Viñales: "Sono l'uomo più felice del mondo, ma nel momento più triste"

Maverick Vinales, che tornerà a correre a Misano dopo aver saltato Austin in seguito alla morte di suo cugino, ha detto di aver ancora bisogno di tempo per prendere confidenza con l'Aprilia, la sua nuova squadra che lo ha accolto a braccia aperte.

Viñales: "Sono l'uomo più felice del mondo, ma nel momento più triste"

La morte di Dean Berta Vinales durante la gara della Supersport 300, lo scorso 25 settembre a Jerez, ha avuto un impatto enorme su suo cugino. In un primo momento, Maverick Viñales aveva scelto di viaggiare alla volta di Austin, sede dell'ultimo round della MotoGP. Tuttavia, una volta arrivato a Houston, si è ritrovato nell'incapacità di affrontare ciò che lo aspettava.

Dopo aver parlato con la sua squadra, l'Aprilia gli ha dato il permesso di tornare a casa e saltare il Gran Premio delle Americhe, nel quale avrebbe dovuto proseguire la sua fase di adattamento alla RS-GP.

La gara del Texas ormai è alle spalle e Vinales, come il resto del paddock, è già a Misano, dove andrà in scena la terzultima tappa della stagione 2021.

Leggi anche:

E' la pista più familiare per il #12 da quando si è unito al marchio di Noale, con il quale ha corso due gare finora: Aragon e la prima che è svolta in Romagna. Inoltre, Maverick aveva già avuto modo di guidare la quattro cilindri veneta al Marco Simoncelli World Circuit in un test che aveva rappresentato la sua prima presa di contatto.

Riguardo alle sue emozioni contrastanti, Vinales è stato molto esplicito: "Mi sento strano. Da un lato sono l'uomo più felice del mondo, con Nina (la figlia) e Raquel (la moglie), ma allo stesso tempo è il momento più triste della mia vita. Ecco perché ho cercato di stare con la mia famiglia, che è la mia zona di comfort", ha detto il pilota di Roses, che sta chiedendo tempo per adattarsi ad una moto che non ha niente a che fare con le quattro cilinidri in linea con cui ha corso finora (Suzuki e Yamaha).

"Dopo pochi giorni mi sentivo parte della squadra e questo è una bella spinta quando sono in pista. Il modo migliore per premiarli è con i risultati. Questi arriveranno, ma ci vuole tempo. Vengo da una moto che si guida in maniera completamente diversa, quindi ho bisogno di riprogrammare me stesso", ha aggiunto Vinales, che lo scorso 19 settembre si è piazzato 13° a Misano, staccato di 21 secondi dal vincitore Francesco Bagnaia.

condivisioni
commenti
Mir: "Se Brivio torna in Suzuki sarò felice, ha fatto un buon lavoro"
Articolo precedente

Mir: "Se Brivio torna in Suzuki sarò felice, ha fatto un buon lavoro"

Prossimo Articolo

Pirro: “Sono contento della GP22, in Ducati siamo agguerriti”

Pirro: “Sono contento della GP22, in Ducati siamo agguerriti”
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia Prime

Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia

La gara di Valencia resterà uno spartiacque nella storia della MotoGP, perché è stata quella dell'addio di Valentino Rossi dopo 26 anni di straordinaria carriera. Un weekend dall'alto contenuto emotivo che si è concluso con una grande festa per il "Dottore".

MotoGP
6 gen 2022
Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati Prime

Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati

Dovendo scegliere uno dei cinque successi del campione del mondo della MotoGP, il più pesante è stato probabilmente quello al Mugello, in casa dei nemici della Ducati e in un weekend segnato dalla tragica scomparsa di Jason Dupasquier.

MotoGP
4 gen 2022
Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon Prime

Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon

Pecco Bagnaia sembrava quasi colpito da una maledizione: continuava a sfiorare la prima vittoria in MotoGP, ma non riusciva mai a concretizzarla. Il Gran Premio di Aragon ha rappresentato un evidente punto di svolta per la stagione del pilota della Ducati. Lo sarà anche per la sua carriera?

MotoGP
1 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania Prime

Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania

La gara del Sachsenring era vista come una sorta di prova del nove sulla possibilità di tornare a rivedere i lampi di classe del vero Marquez anche dopo l'infortunio e Marc non ha tradito le aspettative, centrando la sua 11° vittoria di fila sul saliscendi tedesco.

MotoGP
31 dic 2021
Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021 Prime

Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021

2021 positivo per Aprilia: la casa di Noale è tra i team che sono più cresciuti nel confronto anno-su-anno. Con Aleix Espargaro si è sempre dimostrata veloce e presenza fissa nella Top 10. L'arrivo di Vinales, soprattutto in chiave 2022, potrebbe rappresentare il definitivo salto di qualità

MotoGP
30 dic 2021
Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere Prime

Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere

KTM non riesce a ripetere il bel 2020. La casa austriaca ha vissuto una stagione iniziata non nel migliore dei modi e "aggiustata" in corso d'opera. Miguel Oliveira è il punto di riferimento del team, ma era lecito aspettarsi qualcosa in più. Capitolo a parte in Tech 3, invece...

MotoGP
23 dic 2021
MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi Prime

MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi

Il motociclismo ha perso il più grande showman della sua storia, con Valentino Rossi che ha concluso la sua strepitosa carriera a due ruote. Tra i suoi successori, che hanno avuto quasi tutti il "Dottore" come loro ispirazione, c'è chi può ancora tenere tutti incollati ai Gran Premi.

MotoGP
22 dic 2021
Come Quartararo è diventato il re della MotoGP sciogliendo i dubbi Prime

Come Quartararo è diventato il re della MotoGP sciogliendo i dubbi

Dopo la disastrosa fine di stagione 2020 con il team Petronas, sono caduti dei dubbi sul francese della Yamaha, ma Fabio Quartararo ha risposto in modo convincente nel 2021, conquistando un titolo MotoGP che ha messo in risalto sia la sua velocità devastante sia la forza mentale.

MotoGP
19 dic 2021