Vinales-Yamaha, è finita: annunciata la separazione immediata

La Casa di Iwata ha annunciato di aver terminato con effetto immediato il rapporto con il pilota di Roses. Le scuse di Maverick dopo la sospensione non sono bastate per far rientrare il caso e quindi le strade si dividono dopo quattro anni e mezzo, con lo spagnolo che si è già promesso all'Aprilia per il 2022.

Vinales-Yamaha, è finita: annunciata la separazione immediata

Dalla sospensione si è passati alla rottura definitiva. Maverick Vinales non è più un pilota della Yamaha: la decisione presa dalla Casa di Iwata avrà effetto immediato ed è stata annunciata nella mattinata di venerdì.

I problemi sono iniziati alla vigilia del Gran Premio d'Austria, quando la Yamaha ha sorpreso tutti con la sospensione del pilota spagnolo, ritenuto colpevole di aver guidato cercando di rompere il motore della sua M1 nelle tornate conclusive della gara precedente, il Gran Premio di Stiria. Un'accusa che sulle prime fasi era sembrata molto forte, ma che poi è stata confermata dalle immagini onboard diffuse poche ore più tardi dalla Dorna.

Dopo circa 48 ore di silenzio, Vinales è tornato a parlare e lo ha fatto assumendosi le sue responsabilità e chiedendo scusa alla Yamaha per aver ceduto alla forte frustrazione, dovuta ad un periodo nel quale i risultati stentavano ad arrivare.

Come Motorsport.com aveva anticipato un paio di giorni fa, la cosa non aveva intenerito la Yamaha, che in ogni caso non avrebbe schierato Maverick neppure nel Gran Premio di Gran Bretagna, previsto per la settimana prossima a Silverstone. Stamani però si è concretizzata la rottura definitiva, che anticipa ulteriormente l'addio di Vinales.

Non bisogna dimenticare, infatti, che il pilota di Roses aveva già scelto di uscire dal suo contratto con i giapponesi con un anno d'anticipo, rinunciando ad un ingaggio di 8 milioni nel 2022, per legarsi all'Aprilia, che ha annunciato la sua firma per la prossima stagione proprio all'inizio di questa settimana.

Leggi anche:

"Ad Assen, la Yamaha e Vinales avevano già annunciato la decisione reciproca di accorciare il programma 2021-2022 e di terminarlo alla fine del 2021. Sia il pilota che la squadra si sono impegnati per continuare fino alla fine della stagione in corso, con la squadra che ha garantito il suo pieno supporto ed il pilota che ha dato il massimo impegno a chiudere il progetto in grande stile", ha detto Lin Jarvis, managing director di Yamaha.

"Purtroppo al GP della Stiria la gara non si è conclusa bene e di conseguenza, dopo una profonda considerazione da entrambe le parti, è stata raggiunta la decisione reciproca che sarebbe stato meglio per entrambe le parti se avessimo chiuso la partnership prima. La separazione anticipata libererà il pilota per poter seguire la direzione futura da lui scelta e permetterà anche al team di concentrare i suoi sforzi sulle restanti gare della stagione 2021 con un sostituto ancora da determinare".

"Vorrei esprimere la sincera gratitudine di Yamaha a Maverick. Yamaha continuerà a custodire i bei ricordi e ad apprezzare il lavoro che entrambe le parti hanno fatto nei quattro anni e mezzo trascorsi insieme, che ci hanno portato 8 vittorie, 24 podi e due terzi posti nella classifica generale piloti, nel 2017 e nel 2019. Auguriamo a Maverick tutto il meglio per i suoi impegni futuri", ha concluso Jarvis.

La parola poi è passato a Vinales: "Dopo la nostra decisione reciproca di separarci un anno prima, è stato anche deciso di impegnarsi a completare la stagione in corso con il massimo sforzo da entrambe le parti. Tuttavia, al GP di Stiria la gara non è andata come avevamo sperato, e purtroppo non è finita bene".

"Dopo un'attenta considerazione, entrambe le parti hanno concordato che sarebbe meglio terminare la partnership con effetto immediato".

"Sono profondamente grato alla Yamaha per la grande opportunità. Sono anche grato per il supporto che mi hanno dato durante questi 4 anni e mezzo di corse e guarderò indietro con orgoglio ai risultati che abbiamo raggiunto insieme. Avrò sempre rispetto per la Yamaha e le auguro il meglio".

Per quanto riguarda il sostituto, con ogni probabilità nella gara di Silverstone il suo posto sarà preso dal collaudatore Cal Crutchlow, che in teoria doveva essere impegnato sulla M1 della Petronas SRT per sostituire l'infortunato Franco Morbidelli. Su quella, dovrebbe fare il suo esordio in MotoGP Jake Dixon, che già difende i colori del team in Moto2, che avrebbe l'opportunità di provare a dimostrare il proprio valore in vista di un possibile salto di categoria a tempo pieno nel 2022.

condivisioni
commenti
MotoGP: salta il GP della Malesia. Doppio appuntamento a Misano!

Articolo precedente

MotoGP: salta il GP della Malesia. Doppio appuntamento a Misano!

Prossimo Articolo

MotoGP, parla il Principe: "VR46 avrà 18 milioni di dollari"

MotoGP, parla il Principe: "VR46 avrà 18 milioni di dollari"
Carica commenti
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini è davvero una "Bestia" Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini è davvero una "Bestia"

Il Gran Premio di San Marino di MotoGP ha regalato tanti promossi e tanti bocciati. Da un perfetto Bagniaia, un sorprendente Bastianini, fino ad arrivare alla delusione Dovizioso, ecco le pagelle stilate e commentate da Franco Nugnes e Matteo Nugnes.

MotoGP
20 set 2021