un podio con la Honda, ma non sono stato lento. Quindi la sfida con la Ducati non mi spaventa. Ovviamente non ho potuto fare bene con la KTM, ma non hanno nemmeno una moto in grado di vincere le gare. Lorenzo ha un po' sofferto, ma poi ha vinto con la Ducati. E in generale molti piloti con stili diversi sono riusciti a fare bene con la Desmosedici. Questo mi dà fiducia" ha concluso.

Gallery: 12 piloti che si sono "riciclati" come collaudatori in MotoGP

Scorrimento
Lista

Casey Stoner - Honda y Ducati

Casey Stoner - Honda y Ducati
1/13

Foto di: Ducati Corse

Tras su prematura retirada, el bicampeón de MotoGP ejerció de probador primero de Honda y de Ducati después.

Dani Pedrosa - KTM

Dani Pedrosa - KTM
2/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Después de toda una vida ligado a Honda, cuando abandonó la competición aceptó la propuesta de KTM para ser su probador.

Randy de Puniet - Suzuki y KTM

Randy de Puniet - Suzuki y KTM
3/13

Foto di: KTM

Tras un breve paso por el WorldSBK, el francés fue uno de los encargados de llevar el desarrollo de Suzuki y KTM en su vuelta a MotoGP.

Stefan Bradl - Honda

Stefan Bradl - Honda
4/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Honda confía en el ex campeón de Moto2 para desarrollar la RC213V.

Bradley Smith - Aprilia

Bradley Smith - Aprilia
5/13

Foto di: Miquel Liso

Smith compagina su participación en MotoE con sus labores como probador de Aprilia desde 2019.

Jonas Folger - Yamaha

Jonas Folger - Yamaha
6/13

Foto di: Miquel Liso

El Síndrome de Gilbert obligó a Jonas Folger a retirarse temporalmente de la competición. Tras recuperarse, aceptó la propuesta de ser probador de Yamaha.

Sylvain Guintoli - Suzuki

Sylvain Guintoli - Suzuki
7/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

El ex campeón del WorldSBK es uno de los probadores de Suzuki desde que dejó el campeonato de las motos derivadas de serie.

Michele Pirro - Ducati

Michele Pirro - Ducati
8/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

El italiano compite en el CIV de Superbike, realiza algunos wild cards en MotoGP y es el probador de Ducati.

Hiroshi Aoyama - Honda

Hiroshi Aoyama - Honda
9/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

En sus últimos años como piloto, Aoyama ejerció de probador de Honda.

Mika Kallio - KTM

Mika Kallio - KTM
10/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Junto a Dani Pedrosa, Kallio forma un equipo de pruebas de lujo para KTM, disputando además varios grandes premios cada año.

Nobuatsu Aoki - Suzuki

Nobuatsu Aoki - Suzuki
11/13

Foto di: Suzuki MotoGP

El ex piloto ha formado parte del equipo de pruebas de Suzuki desde hace años tras dejar la competición.

Franco Battaini - Ducati

Franco Battaini - Ducati
12/13

Foto di: Ducati Corse

El veterano italiano llevó el peso del desarrollo de la Ducati a principios de esta década.

¿Acepatará Jorge Lorenzo la propuesta de Yamaha?

¿Acepatará Jorge Lorenzo la propuesta de Yamaha?
13/13

Foto di: Michelin Sport

Prossimo Articolo
Dall'Igna: "Rinnovi? Certi piloti rendono meglio sotto pressione"

Articolo precedente

Dall'Igna: "Rinnovi? Certi piloti rendono meglio sotto pressione"

Prossimo Articolo

MotoGP 2020: i numeri scelti dai piloti

MotoGP 2020: i numeri scelti dai piloti
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Piloti Jorge Lorenzo Acquista adesso , Johann Zarco
Autore Jose Carlos de Celis