MotoGP
04 apr
Evento concluso
G
GP d'Argentina
08 apr
Rinviato
G
GP delle Americhe
15 apr
Rinviato
G
GP di Spagna
02 mag
Gara in
17 giorni
G
GP di Francia
16 mag
Gara in
31 giorni
G
GP d'Italia
30 mag
Gara in
45 giorni
G
GP della Catalogna
06 giu
Gara in
52 giorni
G
GP di Germania
20 giu
Gara in
66 giorni
G
GP d'Olanda
27 giu
Gara in
73 giorni
G
GP di Finlandia
11 lug
Gara in
87 giorni
G
GP d'Austria
15 ago
Gara in
122 giorni
G
GP di Gran Bretagna
29 ago
Gara in
136 giorni
G
GP di Aragon
12 set
Gara in
150 giorni
G
GP di San Marino
19 set
Gara in
157 giorni
G
GP del Giappone
03 ott
Gara in
171 giorni
G
GP della Tailandia
10 ott
Gara in
178 giorni
G
GP d'Australia
24 ott
Gara in
192 giorni
G
GP di Malesia
31 ott
Gara in
199 giorni
G
GP di Valencia
14 nov
Gara in
213 giorni

Zarco: “La stabilità con Ducati è un’occasione da sfruttare”

Ufficializzato in Ducati nel 2021, Johann Zarco si è assicurato una stabilità ed una visione a medio termine che negli ultimi mesi gli è mancata.

Zarco: “La stabilità con Ducati è un’occasione da sfruttare”

Diventato uno dei protagonisti della MotoGP con le due prime stagioni in sella alla Yamaha del team Tech 3, Johann Zarco ha visto crollare i propri sogni ne 2019, in un’esperienza fallimentare con KTM, che lo ha portato a prendere la decisione di lasciare la squadra a metà stagione del suo primo anno di contratto. È rimasto fuori dalle piste per tre gare prima di tornare in sella ad una Honda in cui aveva tutto da scoprire. Ma era senza contratto e senza una direzione chiara in vista della stagione successiva.

Ma il vento ha iniziato a cambiare rapidamente, perché sono iniziati i contatti con Ducati, lo hanno portato ad avere un contratto per la stagione 2020. Avendo saltato alcuni test, ha accettato di correre con il più modesto dei team che fanno riferimento alla Casa di Borgo Panigale, il team Avintia. Ma Zarco sapeva di avere un’occasione e ha sfruttato questa possibilità, dimostrando di non aver perso nulla del suo sacrificio e, dopo mezza stagione in queste condizioni, ha la certezza di rimanere legato al costruttore italiano, che lo inserirà nella squadra di Pramac l'anno prossimo.

Leggi anche:

Questa stabilità garantita per un secondo anno sulla Desmosedici suona come una boccata d’ossigeno per Johann Zarco, che la vede come una benedizione mentale. Alla conferenza stampa di presentazione del Gran Premio di Francia, a Motorsport.com ha dichiarato: “Sì, che sia cosciente o meno, è chiaro che avrà un effetto sulla mia mente. È chiaro che sarà utile sapere che sono a posto per il prossimo anno, e soprattutto sapere che i miei tecnici e la moto saranno quasi identici, o con un piccolo extra che può solo aiutare”.

Il due volte campione del mondo della Moto2 non vede l'ora di essere uno dei pochi piloti che la prossima stagione potrà beneficiare di una moto in evoluzione, visto che attualmente guida una moto dell'anno scorso: “La cosa positiva è che c'è poca differenza tra la moto del 2019 e la moto del 2020 che avrò l'anno prossimo, perché non ci sarà nessuna moto del 2021 date le nuove normative per far funzionare correttamente il settore di fronte alla COVID-19. Quindi, se riesco a finire questa stagione con il massimo utilizzo della mia moto - e logicamente, se uso bene la mia moto posso salire sul podio - poi posso mantenere questo slancio per il 2020, può essere molto interessante”.

