Zarco "rocketman": nuovo record di velocità a 362,4 km/h!

Nel corso della FP4 del Gran Premio del Qatar, il pilota della Ducati Pramac è diventato il primo della storia della MotoGP ad infrangere il muro dei 360 km/h.

Zarco "rocketman": nuovo record di velocità a 362,4 km/h!

Johann Zarco ieri è entrato nei libri di storia della MotoGP: il pilota francese è stato il primo a sfondare il muro dei 360 km/h in un weekend di gara e lo ha fatto in maniera abbondante, spingendo la sua Ducati del Pramac Racing addirittura a 362,4 km/h sul rettilineo di Losail.

Tra le altre cose, il francese aveva già ritoccato il precedente primato in occasione dei test collettivi svolti sempre in Qatar. In quel caso era arrivato a toccare i 357,6 km/h, ma quel primato era rimasto solo ufficioso, proprio perché non ottenuto in una sessione di un weekend di gara.

Il fine settimana del Gran Premio del Qatar, dunque, era cominciato con ancora il precedente record da battere, che era quello fatto segnare da Andrea Dovizioso durante la FP2 del Gran Premio d'Italia 2019 al Mugello: in quel caso, l'allora pilota della Ducati, aveva raggiunto i 356,7 km/h.

I piloti però non avevano grossi dubbi sul fatto che questo primato sarebbe caduto, anche perché un weekend di gara solitamente offre maggiori occasioni di trovare una scia. Dunque, i 1.068 metri del rettilineo di partenza del circuito qatariota erano il terreno di caccia perfetto, soprattutto per i piloti della Ducati, che sembra aver preso di nuovo un certo margine dal punto di vista della top speed.

Non a caso, sfruttando la scia dell'altra Desmosedici GP di Enea Bastianini, all'inizio della FP4, Zarco ha sfondato il muro dei 360 km/h con questo incredibile 362,4 km/h. Una velocità tale che, sommata alla scia, gli ha impedito di fermare la sua moto in staccata, finendo dritto nella ghiaia della via di fuga, fortunatamente riuscendo poi a rientrare in pista senza particolari problemi.

Leggi anche:

A fine giornata, Zarco ha spiegato che il record è stato frutto di due fattori fondamentali: "La scia ed una staccata ritardata. Bisogna combinare le due cose", ha detto Johann, lasciando intendere che dietro al suo lungo c'era quindi anche una frenata iniziata troppo a ridosso della curva 1.

Riguardo al primato, ha aggiunto: "Pensavo che fosse possibile arrivare a 360 km/h, ma non a 362, quindi sono felice. Fare un record è sempre un momento speciale. Anche se io freno molto presto, grazie a questo penso di avere una grande possibilità in gara, perché riesco a stare facilmente dietro agli altri piloti".

C'è anche però chi pensa che forse si stia iniziando ad andare un po' troppo oltre. Tra questi, per esempio, c'è il veterano del gruppo Valentino Rossi, che in un certo senso si aspettava una prestazione del genere da Zarco, anche se crede che al Mugello potrà essere ritoccata ulteriormente.

"Quest'anno mi aspettavo che l'accoppiata Ducati-Zarco potesse fare qualcosa del genere, perché la Desmosedici GP è velocissima sul rettilineo e Johann è molto bravo a stare in carena. Se il record è stato battuto qui in Qatar, penso che al Mugello potranno essere ancora più veloci".

Tuttavia, ha anche aggiunto che secondo lui la soglia del pericolo inizia molto prima e che questi numeri servono solamente a far esaltare gli appassionati, ma che ai piloti basterebbe andare anche meno in rettilineo.

"Riguardo alla pericolosità, penso che la soglia sia 330, oltre quella non c'è una grossa differenza. Questi numeri fanno sicuramente impazzire gli appassionati, ma credo che queste velocità siano pericolose comunque".

Johann Zarco, Pramac Racing
Johann Zarco, Pramac Racing
1/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing
Johann Zarco, Pramac Racing
2/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing
Johann Zarco, Pramac Racing
3/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing
Johann Zarco, Pramac Racing
4/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing
Johann Zarco, Pramac Racing
5/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing
Johann Zarco, Pramac Racing
6/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing
Johann Zarco, Pramac Racing
7/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing
Johann Zarco, Pramac Racing
8/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing
Johann Zarco, Pramac Racing
9/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing
Johann Zarco, Pramac Racing
10/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing
Johann Zarco, Pramac Racing
11/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing
Johann Zarco, Pramac Racing
12/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing
Johann Zarco, Pramac Racing
13/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing
Johann Zarco, Pramac Racing
14/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing
Johann Zarco, Pramac Racing
15/20

Foto di: Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
Johann Zarco, Pramac Racing
16/20

Foto di: Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing, Qatar
Johann Zarco, Pramac Racing, Qatar
17/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing
Johann Zarco, Pramac Racing
18/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing
Johann Zarco, Pramac Racing
19/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing
Johann Zarco, Pramac Racing
20/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Vinales: “Dovremo sfruttare i punti forti della moto”
Articolo precedente

Vinales: “Dovremo sfruttare i punti forti della moto”

Prossimo Articolo

Bastianini: “Rammarico per la Q2, ma non posso essere triste”

Bastianini: “Rammarico per la Q2, ma non posso essere triste”
Carica commenti
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

MotoGP
26 nov 2021
Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021
Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia Prime

Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia

Il Gran Premio dell'Algarve di MotoGP si chiude con sorprese, conferme e delusioni. Ecco le pagelle dell'appuntamento portoghese stilate e commentate in questo nuovo video di Motorsport.com da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio.

MotoGP
9 nov 2021
MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia Prime

MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia

Il fine settimana di Misano è stato un concentrato di emozioni, dal saluto del pubblico italiano a Valentino Rossi alla conquista del primo titolo di Fabio Quartararo, quasi una sorta di passaggio di consegne in casa Yamaha. Ma anche i tributi a Marco Simoncelli e Fausto Gresini hanno aggiunto qualcosa di speciale.

MotoGP
4 nov 2021