Zarco "rocketman": nuovo record di velocità a 362,4 km/h!

Nel corso della FP4 del Gran Premio del Qatar, il pilota della Ducati Pramac è diventato il primo della storia della MotoGP ad infrangere il muro dei 360 km/h.

Zarco "rocketman": nuovo record di velocità a 362,4 km/h!
Carica lettore audio

Johann Zarco ieri è entrato nei libri di storia della MotoGP: il pilota francese è stato il primo a sfondare il muro dei 360 km/h in un weekend di gara e lo ha fatto in maniera abbondante, spingendo la sua Ducati del Pramac Racing addirittura a 362,4 km/h sul rettilineo di Losail.

Tra le altre cose, il francese aveva già ritoccato il precedente primato in occasione dei test collettivi svolti sempre in Qatar. In quel caso era arrivato a toccare i 357,6 km/h, ma quel primato era rimasto solo ufficioso, proprio perché non ottenuto in una sessione di un weekend di gara.

Il fine settimana del Gran Premio del Qatar, dunque, era cominciato con ancora il precedente record da battere, che era quello fatto segnare da Andrea Dovizioso durante la FP2 del Gran Premio d'Italia 2019 al Mugello: in quel caso, l'allora pilota della Ducati, aveva raggiunto i 356,7 km/h.

I piloti però non avevano grossi dubbi sul fatto che questo primato sarebbe caduto, anche perché un weekend di gara solitamente offre maggiori occasioni di trovare una scia. Dunque, i 1.068 metri del rettilineo di partenza del circuito qatariota erano il terreno di caccia perfetto, soprattutto per i piloti della Ducati, che sembra aver preso di nuovo un certo margine dal punto di vista della top speed.

Non a caso, sfruttando la scia dell'altra Desmosedici GP di Enea Bastianini, all'inizio della FP4, Zarco ha sfondato il muro dei 360 km/h con questo incredibile 362,4 km/h. Una velocità tale che, sommata alla scia, gli ha impedito di fermare la sua moto in staccata, finendo dritto nella ghiaia della via di fuga, fortunatamente riuscendo poi a rientrare in pista senza particolari problemi.

Leggi anche:

A fine giornata, Zarco ha spiegato che il record è stato frutto di due fattori fondamentali: "La scia ed una staccata ritardata. Bisogna combinare le due cose", ha detto Johann, lasciando intendere che dietro al suo lungo c'era quindi anche una frenata iniziata troppo a ridosso della curva 1.

Riguardo al primato, ha aggiunto: "Pensavo che fosse possibile arrivare a 360 km/h, ma non a 362, quindi sono felice. Fare un record è sempre un momento speciale. Anche se io freno molto presto, grazie a questo penso di avere una grande possibilità in gara, perché riesco a stare facilmente dietro agli altri piloti".

C'è anche però chi pensa che forse si stia iniziando ad andare un po' troppo oltre. Tra questi, per esempio, c'è il veterano del gruppo Valentino Rossi, che in un certo senso si aspettava una prestazione del genere da Zarco, anche se crede che al Mugello potrà essere ritoccata ulteriormente.

"Quest'anno mi aspettavo che l'accoppiata Ducati-Zarco potesse fare qualcosa del genere, perché la Desmosedici GP è velocissima sul rettilineo e Johann è molto bravo a stare in carena. Se il record è stato battuto qui in Qatar, penso che al Mugello potranno essere ancora più veloci".

Tuttavia, ha anche aggiunto che secondo lui la soglia del pericolo inizia molto prima e che questi numeri servono solamente a far esaltare gli appassionati, ma che ai piloti basterebbe andare anche meno in rettilineo.

"Riguardo alla pericolosità, penso che la soglia sia 330, oltre quella non c'è una grossa differenza. Questi numeri fanno sicuramente impazzire gli appassionati, ma credo che queste velocità siano pericolose comunque".

