Vinales: "Ho ritrovato fiducia e posso attaccare di più le curve"

condivisioni
commenti
Vinales:
Oriol Puigdemont
Di: Oriol Puigdemont
01 giu 2018, 17:30

Il pilota della Yamaha ha completato una prima giornata di prove libere positiva in Italia, chiudendo con il secondo tempo, alle spalle del solo Iannone.

Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing, dopo la caduta
Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing
Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing
Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing
Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing, dopo la caduta
Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing
Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing

Dopo due gare che hanno reso Vinales molto frustrato, il feeling di questo primo giorno in Italia è stato radicalmente diverso. Il pilota della Yamaha ha dichiarato di aver ritrovato la fiducia perduta e che la riprova di questo è il secondo tempo odierno.

Nonostante oggi sulla pista italiana ci fosse caldo, e questa è stata una delle cause delle scarse prestazioni della M1 nelle ultime uscite, questa volta la sua moto ha lavorato bene in entrambe le sessioni, permettendogli di migliorare di più di otto decimi a cavallo tra la FP1 e la FP2 e di chiudere a soli tre decimi da Iannone.

Tuttavia, il catalano si è detto convinto di non aver ancora sfruttato al massimo il potenziale della sua moto.

"Questa volta nel pomeriggio è stato caldo e penso che i dati raccolti possano anche migliorare" ha detto Vinales, che nel primo turno è incappato anche in una scivolata alla San Donato. "La fiducia è tornata. Mi piace molto la pista, ma la moto è ad un buon livello ed il team ha apportato un cambiamento che ha funzionato. Posso attaccare di più le curve e questo mi aiuta molto".

Il pilota di Rose assicura che l'origine di questo miglioramento è da ricercare nel test di Barcellona, nel quale è stato il più veloce.

"Abbiamo ritrovato molta fiducia a Montmelò. Gli allenamenti sono stati molto buoni e ho spinto fin dall'inizio. Abbiamo confermato il nostro passo avanti, anche se c'è ancora molto lavoro da fare".

Vinales ha indicato un cambiamento nella geometria e nel fine tuning come soluzione alle sue difficoltà.

"Ora abbiamo fatto una moto che fa funzionare le gomme in modo diverso. E' una questione di set-up. Il mio peso è inferiore a quello di Valentino e Zarco e questo fa la differenza. La moto è un po' più corta".

Vinales si è fatto anche in quattro per smentire le voci che lo vorrebbero pronto a separarsi dal suo capo tecnico Ramon Forcada per il prossimo anno.

"Ho bisogno di Ramon qui. Quando è al 100% è difficole trovare un tecnico migliore di lui" ha concluso.

Prossimo Articolo
Lorenzo: "Ancora una gomma scaldata difettosa". Michelin: "No, era nuova!"

Articolo precedente

Lorenzo: "Ancora una gomma scaldata difettosa". Michelin: "No, era nuova!"

Prossimo Articolo

Marquez: "Nel 2013 chiesi di cambiare il punto in cui è caduto Pirro!"

Marquez: "Nel 2013 chiesi di cambiare il punto in cui è caduto Pirro!"
Carica commenti