Vinales: "E' stato molto difficile anche solo finire la gara"

condivisioni
commenti
Vinales:
Matteo Nugnes
Di: Matteo Nugnes
11 apr 2016, 11:07

Il pilota della Suzuki ha raccontato di aver avuto grandi problemi con la gomma posteriore, che dopo 12 giri era distrutta. Fino a quel momento però il passo era stato all'altezza delle prime posizioni.

Maverick Viñales, Team Suzuki MotoGP
Maverick Viñales, Team Suzuki MotoGP
Maverick Viñales, Team Suzuki MotoGP
Maverick Viñales, Team Suzuki MotoGP
Maverick Viñales, Team Suzuki MotoGP
Maverick Viñales, Team Suzuki MotoGP
Maverick Viñales, Team Suzuki MotoGP

Ci sono sensazioni contrastanti in Maverick Vinales alla conclusione del weekend di Austin. Da una parte, il pilota della Suzuki ha colto il miglior piazzamento della sua per ora breve carriera in MotoGP con il quarto posto, ma dall'altra è deluso perché secondo lui la GSX-RR aveva un potenziale superiore rispetto a quanto ha fatto vedere in gara.

A metterlo in grande difficoltà è stato il degrado della gomma posteriore, che nel suo caso era quella a mescola morbida: "Sono contento per il risultato, perché alla fine è il quarto posto è il migliore della mia carriera in MotoGP, ma oggi avrei potuto lottare per il podio se non avessi avuto problemi alla gomma posteriore".

Lo spagnolo poi è passato a descirvere il comportamento della sua moto quando c'è stato il calo: "La gomma è andata molto bene per i primi 12 giri, poi c'è stato un decadimento davvero importante, di quasi un secondo. E' stato molto difficile anche solo finire la gara, perché la gomma doveva essere davvero distrutta e la moto ha iniziato a saltellare quando facevo le curve a destra. Quando entravo in curva la sensazione era più o meno la stessa di quando hai una gomma da bagnato distrutta. La moto si muoveva tantissimo anche sul rettilineo.

Maverick però non pensa che sia dipeso dall'aver montato la soft, che aveva lavorato bene nel resto del weekend: "Ovviamente sono deluso, perché ho lavorato tutto il giorno con la gomma soft ed era andata sempre bene. Anche nel warm-up avevo girato in 2'05" basso con una gomma che aveva già 19 giri, quindi non riesco proprio a capire".

C'è anche un'altra consolazione oltre al quarto posto, ovvero che la sua moto è stata competitiva fino a quando la gomma ha retto: "Però devo anche dire che nella parte centrale della gara, quando c'era un buon grip, il nostro ritmo era davvero buono, quindi siamo sulla buona strada per provare a salire sul podio".

Prossimo articolo MotoGP
In caso di gara asciutta c'è il rischio del cambio moto obbligatorio

Articolo precedente

In caso di gara asciutta c'è il rischio del cambio moto obbligatorio

Prossimo Articolo

Le alette finiscono al centro delle polemiche

Le alette finiscono al centro delle polemiche
Carica commenti