Viñales esasperato: "In 3 anni non è cambiato nulla!"

Lo spagnolo si è stancato dei cronici problemi al posteriore che affliggono da 3 anni la M1 ed ha scelto di lavorare sull'avantreno per tornare ad essere competitivo.

Viñales esasperato: "In 3 anni non è cambiato nulla!"

Dopo aver conquistato la pole position sabato scorso e aver battuto il record del circuito, i fantasmi dello spagnolo sono riapparsi la passata domenica quando ha dichiarato di essersi trasformato da “una bestia ad un gattino”.

Martedì, in occasione della giornata di test collettivi, Viñales ha provato un nuovo sistema di scarico ed un forcellone in alluminio che ha portato in pista oggi. Le sensazioni, però, non erano quelle previste e il catalano ha già esaurito la pazienza.

Il pilota di Roses ha lamentato le solite problematiche con il posteriore della moto che lo affliggono quando cala l’aderenza ed ha affermato di volersi concentrarsi sul miglioramento della stabilità anteriore.

Questo, però, significa cambiare la filosofia della Yamaha una moto che è sempre stata caratterizzata da una percorrenza in curva molto veloce. Compiere questa rivoluzione potrebbe però far perdere questo punta di forza alla M1.

“Domani proveremo qualcosa di completamente diverso. Non voglio perdere altro tempo con la parte posteriore della moto; cercheremo di sistemare l’anteriore”, ha annunciato Viñales che non correrà con il nuovo scarico e il forcellone almeno fino alla prossima settimana a Montmeló.

“Quando non abbiamo aderenza, non riesco a far girare la moto o a frenare dove voglio. In tre anni non abbiamo trovato nulla per risolvere i problemi con la parte posteriore, quindi cercheremo di cambiare la strategia. Si può andare forte anche in altri modi, ad esempio modificando l’ingresso in curva. Bisogna cambiare le cose”, ha dichiarato lo spagnolo oggi quarto ad appena 16 millesimi di secondo dietro a Binder ma solo perché ha fatto un tentativo di giro veloce quando molti altri hanno scelto di non farlo.

“I piloti di Honda e Ducati quando toccano il freno riescono a far rallentare la moto. Noi, invece, non ci riusciamo e siamo costretti a spostare il peso sul retro per cercare di entrare bene in curva. Voglio riuscire a staccare il più tardi possibile ed è una cosa che con la Yamaha non posso fare perché arrivo lungo in frenata e perché non ho mai aderenza al posteriore”.

condivisioni
commenti
MotoGP: si valuta il parco chiuso in caso di bandiera rossa
Articolo precedente

MotoGP: si valuta il parco chiuso in caso di bandiera rossa

Prossimo Articolo

Dovizioso: "Ho voluto capire la media, non sono preoccupato"

Dovizioso: "Ho voluto capire la media, non sono preoccupato"
Carica commenti
Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi” Prime

Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi”

In compagnia di Franco Nugnes e del Dottor Riccardo Ceccarelli, andiamo a fare il punto della situazione sulla stagione motoristica 2022 che si appresta a cominciare. Ad essere al centro del mirino è Marc Marquez: lo spagnolo dovrebbe essere sulla via della risoluzione delle sue problematiche legate alla vista, mentre per le condizioni fisiche generali in circa due mesi di duro allenamento dovrebbe tornare al top della forma

MotoGP
19 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia Prime

Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia

La gara di Valencia resterà uno spartiacque nella storia della MotoGP, perché è stata quella dell'addio di Valentino Rossi dopo 26 anni di straordinaria carriera. Un weekend dall'alto contenuto emotivo che si è concluso con una grande festa per il "Dottore".

MotoGP
6 gen 2022
Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati Prime

Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati

Dovendo scegliere uno dei cinque successi del campione del mondo della MotoGP, il più pesante è stato probabilmente quello al Mugello, in casa dei nemici della Ducati e in un weekend segnato dalla tragica scomparsa di Jason Dupasquier.

MotoGP
4 gen 2022
Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon Prime

Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon

Pecco Bagnaia sembrava quasi colpito da una maledizione: continuava a sfiorare la prima vittoria in MotoGP, ma non riusciva mai a concretizzarla. Il Gran Premio di Aragon ha rappresentato un evidente punto di svolta per la stagione del pilota della Ducati. Lo sarà anche per la sua carriera?

MotoGP
1 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania Prime

Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania

La gara del Sachsenring era vista come una sorta di prova del nove sulla possibilità di tornare a rivedere i lampi di classe del vero Marquez anche dopo l'infortunio e Marc non ha tradito le aspettative, centrando la sua 11° vittoria di fila sul saliscendi tedesco.

MotoGP
31 dic 2021
Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021 Prime

Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021

2021 positivo per Aprilia: la casa di Noale è tra i team che sono più cresciuti nel confronto anno-su-anno. Con Aleix Espargaro si è sempre dimostrata veloce e presenza fissa nella Top 10. L'arrivo di Vinales, soprattutto in chiave 2022, potrebbe rappresentare il definitivo salto di qualità

MotoGP
30 dic 2021
Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere Prime

Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere

KTM non riesce a ripetere il bel 2020. La casa austriaca ha vissuto una stagione iniziata non nel migliore dei modi e "aggiustata" in corso d'opera. Miguel Oliveira è il punto di riferimento del team, ma era lecito aspettarsi qualcosa in più. Capitolo a parte in Tech 3, invece...

MotoGP
23 dic 2021
MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi Prime

MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi

Il motociclismo ha perso il più grande showman della sua storia, con Valentino Rossi che ha concluso la sua strepitosa carriera a due ruote. Tra i suoi successori, che hanno avuto quasi tutti il "Dottore" come loro ispirazione, c'è chi può ancora tenere tutti incollati ai Gran Premi.

MotoGP
22 dic 2021