Vinales: "Austria? Tanto motore, ma anche curve veloci adatte a noi"

Il pilota della Suzuki è convinto che trovando il giusto compromesso di set-up anche quello del Red Bull Ring possa essere un weekend positivo. E prima di cambiare team vuole provare ancora a lasciare un segno con la GSX-RR.

Con l'appuntamento del Red Bull Ring inizia l'ultima metà di stagione che Maverick Vinales affronterà insieme alla Suzuki. Nel futuro del pilota spagnolo c'è già la Yamaha, ma questo non vuol dire che non voglia provare a togliersi ancora qualche soddisfazione importante in sella alla GSX-RR.

"Questa pausa estiva è stata molto utile, perché mi ha permesso di recuperare le energie. Ho fatto vacanza, ma mi sono anche allenato molto, perché voglio farmi trovare pronto per la ripartenza del campionato. Finora abbiamo ottenuto dei risultati positivi, ma possiamo migliorare ancora di qualche posizione e sfruttare meglio la nostra moto" ha detto Maverick.

L'aspetto che sembra prevalere sul tracciato austriaco è la potenza del motore: "Prima della pausa abbiamo fatto un test in Austria e le mie sensazioni sono state positive. Il circuito è "old style" e molto veloce. Questo significa che è molto esigente a livello di prestazioni del motore, ma da questo lato la GSX-RR è migliorata molto rispetto allo scorso anno, anche se i concorrenti con i motori più potenti avranno vita più facile".

Però le curve veloci che ci sono nella parte centrale e finale della pista potrebbero esaltare le doti della Suzuki: "Allo stesso tempo, ci sono delle curve veloci che sono adatte a noi, quindi penso che dovremmo cercare di sfruttarlo e trovare il set-up più adatto a permetterci di giocarci le nostre carte".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Evento GP d'Austria
Circuito Red Bull Ring
Piloti Maverick Viñales
Team Team Suzuki MotoGP
Articolo di tipo Preview