Vinales: "Con il team sto bene, con i capi Yamaha è un'altra cosa"

La moto di Maverick Vinales si è fermata prima della seconda partenza del Gran Premio della Stiria e lo spagnolo ha dato la colpa alle modifiche apportate alla sua Yamaha.

Vinales: "Con il team sto bene, con i capi Yamaha è un'altra cosa"

Il pilota catalano, che lo scorso giugno ha deciso di lasciare la Yamaha con un anno d'anticipo rispetto alla scadenza del suo contratto, affronta la seconda metà della stagione in una situazione strana, da separato in casa, ma personalmente vuole combattere per ottenere i migliori risultati possibili.

La ragione che Maverick Vinales ha dato dopo aver rotto un contratto milionario ed aver rinunciato a guidare una delle, teoricamente, migliori moto sulla griglia è che "un giorno la moto va bene e la gara dopo non funziona, e nessuno alla Yamaha sa mai come darmi una spiegazione: così non posso andare avanti".

Domenica, al Gran Premio della Stiria, secondo Maverick, è stato ancora una volta possibile vedere che i suoi reclami hanno trovato una piena conferma.

Vinales era nono sulla griglia, è partito come un razzo e si è spostato nel gruppo di testa, tagliando il traguardo quinto al primo giro, poco prima che una bandiera rossa fosse mostrata al secondo giro per un incidente che ha coinvolto Dani Pedrosa e Lorenzo Savadori.

In quei due giri, Maverick è riuscito a recuperare quattro posizioni, superando Fabio Quartararo e Marc Márquez, tra gli altri.

Tuttavia, dopo la bandiera rossa, alla ripartenza, la moto di Vinales è rimasta bloccata sulla griglia quando gli altri hanno iniziato il warm-up lap, costringendolo a prendere il via dalla pitlane e rovinando così la sua gara.

Quando al pilota della Yamaha è stato chiesto cosa era successo sulla griglia, Vinales era frustrato.

"Più o meno come ogni volta. Avevo davvero un buon feeling, ho avuto un buon inizio nella prima gara, ero davvero impaziente di mangiare tutti, stavo combattendo con Joan (Mir), con Fabio (Quartararo), con Marc (Márquez), stavo andando alla grande", ha spiegato.

"Poi hanno fermato la gara, siamo andati ai box, hanno cambiato la frizione, la gomma ed è stata una storia diversa", ha detto.

Leggi anche:

Per Maverick, la scelta di lasciare la Yamaha il prossimo anno non cambia il suo approccio alle corse per il resto della stagione, per quanto strana possa essere la situazione.

"Tutti hanno potuto vedere come ho affrontato il fine settimana. Fino alla bandiera rossa nella prima gara in cui sono stato lì, in tutte le sessioni di prove eravamo in testa. Mi piace correre, andare al limite e fare buoni tempi, ma poi in gara... Sono davvero felice perché domenica abbiamo potuto dimostrare che quando la moto funziona bene e va normalmente, sono lì e sono al mio meglio. Sono stato felice che abbiano dato una bandiera rossa per mostrare la realtà".

Un nuovo capitolo nella disaffezione tra Vinales e il team Yamaha da quando lo spagnolo ha negoziato il suo ultimo rinnovo direttamente con il Giappone nel 2019.

"Vediamo, non è scomodo. Io, con la squadra, con i miei meccanici, sto benissimo. Un'altra cosa è con i capi della Yamaha, ma con i miei meccanici sono perfetto e grato perché abbiamo fatto del nostro meglio. A volte non funziona, ma va bene, è quello che è. Dobbiamo continuare a spingere e speriamo che entro la fine dell'anno avremo l'opportunità di avere la moto che avevo questa domenica alla prima partenza," ha detto lo spagnolo.

Alcuni piloti si sono lamentati che il nuovo pneumatico medio posteriore montato per la seconda uscita non ha funzionato bene come quello della prima gara.

"Vorrei aver lasciato le stesse gomme, quelle usate. Le cose sono cambiate molto con il nuovo pneumatico. Non so perché ho avuto un sacco di spinning e problemi al motore in frenata, e non so perché. È cambiato molto da un'uscita all'altra, ma a volte succede", si è rassegnato.

"Con la stessa identica mescola, a volte uno funziona e l'altro no, per qualsiasi motivo. Quello che è chiaro è che c'è un pneumatico che è quello da gara che si suppone sia il migliore, ma noi abbiamo usato quello per la prima manche. Poi ne metti un altro che forse hai dovuto usare in FP1 o FP2 e la qualità non è così alta e questo è quello che potrebbe essere successo, questa è la logica. Ma alla fine è lo stesso per tutti", ha sostenuto Viñales, che alla fine della gara, in cui ha finito ultimo (19esimo), non ha nemmeno attraversato il traguardo, entrando direttamente nella corsia box. "Il display della moto, che mi ha dato un sacco di problemi, mostrava 'pitlane', così sono entrato".

Un accumulo di situazioni che hanno messo fine alla pazienza di "Mack" e lo portano a pensare che la seconda parte della stagione potrebbe essere lunga.

"Per me è difficile dare una spiegazione a quello che è successo, nel senso che dovrebbe essere la squadra a darla. Perché in una gara tutto funziona bene, nella successiva (pochi minuti dopo e sulla stessa pista) la moto non funziona. Questo è l'handicap che abbiamo in questa squadra e dobbiamo cercare di affrontarlo nel modo migliore. Cerco sempre di fare del mio meglio per i fan. Quando parti nella prima gara e vai a tutto gas, scalando la classifica, e nella seconda gara accade il contrario, mi fa pensare. È complicato", ha concluso il pilota di Roses.

condivisioni
commenti
Ducati: c'è un segreto sulla Desmosedici vincente di Martin!

Articolo precedente

Ducati: c'è un segreto sulla Desmosedici vincente di Martin!

Prossimo Articolo

Rossi: "Mi piacerebbe lottare per la top 10 in Austria"

Rossi: "Mi piacerebbe lottare per la top 10 in Austria"
Carica commenti
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021