Viñales durissimo con Yamaha: “C’è una mancanza di rispetto”

Maverick Vinales ha chiuso il suo fine settimana peggiore in MotoGP, partendo dalla ventunesima casella e chiudendo in ultima posizione, a quasi 25 secondi dal vincitore Marc Marquez.

Viñales durissimo con Yamaha: “C’è una mancanza di rispetto”

Le prestazioni di Yamaha questo fine settimana in Germania, dove due anni fa è salita sul podio, non rispecchiano né il livello del pilota né la moto. È una situazione incredibilmente anomala che però non causa più grande stupore.

Maverick Vinales ha tagliato il traguardo al Sachsenring in ultima posizione, il peggior risultato della sua carriera in MotoGP. Lo spagnolo però è stanco della mancanza di risposte che riceve da parte di Yamaha e del fatto che debba ricorrere sempre al setting di Fabio Quartararo.

Alla fine della gara, è stato chiesto a Vinales cosa fosse successo perché uscisse fuori un fine settimana così negativo: “Anche io mi chiedo cosa succede. Nessuno sa dirmelo. Sono stato 15 giri dietro Marini e Bastianini senza poterli superare, perché la Ducati ha molta potenza”.

Due settimane fa, c’è stato un cambiamento importante nel box di Vinales, Esteban Garcia, uomo di fiducia, è stato sostituito da Silvano Galbusera: “Nessuno mi dice cosa succede. Continuamo a lavorare e ora andiamo ad Assen, dove in teoria la Yamaha va bene. Non so cosa succederà in Olanda, è molto difficile da dire. Farò la stessa cosa che ho fatto qui. So che il mio lavoro è raccogliere dati, è triste, ma è quel che abbiamo”.

Con grande frustrazione, il pilota Yamaha prosegue: “Ho sempre lo stesso problema, la ruota posteriore scivola molto. È vero che stiamo lavorando, però non c’è soluzione. Faccio di tutto, ma sono già passate sei gare e il risultato è sempre lo stesso”.

Il rapporto tra Vinales e Yamaha, che ora vede in Quartararo la grande opportunità di recuperare il titolo che manca dal 2015, ormai sembra sfumare: “La risposta che ricevo è costantemente ‘non so’. La cosa che mi frustra maggiormente è non avere risposte sul perché non ho grip. Ho molta voglia di andare a casa. Ce l’avevo già ieri e l’altroieri. È complicato, perché in pista vedi come vanno gli altri e come vai tu”.

A questo punto, Vinales crede che in Yamaha non prestino l’attenzione che merita come pilota: “Ogni pilota deve avere il suo setting. Non può essere che io usi il setting del mio rivale per due anni. Ogni pilota ha il suo stile e ogni giorno mi insegnano a guidare: prendi il freno, lascia il freno. Apri il gas, chiudi il gas. Devo vivere di pazienza. Non voglio usare il setting di Fabio perché non guido come lui e con me questo non funziona. Voglio che facciano una moto per me, non voglio usare il setting di altri piloti ogni volta”.

“Non sono qui per raccogliere dati né per fare il collaudatore. Questa cosa inizia a diventare una mancanza di rispetto. Con il setting di un altro non credo si possa vincere. Sto raccogliendo informazioni dal Portogallo”.

condivisioni
commenti
Oliveira: "Ho perso troppo da Marc quando pioveva"

Articolo precedente

Oliveira: "Ho perso troppo da Marc quando pioveva"

Prossimo Articolo

Quartararo: "Podio d’oro, vale come una vittoria”

Quartararo: "Podio d’oro, vale come una vittoria”
Carica commenti
MotoGP: il sabato di Misano parla Ducati Prime

MotoGP: il sabato di Misano parla Ducati

Bagnaia precede Miller nella doppietta Ducati in quel di Misano. Alle spalle delle rosse di Borgo Panigale, abbiamo la Yamaha di Fabio Quartararo.

Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro Prime

Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro

Duellando contro Marc Marquez nel Gran Premio di Aragon, Francesco Bagnaia ha avuto la meglio e si è assicurato una prima vittoria in MotoGP che inseguiva da tempo. Marquez lo ha paragonato ad una vecchia conoscenza della Ducati e ora Pecco potrebbe finalmente iniziare a lottare costantemente per il successo.

MotoGP
15 set 2021
Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda Prime

Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda

Il fine settimana spagnolo di Aragon ha regalato molto promossi e bocciati alla classe regina del Motomondiale. Bagnaia impeccabile, a differenza di altri che hanno deluso le aspettative. Ecco le pagelle stilate e commentate da Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes.

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez Prime

MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez

Andiamo a rivivere l'emozionante prima vittoria in MotoGP di Pecco Bagnaia ed il duello con Marquez degli ultimi giri in questa nostra animazione

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon! Prime

MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon!

Il Motorland di Aragon vede la Ducati di pecco Bagnaia primeggiare davanti a tutti: ecco la griglia di partenza completa

MotoGP
12 set 2021
Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha? Prime

Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha?

Il forlivese ha flirtato a lungo con l'Aprilia nel 2021, facendo anche un programma di test in sella alla RS-GP, ma quando si è presentata l'opportunità di entrare in orbita Yamaha non ha esitato un secondo, anche se il suo ritorno prevede cinque gare in sella ad una vecchia M1 "Spec B" del 2019 prima di approdare su quella factory gestita dal team satellite nel 2022. Sarà stata la scelta più giusta?

MotoGP
8 set 2021
Aprilia: il podio come punto di partenza, non come traguardo Prime

Aprilia: il podio come punto di partenza, non come traguardo

Il terzo posto di Aleix Espargaro ha rappresentato il primo podio della Casa di Noale nell'era MotoGP. Un risultato che premia per un percorso che è stato costellato di ostacoli, ma che deve essere preso come punto di partenza per ambire a qualcosa di ancora più grande. Anche perché ora c'è pure un sogno di nome Maverick Vinales.

MotoGP
1 set 2021
Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese Prime

Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese

Valentino lascerà l'amato mondo delle 2 ruote per... raddoppiare e salire sulle 4. La voglia di essere protagonista anche nelle GT3 è tanta e si può fare un percorso serio con la Ferrari, ma dovrà essere capace di calarsi nella parte e non voler tutto subito. Vediamo come e perché.