Johann Zarco, Pramac Racing
Johann Zarco, Pramac Racing
1/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing
Johann Zarco, Pramac Racing
2/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing
Johann Zarco, Pramac Racing
3/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing
Johann Zarco, Pramac Racing
4/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing
Johann Zarco, Pramac Racing
5/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing
Johann Zarco, Pramac Racing
6/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing
Johann Zarco, Pramac Racing
7/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing
Johann Zarco, Pramac Racing
8/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing
Johann Zarco, Pramac Racing
9/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing
Johann Zarco, Pramac Racing
10/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing
Johann Zarco, Pramac Racing
11/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing
Johann Zarco, Pramac Racing
12/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing
Johann Zarco, Pramac Racing
13/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing
Johann Zarco, Pramac Racing
14/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing
Johann Zarco, Pramac Racing
15/20

Foto di: Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
Johann Zarco, Pramac Racing
16/20

Foto di: Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing, Qatar
Johann Zarco, Pramac Racing, Qatar
17/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing
Johann Zarco, Pramac Racing
18/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing
Johann Zarco, Pramac Racing
19/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing
Johann Zarco, Pramac Racing
20/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Vinales: “Dovremo sfruttare i punti forti della moto”
Articolo precedente

Vinales: “Dovremo sfruttare i punti forti della moto”

Prossimo Articolo

Bastianini: “Rammarico per la Q2, ma non posso essere triste”

Bastianini: “Rammarico per la Q2, ma non posso essere triste”
Carica commenti
Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi” Prime

Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi”

In compagnia di Franco Nugnes e del Dottor Riccardo Ceccarelli, andiamo a fare il punto della situazione sulla stagione motoristica 2022 che si appresta a cominciare. Ad essere al centro del mirino è Marc Marquez: lo spagnolo dovrebbe essere sulla via della risoluzione delle sue problematiche legate alla vista, mentre per le condizioni fisiche generali in circa due mesi di duro allenamento dovrebbe tornare al top della forma

MotoGP
19 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia Prime

Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia

La gara di Valencia resterà uno spartiacque nella storia della MotoGP, perché è stata quella dell'addio di Valentino Rossi dopo 26 anni di straordinaria carriera. Un weekend dall'alto contenuto emotivo che si è concluso con una grande festa per il "Dottore".

MotoGP
6 gen 2022
Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati Prime

Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati

Dovendo scegliere uno dei cinque successi del campione del mondo della MotoGP, il più pesante è stato probabilmente quello al Mugello, in casa dei nemici della Ducati e in un weekend segnato dalla tragica scomparsa di Jason Dupasquier.

MotoGP
4 gen 2022
Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon Prime

Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon

Pecco Bagnaia sembrava quasi colpito da una maledizione: continuava a sfiorare la prima vittoria in MotoGP, ma non riusciva mai a concretizzarla. Il Gran Premio di Aragon ha rappresentato un evidente punto di svolta per la stagione del pilota della Ducati. Lo sarà anche per la sua carriera?

MotoGP
1 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania Prime

Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania

La gara del Sachsenring era vista come una sorta di prova del nove sulla possibilità di tornare a rivedere i lampi di classe del vero Marquez anche dopo l'infortunio e Marc non ha tradito le aspettative, centrando la sua 11° vittoria di fila sul saliscendi tedesco.

MotoGP
31 dic 2021
Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021 Prime

Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021

2021 positivo per Aprilia: la casa di Noale è tra i team che sono più cresciuti nel confronto anno-su-anno. Con Aleix Espargaro si è sempre dimostrata veloce e presenza fissa nella Top 10. L'arrivo di Vinales, soprattutto in chiave 2022, potrebbe rappresentare il definitivo salto di qualità

MotoGP
30 dic 2021
Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere Prime

Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere

KTM non riesce a ripetere il bel 2020. La casa austriaca ha vissuto una stagione iniziata non nel migliore dei modi e "aggiustata" in corso d'opera. Miguel Oliveira è il punto di riferimento del team, ma era lecito aspettarsi qualcosa in più. Capitolo a parte in Tech 3, invece...

MotoGP
23 dic 2021
MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi Prime

MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi

Il motociclismo ha perso il più grande showman della sua storia, con Valentino Rossi che ha concluso la sua strepitosa carriera a due ruote. Tra i suoi successori, che hanno avuto quasi tutti il "Dottore" come loro ispirazione, c'è chi può ancora tenere tutti incollati ai Gran Premi.

MotoGP
22 dic 2021