Vinales: “Galbusera? Non ho chiesto io, ha deciso Yamaha”

Maverick Vinales ha rivelato la decisione di cambiare il capo tecnico scegliendo Silvano Galbusera al posto di Esteban Garcia è stata presa da Yamaha e ammette che dover lasciare il suo amico Garcia fa male.

Vinales: “Galbusera? Non ho chiesto io, ha deciso Yamaha”

Yamaha ha annunciato oggi che Maverick Vinales avrà un nuovo capo tecnico e già dal Gran Premio di Catalogna di questo fine settimana lavorerà con Silvano Galbusera dopo una separazione reciproca con Esteban Garcia. Lo spagnolo è stato capo tecnico di Maverick nel 2013, quando ha conquistato il titolo in Moto3, ed è diventato capo tecnico Yamaha nel 2019, dopo che il catalano aveva deciso di lasciare Ramon Forcada, ex capo tecnico di Jorge Lorenzo.

Vinales afferma di non aver espresso pienamente il proprio potenziale nelle ultime tre o quattro gare, mancando sul podio dalla vittoria del Gran Premio del Qatar di inizio stagione. Dopo aver discusso con Yamaha, il costruttore giapponese ha deciso di cambiare il capo tecnico di Vinales, decisione di cui il pilota si fida. Però rivela che il rapporto personale con Garcia ha reso questa separazione molto difficile.

Nel giovedì di Barcellona, Vinales afferma: “Ho parlato con Esteban di questa cosa, perché prima di tutto è mio amico. Abbiamo un buon rapporto, sono andato molte volte a casa sua, conosco sua moglie, sua figlia. Li conosco tutti molto bene. Ovviamente il nostro rapporto continuerà, anche se non sarà più il mio capo tecnico. Perché lui è più di un capo tecnico, è uno dei miei amici e questo cambiamento mi fa male”.

Vinales dunque rivela di non aver deciso lui questo passaggio di testimone da Garcia a Galbusera, ma la scelta è stata della squadra: “Capisco bene che dobbiamo ottenere il massimo, abbiamo il nostro compagno di squadra che sta vincendo ed è sempre in top 10. Quindi sicuramente a volte mostriamo un potenziale elevato e ciò che Yamaha prova a fare è portarmi a questo potenziale. È ciò che dobbiamo fare, concentrarci, trovare un buon bilancio sulla moto, perché è stata un po’ dura nelle ultime gare e continuare a lavorare perché possiamo farcela. Per me è stato un po’ inaspettato e veloce, ma Yamaha vuole che io dia il massimo”.

Leggi anche:

Mentre il suo compagno di squadra Fabio Quartararo ha vinto tre delle sei gare disputate nel 2021 e guida la classifica con 24 punti sul secondo, Vinales ammette che qualcosa non sta funzionando nella sua forma se fa il confronto. Quando Motorsport.com gli chiede se il cambiamento porta a non avere più scuse, lo spagnolo risponde: “Non ho mai avuto scuse, onestamente. Ho solo dei fatti e questi sono che quando la moto funziona e posso dare il massimo, riesco a vincere le gare”.

“Quindi, questo è il fatto. Il nostro compagno di squadra vince quasi ogni gara ed è sempre nei primi 10l quindi in noi qualcosa non funziona. Per esempio al Mugello nelle FP1 ero veloce, normale, mi sentivo bene. Poi ho iniziato a sentirmi peggio. L’unica cosa che posso dire è che Yamaha ha avuto una reazione rapida, non mi aspettavo questo per me e mi fido molto del team. Quindi mi fido del cambiamento, la strategia di Yamaha è di potermi dare l’opportunità di avere lo stesso potenziale che abbiamo avuto in Qatar in ogni gara. Questa è l’idea che sta alla base del cambiamento. In questo senso sono d’accordo con loro e con questo cambiamento vedono che Yamaha ha fiducia in me, crede nel mio potenziale e in ciò che posso fare. Quindi questo è importante”.

Tuttavia, lo scarso rendimento dopo la vittoria di Losail ha portato Yamaha a sondare il mercato piloti nel caso in cui l’ultimo anno di contratto con il pilota fosse a rischio: “È ovvio, se fossi Yamaha lo farei anche io. Ho una persona su cui sto investendo molto e non sta portando i risultati che la squadra si aspetta. Anche io mi guarderei intorno, andrei sul mercato. È chiaro che in questo mondo vali il risultato della tua ultima gara”.

condivisioni
commenti
Bagnaia: "Massacrato per quello che ho detto al Mugello"
Articolo precedente

Bagnaia: "Massacrato per quello che ho detto al Mugello"

Prossimo Articolo

Marquez: “Honda è ancora una moto vincente, dipende dal pilota”

Marquez: “Honda è ancora una moto vincente, dipende dal pilota”
Carica commenti
Pagelle MotoGP | Ducati moto migliore, ora è pronto anche Bagnaia Prime

Pagelle MotoGP | Ducati moto migliore, ora è pronto anche Bagnaia

Annata quasi perfetta per Ducati, che conquista ogni corona iridata in MotoGP tranne quella del mondiale piloti. Moto da 9 che, nelle mani di Pecco Bagnaia, si candida come seria pretendente alla corona di Fabio Quartararo per il 2022.

MotoGP
2 dic 2021
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

MotoGP
26 nov 2021
Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021
Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia Prime

Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia

Il Gran Premio dell'Algarve di MotoGP si chiude con sorprese, conferme e delusioni. Ecco le pagelle dell'appuntamento portoghese stilate e commentate in questo nuovo video di Motorsport.com da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio.

MotoGP
9 nov 2021