Vinales: "Con il team sto bene, con i capi Yamaha è un'altra cosa"

La moto di Maverick Vinales si è fermata prima della seconda partenza del Gran Premio della Stiria e lo spagnolo ha dato la colpa alle modifiche apportate alla sua Yamaha.

Vinales: "Con il team sto bene, con i capi Yamaha è un'altra cosa"

Il pilota catalano, che lo scorso giugno ha deciso di lasciare la Yamaha con un anno d'anticipo rispetto alla scadenza del suo contratto, affronta la seconda metà della stagione in una situazione strana, da separato in casa, ma personalmente vuole combattere per ottenere i migliori risultati possibili.

La ragione che Maverick Vinales ha dato dopo aver rotto un contratto milionario ed aver rinunciato a guidare una delle, teoricamente, migliori moto sulla griglia è che "un giorno la moto va bene e la gara dopo non funziona, e nessuno alla Yamaha sa mai come darmi una spiegazione: così non posso andare avanti".

Domenica, al Gran Premio della Stiria, secondo Maverick, è stato ancora una volta possibile vedere che i suoi reclami hanno trovato una piena conferma.

Vinales era nono sulla griglia, è partito come un razzo e si è spostato nel gruppo di testa, tagliando il traguardo quinto al primo giro, poco prima che una bandiera rossa fosse mostrata al secondo giro per un incidente che ha coinvolto Dani Pedrosa e Lorenzo Savadori.

In quei due giri, Maverick è riuscito a recuperare quattro posizioni, superando Fabio Quartararo e Marc Márquez, tra gli altri.

Tuttavia, dopo la bandiera rossa, alla ripartenza, la moto di Vinales è rimasta bloccata sulla griglia quando gli altri hanno iniziato il warm-up lap, costringendolo a prendere il via dalla pitlane e rovinando così la sua gara.

Quando al pilota della Yamaha è stato chiesto cosa era successo sulla griglia, Vinales era frustrato.

"Più o meno come ogni volta. Avevo davvero un buon feeling, ho avuto un buon inizio nella prima gara, ero davvero impaziente di mangiare tutti, stavo combattendo con Joan (Mir), con Fabio (Quartararo), con Marc (Márquez), stavo andando alla grande", ha spiegato.

"Poi hanno fermato la gara, siamo andati ai box, hanno cambiato la frizione, la gomma ed è stata una storia diversa", ha detto.

Leggi anche:

Per Maverick, la scelta di lasciare la Yamaha il prossimo anno non cambia il suo approccio alle corse per il resto della stagione, per quanto strana possa essere la situazione.

"Tutti hanno potuto vedere come ho affrontato il fine settimana. Fino alla bandiera rossa nella prima gara in cui sono stato lì, in tutte le sessioni di prove eravamo in testa. Mi piace correre, andare al limite e fare buoni tempi, ma poi in gara... Sono davvero felice perché domenica abbiamo potuto dimostrare che quando la moto funziona bene e va normalmente, sono lì e sono al mio meglio. Sono stato felice che abbiano dato una bandiera rossa per mostrare la realtà".

Un nuovo capitolo nella disaffezione tra Vinales e il team Yamaha da quando lo spagnolo ha negoziato il suo ultimo rinnovo direttamente con il Giappone nel 2019.

"Vediamo, non è scomodo. Io, con la squadra, con i miei meccanici, sto benissimo. Un'altra cosa è con i capi della Yamaha, ma con i miei meccanici sono perfetto e grato perché abbiamo fatto del nostro meglio. A volte non funziona, ma va bene, è quello che è. Dobbiamo continuare a spingere e speriamo che entro la fine dell'anno avremo l'opportunità di avere la moto che avevo questa domenica alla prima partenza," ha detto lo spagnolo.

Alcuni piloti si sono lamentati che il nuovo pneumatico medio posteriore montato per la seconda uscita non ha funzionato bene come quello della prima gara.

"Vorrei aver lasciato le stesse gomme, quelle usate. Le cose sono cambiate molto con il nuovo pneumatico. Non so perché ho avuto un sacco di spinning e problemi al motore in frenata, e non so perché. È cambiato molto da un'uscita all'altra, ma a volte succede", si è rassegnato.

"Con la stessa identica mescola, a volte uno funziona e l'altro no, per qualsiasi motivo. Quello che è chiaro è che c'è un pneumatico che è quello da gara che si suppone sia il migliore, ma noi abbiamo usato quello per la prima manche. Poi ne metti un altro che forse hai dovuto usare in FP1 o FP2 e la qualità non è così alta e questo è quello che potrebbe essere successo, questa è la logica. Ma alla fine è lo stesso per tutti", ha sostenuto Viñales, che alla fine della gara, in cui ha finito ultimo (19esimo), non ha nemmeno attraversato il traguardo, entrando direttamente nella corsia box. "Il display della moto, che mi ha dato un sacco di problemi, mostrava 'pitlane', così sono entrato".

Un accumulo di situazioni che hanno messo fine alla pazienza di "Mack" e lo portano a pensare che la seconda parte della stagione potrebbe essere lunga.

"Per me è difficile dare una spiegazione a quello che è successo, nel senso che dovrebbe essere la squadra a darla. Perché in una gara tutto funziona bene, nella successiva (pochi minuti dopo e sulla stessa pista) la moto non funziona. Questo è l'handicap che abbiamo in questa squadra e dobbiamo cercare di affrontarlo nel modo migliore. Cerco sempre di fare del mio meglio per i fan. Quando parti nella prima gara e vai a tutto gas, scalando la classifica, e nella seconda gara accade il contrario, mi fa pensare. È complicato", ha concluso il pilota di Roses.

condivisioni
commenti
Ducati: c'è un segreto sulla Desmosedici vincente di Martin!
Articolo precedente

Ducati: c'è un segreto sulla Desmosedici vincente di Martin!

Prossimo Articolo

Rossi: "Mi piacerebbe lottare per la top 10 in Austria"

Rossi: "Mi piacerebbe lottare per la top 10 in Austria"
Carica commenti
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

MotoGP
26 nov 2021
Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021
Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia Prime

Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia

Il Gran Premio dell'Algarve di MotoGP si chiude con sorprese, conferme e delusioni. Ecco le pagelle dell'appuntamento portoghese stilate e commentate in questo nuovo video di Motorsport.com da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio.

MotoGP
9 nov 2021
MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia Prime

MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia

Il fine settimana di Misano è stato un concentrato di emozioni, dal saluto del pubblico italiano a Valentino Rossi alla conquista del primo titolo di Fabio Quartararo, quasi una sorta di passaggio di consegne in casa Yamaha. Ma anche i tributi a Marco Simoncelli e Fausto Gresini hanno aggiunto qualcosa di speciale.

MotoGP
4 nov 2021