Il contratto del 2021, una "prima sfida vinta"

Questa stagione 2020, sebbene sconvolta dagli eventi in Austria, ha già permesso a Johann Zarco di essere con i migliori piloti della Ducati. Quella che descrive come una "bella scoperta" gli ha imposto dapprima il suo ritmo, per poi premiarlo rapidamente con una prima pole position e un primo podio a Brno.

“All'inizio mi aspettavo di poter entrare più velocemente nel ritmo – afferma – ma poi ho visto che era aumentato molto e non era così semplice. Ma non ha influito sulla mia motivazione. La pole e il podio al Gran Premio della Repubblica Ceca mi sono serviti per il mio morale e per rimettermi tra i migliori. Ai due Gran Premi d'Austria credo che ci sia stato un modo per fare bene su una Ducati, purtroppo c’è stato molto caos e non è stato facile. Poi abbiamo fatto altre tre gare senza pausa a Misano e Barcellona, dove credo di aver fatto un buon lavoro per tutto il weekend ma non una buona gara”.

"La prima sfida è stata vinta – ricorda Johann Zarco – è stata quella di avere una moto per il prossimo anno, perché la situazione sul mio futuro era ancora delicata qualche mese fa. Ora che questa situazione è ben definita per il prossimo anno, vorrei tornare sul podio per prepararmi al 2021, quando avrò una moto che, come sappiamo, potrà vincere il Gran Premio”.

Leggi anche:

Con questa stabilità, il francese è ora in attesa di vedere fino a che punto il suo passaggio in Pramac gli permetterà di beneficiare di un supporto tecnico ancora più forte rispetto a quest'anno: “Quello che già vedo nel team Avintia è che c'è un grande sostegno da parte della Ducati, con Gigi Dall'Igna che si prende cura di lui e viene spesso a vedere come vanno le cose. Quindi so che a Pramac, che non è la squadra ufficiale ma che ha una moto che si comporta altrettanto bene, Dall'Igna ci sarà e forse anche più vicino. È una buona cosa, perché è un pilastro della Ducati”.

“Dopo aver scoperto Ducati e i suoi tecnici con il team Avintia quest'anno, potrò tenere i miei tecnici per l'anno successivo. Il fatto che Ducati possa controllare un po’ le tre squadre ci permette di mantenere i buoni gruppi che vengono creati per gli anni successivi e questo mi fa piacere”, conclude Johann Zarco.

condivisioni
commenti
Quartararo: "Non penso a battere Vinales"

Articolo precedente

Quartararo: "Non penso a battere Vinales"

Prossimo Articolo

Il Leopard Racing vorrebbe "entrare in MotoGP nel 2022"

Il Leopard Racing vorrebbe "entrare in MotoGP nel 2022"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Piloti Johann Zarco
Team Pramac Racing , Avintia Racing
Autore Léna Buffa
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021
La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader Prime

La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader

L'esplosione immediata del rookie della Ducati Pramac ha aggiunto un nuova stella all'elenco sempre più lungo dei piloti che possono ambire a fare grandi cose in MotoGP. Per lui, come per tanti altri, si prospetta un grande futuro, anche se al momento all'orizzonte non si vede ancora un talento capace di prendere l'eredità di quella leadership che è stata prima di Valentino Rossi e poi di Marc Marquez.

MotoGP
6 apr 2021
Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas Prime

Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas

Tanti promossi e tanti bocciati nel secondo appuntamento in Qatar, il Gran Premio di Doha. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes, Responsabile MotoGP per Motorsport.com, e Franco Nugnes.

MotoGP
6 apr 2021
Yamaha a due facce: il Factory Team convince, Petronas a picco Prime

Yamaha a due facce: il Factory Team convince, Petronas a picco

Umori opposti nelle due squadre della Casa di Iwata: quella ufficiale ha iniziato il 2021 alla grande, con una vittoria a testa per Vinales e Quartararo. Il box Petronas invece sembra entrato in crisi, con appena 4 punti a testa per Morbidelli e Rossi. I giapponesi stanno puntando tutto sui Factory?

MotoGP
5 apr 2021