Vinales: "Fatto un gran lavoro tra la FP3 e le qualifiche"

condivisioni
commenti
Vinales:
Matteo Nugnes
Di: Matteo Nugnes
10 set 2016, 17:33

Il pilota della Suzuki è parso quasi sorpreso della sua prima fila, ed ha esaltato il lavoro fatto dal team per migliora la sua GSX-RR. Scattando così avanti poi è convinto di poter fare qualcosa di importante anche domani.

Maverick Viñales, Team Suzuki Ecstar MotoGP
Maverick Viñales, Team Suzuki Ecstar MotoGP
Maverick Viñales, Team Suzuki Ecstar MotoGP
Il terzo qualificato Maverick Viñales, Team Suzuki Ecstar MotoGP
Maverick Viñales, Team Suzuki Ecstar MotoGP
Maverick Viñales, Team Suzuki Ecstar MotoGP
Il terzo qualificato Maverick Viñales, Team Suzuki Ecstar MotoGP

Tra le sorprese di giornata della MotoGP non si può non indicare Maverick Vinales. Il pilota della Suzuki non era stato tra i più veloci nei turni di prove libere e quindi forse nessuno si aspettava di vederlo svettare fino alla prima fila del GP di San Marino e della Riviera di Rimini, a maggior ragione in virtù del caldo che c'era oggi a Misano, che solitamente non è un alleato della GSX-RR.

Tuttavia, lo spagnolo non aveva brillato particolarmente nelle libere solo perché ha proseguito con una metodologia di lavoro che ha pagato nelle ultime uscite, ovvero lavorando principalmente in ottica gara nel corso delle prove libere. Anche se lui stesso ha ammesso di essere rimasto un po' sorpreso dal risultato odierno e per questo ha fatto i complimenti alla propria squadra.

"Oggi non è stato semplice, perché normalmente noi fatichiamo quando la temperatura è alta. Il team però ha fatto un lavoro straordinario tra la FP3 e le qualifiche e questo mi ha permesso di fare un grande step, portandomi a completare un grande giro. E' molto importante, perché la prima fila mi permetterà di essere immediatamente davanti e di poter lottare per fare una buona gara" ha detto Maverick.

Per domani forse serve ancora uno step, ma sembra essere abbastanza ottimista all'idea di trovarlo: "Siamo stati abbastanza costanti nei nostri miglioramenti e alla fine siamo riusciti ad essere tra i più veloci. Abbiamo sviluppato molto soluzioni per il set-up ed ora abbiamo anche qualche idea in più per cercare ancora un miglioramento a livello di passo, che è la cosa più importante per la gara".

Prossimo articolo MotoGP
Valentino: "Ritirare il numero 46 dalla MotoGP? Non saprei..."

Articolo precedente

Valentino: "Ritirare il numero 46 dalla MotoGP? Non saprei..."

Prossimo Articolo

Ducati: ecco il cerchio carenato posteriore. Serve solo all'aero?

Ducati: ecco il cerchio carenato posteriore. Serve solo all'aero?
Carica commenti