MotoGP, Yamaha batte Ducati 2-0: a Doha vince Quartararo

La Yamaha concede il bis a Losail, questa volta con Fabio Quartararo. Ancora una volta ci sono due Ducati sul podio e sono quelle di Zarco, leader del Mondiale, e di un super Martin. Vinales sbaglia nel finale e chiude quinto dietro a Rins. Storie tese tra Miller e Mir. Rossi manca la zona punti, è solo 16esimo.

MotoGP, Yamaha batte Ducati 2-0: a Doha vince Quartararo

Losail era considerata una pista Ducati, ma la stagione 2021 della MotoGP è cominciata con due vittorie della Yamaha. Dopo il trionfo di Maverick Vinales nel Gran Premio del Qatar, in quello di Doha è arrivata la risposta di Fabio Quartararo, che in un certo senso ha "copiato" il successo del compagno di box.

Il pilota francese, infatti, non ha avuto una partenza particolarmente brillante e nelle prime fasi della corsa si era ritrovato addirittura attorno all'ottava-nona posizione. Memore di quanto la gestione della gomma fosse risultata fondamentale una settimana fa, ha aspettato però la seconda parte della corsa per piazzare la sua zampata.

Nel frattempo, era stata strepitosa la prova del rookie Jorge Martin, che ha fatto ricredere tutti quelli che credevano che la sua pole position fosse stata solo un caso. Il pilota della Ducati Pramac infatti ha condotto la corsa con autorità, tallonato dal compagno di squadra Johann Zarco, e si è inchinato ad "El Diablo" solamente quando mancavano cinque tornate alla bandiera a scacchi.

Anzi, ha anche provato una reazione ed era riuscito a rimettersi davanti sfruttando il motore della Ducati, ma poi nella parte guidata era fin troppo evidente che Quartararo ne avesse di più, che quindi una volta riconcretizzato il sorpasso si è involato verso la sua quarta vittoria in carriera in MotoGP.

Leggi anche:

Le due Ducati di Pramac invece hanno dovuto guardarsi le spalle dal ritorno dell'altra M1 di Vinales, ma ad un paio di giri dal termine Maverick ha commesso un errore, finendo lungo alla curva 16, e questo ha trasformato la lotta per il secondo posto in un derby interno alla squadra toscana, che alla fine ha premiato l'esperienza di Zarco.

Uno Zarco che con la seconda piazza d'onore consecutiva si toglie comunque una bella soddisfazione, perché lascia il Qatar da leader della classifica iridata, con 4 punti di margine sui due piloti della Yamaha. Martin invece non può che essere estremamente soddisfatto, perché alla seconda gara in MotoGP si è preso anche il primo podio (dedicato a Fausto Gresini) oltre alla pole, dimostrando di essere uno da dover tenere d'occhio da subito.

L'errore di Vinales ha scatenato una bella battaglia anche per la quarta posizione, nella quale alla fine l'ha spuntata la Suzuki di un Alex Rins questa volta più agguerrito fin dalle fasi parti della gara. Maverick invece è stato meno brillante di una settimana fa, anche se probabilmente senza quella sbavatura avrebbe potuto regalare una doppietta alla Yamaha.

Masticano amaro invece nel box rosso della Ducati, perché Pecco Bagnaia e Jack Miller non sono riusciti a fare meglio del sesto e del nono posto. Il piemontese sembrava aver gestito benissimo la corsa, portandosi in terza posizione a due terzi di gara, ma poi a 6 giri dalla fine ha commesso un errore, finendo lungo alla curva 1, e questo ha vanificato i suoi sforzi.

Più complicata la gara dell'australiano, che ha avuto delle storie tese con Joan Mir, settimo al traguardo: prima è stato il pilota della Suzuki a dargli una carenata tentando il sorpasso, poi "Jackass" gli ha restituito il favore sul rettilineo, con un gesto che non è parso esattamente fortuito, ma sul quale la Direzione Gara ha deciso di non prendere provvedimenti. Tensioni che sono sfociate anche in una discussione dopo la bandiera a scacchi.

 

Tra i due litiganti si è infilato Brad Binder, bravissimo con la sua KTM a riportare nel gruppetto di testa il trenino degli inseguitori nella seconda parte della corsa. Avrebbe invece meritato qualcosa in più del decimo posto Aleix Espargaro, che nella prima parte era stato addirittura quarto con la sua Aprilia. Il distacco dai primi però rimane ottimo, perché si parla solo di 5"3. Ora però per la nuova RS-GP serve una conferma anche su una pista diversa da Losail.

