Vinales: "Motore nuovo? Direzione giusta, ma manca ancora potenza"

Lo spagnolo è convinto che la Yamaha abbia preso la direzione giusta con il motore nuovo, perché c'è qualche cavallo in più, ma in basso ha mantenuto lo stesso carattere. Ora serve ancora un pochino di potenza in più in alto.

Vinales: "Motore nuovo? Direzione giusta, ma manca ancora potenza"

La nuova specifica di motore della Yamaha introdotta nei test di Valencia sembra un passo nella direzione giusta per Maverick Vinales: ha regalato alla M1 qualche cavallo in più, ma senza toglierle quel carattere docile sulla prima apertura che è stata la sua arma in più nel 2019.

"Sto lavorando molto con il motore nuovo ed oggi ho girato solo con quello. Dobbiamo ancora migliorare, ma sembra che abbiamo preso la strada giusta. Dobbiamo solo capire cosa possiamo fare per renderlo ancora migliore. Ora quindi dobbiamo raccogliere più dati possibile in vista del prossimo test" ha detto Maverick durante la pausa pranzo della seconda giornata dei test collettivi di Valencia, dopo che ieri aveva chiuso secondo, alle spalle di Fabio Quartararo.

Probabilmente manca ancora qualcosina a livello di potenza pure, ma un primo passo in avanti c'è stato e la differenza di velocità di punta da Honda e Ducati si è ridotta. Cosa che per Maverick si è evidenziata soprattutto in scia.

"Manca ancora un po' di potenza. E' un po' più potente rispetto al precedente, ma ci serve ancora un altro step. Ho provato anche a prendere delle scie per capire se la situazione fosse migliore e devo dire che sembra di sì, perché il motore continua a spingere e sono contento".

 

Nonostante qualche cavallo in più, il carattere del motore però non è cambiato: "E' molto simile, soprattutto perché l'erogazione a basso regime è molto simile. E questo è buono perché era il nostro punto di forza quest'anno, perché ci faceva avere molta trazione. Però ci serve ancora qualcosa in alto, quindi speriamo di riuscire a trovarlo".

Il punto forte della M1 però rimane sempre il telaio, anche con le modifiche introtte qui: "A livello di telaio siamo messi bene come sempre, lavora bene, quindi sono davvero contento. Ci sono delle differenze rispetto al precedenze, ma si comporta molto bene".

Leggi anche:

E anche il passo non sembra affatto male: "Ho fatto due long run stamattina e il passo è molto buono, perché ho mantenuto il ritmo dell'1'31" basso. Quindi è positivo che posso mantenere un buon passo anche con tanti giri sulle gomme".

Tutte queste informazioni positive però andranno verificate la settimana prossima, su una pista diversa e meno grip come quella di Jerez de la Frontera: "Qui il grip è fantastico, quindi dobbiamo vedere come ci comportiamo dove c'è meno grip. Da questo punto di vista penso che Jerez possa essere la pista giusta per avere una risposta".

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
1/8

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
2/8

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
3/8

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
4/8

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
5/8

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
6/8

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
7/8

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

La moto di Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing

La moto di Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
8/8

Foto di: Matteo Nugnes

condivisioni
commenti
Espargaro: “Il nuovo telaio KTM è un passo verso il futuro”

Articolo precedente

Espargaro: “Il nuovo telaio KTM è un passo verso il futuro”

Prossimo Articolo

Crutchlow: "Ha più senso che vada Alex in HRC rispetto a me"

Crutchlow: "Ha più senso che vada Alex in HRC rispetto a me"
Carica commenti
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021
Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha Prime

Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha

Sono passati sei anni da quando Jorge Lorenzo ha dato alla Yamaha il suo ultimo titolo MotoGP nel 2015. Dalla sua partenza alla fine del 2016, lo stato di forma della Yamaha non è stato costante, ma ora ha finalmente trovato un nuovo talismano per tornare in vetta sotto la forma di un giovane francese talentuoso.

MotoGP
8 lug 2021
Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione Prime

Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione

Un decennio dopo il primo legame con Ducati, in quello che si è rivelato essere un periodo sfortunato della sua carriera in MotoGP, Valentino Rossi ha unito nuovamente le forze con il marchio Borgo Panigale, questa volta come proprietario di un team. E il legame VR46/Ducati che inizierà il prossimo anno ha il potenziale per raddrizzare la parentesi negativa del 2011/2012.

MotoGP
4 lug 2021