Valentino: "Siamo già in modalità da gara"

condivisioni
commenti
Valentino:
Oriol Puigdemont
Di: Oriol Puigdemont
Tradotto da: Matteo Nugnes
03 mar 2016, 00:52

Nonostante la caduta, avvenuta a velocità molto ridotta, il "Dottore" è molto soddisfatto del lavoro fatto nella prima giornata di test in Qatar e si sente pronto per iniziare il Mondiale 2016.

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing bike detail
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Poco meno di due settimane fa la Yamaha ha lasciato Phillip Island con più ombre che luci. La moto che era sembrata un missile nelle mani di Jorge Lorenzo e Valentino Rossi a Sepang, non era riuscita a tenere lo stesso margine di sicurezza in Australia.

Il test in Qatar, l'ultimo prima dell'inizio del Mondiale, che avverrà proprio qui tra meno di 20 giorni, dovrebbe essere una sorta di prova del nove. Dopo la prima giornata bisogna dire che Rossi e Lorenzo hanno potuto tirare un sospiro di sollievo.

Lo spagnolo è stato il più veloce, con un vantaggio di quattro decimi su Maverick Vinales, mentre l'italiano ha chiuso terzo. Valentino però non ha cominciato nel migliore dei modi, perché nella sua prima uscita è finito a terra. Da allora in avanti però la situazione è cambiata in positivo.

"Sono caduto dopo appena 10 curve. Non stavo andando troppo forte e forse mi sono piegato troppo sulla sinistra. La gomma forse non era abbastanza calda, ma andavo solo a 70 km/h, quindi non è stato niente di eclatante" ha detto Rossi.

"Tuttavia, sono molto felice, perché la giornata è andata molto bene. La moto è competitiva. Abbiamo iniziato con un buon setting di base e mi sono sentito bene fin dall'inizio. La cosa positiva è che posso migliorare il mio ritmo ogni volta che vado in pista" ha aggiunto il #46.

Finora, in questo pre-campionato, la Casa giapponese aveva fornito due moto differenti ai piloti: una con il telaio dello scorso anno modificato e l'altra con il telaio 2016. Dopo la conclusione delle prove di Phillip Island, sia Lorenzo che Rossi hanno optato però per quello "ibrido".

"Siamo già in modalità gara. Potremmo solo cambiare il motore, metterne uno nuovo ed andare a correre" ha concluso il nove volte campione del mondo.

Prossimo articolo MotoGP
Aprilia RS-GP 2016: ecco la scheda tecnica

Articolo precedente

Aprilia RS-GP 2016: ecco la scheda tecnica

Prossimo Articolo

Rossi: "Il piano è sempre stato continuare se mi sentivo competitivo"

Rossi: "Il piano è sempre stato continuare se mi sentivo competitivo"
Carica commenti

Su questo articolo

Serie MotoGP
Piloti Valentino Rossi Acquista adesso
Team Yamaha Factory Racing
Autore Oriol Puigdemont
Tipo di articolo Intervista