Buona anche la gara di Enea Bastianini, che ha sfiorato la seconda top 10 consecutiva, chiudendo 11esimo davanti ad un Franco Morbidelli che ha vissuto una domenica piuttosto travagliata con la sua Yamaha Petronas. Il suo compagno Valentino Rossi purtroppo non è riuscito a risalire quanto avrebbe sperato dalla 21esima casella dello schieramento di partenza ed ha chiuso subito fuori dalla zona punti, alle spalle delle due Honda di Pol Espargaro e Stefan Bradl, ed alla KTM di Miguel Oliveira, via via arretrato dopo una partenza a dir poco prodigiosa che l'aveva portato dal 12esimo al quinto posto.

Purtroppo gli altri piloti di casa nostra sono tutti nelle posizioni di rincalzo: Luca Marini ha chiuso 18esimo, giusto davanti a Danilo Petrucci, mentre Lorenzo Savadori chiude il gruppo 20esimo.

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h Punti
1 France Fabio Quartararo Yamaha 22 42'23.997     167.4 25
2 France Johann Zarco Ducati 22 42'25.454 1.457 1.457 167.3 20
3 Spain Jorge Martin Ducati 22 42'25.497 1.500 0.043 167.3 16
4 Spain Alex Rins Suzuki 22 42'26.085 2.088 0.588 167.3 13
5 Spain Maverick Viñales Yamaha 22 42'26.107 2.110 0.022 167.3 11
6 Italy Francesco Bagnaia Ducati 22 42'26.639 2.642 0.532 167.3 10
7 Spain Joan Mir Suzuki 22 42'28.865 4.868 2.226 167.1 9
8 South Africa Brad Binder KTM 22 42'28.976 4.979 0.111 167.1 8
9 Australia Jack Miller Ducati 22 42'29.362 5.365 0.386 167.1 7
10 Spain Aleix Espargaro Aprilia 22 42'29.379 5.382 0.017 167.1 6
11 Italy Enea Bastianini Ducati 22 42'29.547 5.550 0.168 167.1 5
12 Italy Franco Morbidelli Yamaha 22 42'29.784 5.787 0.237 167.1 4
13 Spain Pol Espargaro Honda 22 42'30.060 6.063 0.276 167.0 3
14 Germany Stefan Bradl Honda 22 42'30.450 6.453 0.390 167.0 2
15 Portugal Miguel Oliveira KTM 22 42'32.925 8.928 2.475 166.9 1
16 Italy Valentino Rossi Yamaha 22 42'38.243 14.246 5.318 166.5  
17 Japan Takaaki Nakagami Honda 22 42'40.238 16.241 1.995 166.4  
18 Italy Luca Marini Ducati 22 42'40.469 16.472 0.231 166.4  
19 Italy Danilo Petrucci KTM 22 42'40.776 16.779 0.307 166.3  
20 Italy Lorenzo Savadori Aprilia 22 43'02.772 38.775 21.996 164.9  
  Spain Alex Marquez Honda 12 23'15.262 10 Laps 10 Laps 166.5  
  Spain Iker Lecuona KTM 12 23'16.255 10 Laps 0.993 166.4  
condivisioni
commenti
LIVE MotoGP, Gran Premio di Doha: Gara

Articolo precedente

LIVE MotoGP, Gran Premio di Doha: Gara

Prossimo Articolo

Mondiale MotoGP: Zarco lascia il Qatar da leader

Mondiale MotoGP: Zarco lascia il Qatar da leader
Carica commenti
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021
Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha Prime

Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha

Sono passati sei anni da quando Jorge Lorenzo ha dato alla Yamaha il suo ultimo titolo MotoGP nel 2015. Dalla sua partenza alla fine del 2016, lo stato di forma della Yamaha non è stato costante, ma ora ha finalmente trovato un nuovo talismano per tornare in vetta sotto la forma di un giovane francese talentuoso.

MotoGP
8 lug 2021
Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione Prime

Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione

Un decennio dopo il primo legame con Ducati, in quello che si è rivelato essere un periodo sfortunato della sua carriera in MotoGP, Valentino Rossi ha unito nuovamente le forze con il marchio Borgo Panigale, questa volta come proprietario di un team. E il legame VR46/Ducati che inizierà il prossimo anno ha il potenziale per raddrizzare la parentesi negativa del 2011/2012.

MotoGP
4 lug 2021