Valentino: "Secondo me siamo più vicini ai nostri avversari, ma ancora non basta!"

condivisioni
commenti
Valentino:
Di:
07 feb 2019, 12:13

Rossi ha chiuso al sesto posto nella giornata di test odierna sul tracciato malese di Sepang. Al momento sembra contento della direzione presa nello sviluppo della moto, ma poi ammette: "I miglioramenti sono pochi".

Valentino Rossi ha chiuso la seconda giornata di test invernali di MotoGP sul tracciato di Sepang con il sesto tempo assoluto, mentre il suo compagno di squadra Maverick Vinales ha dato lo strappo decisivo nell'ultimo time attack e ha chiuso davanti a tutti.

Anche il "Dottore" ha cercato di sfruttare una gomma da tempo proprio nella parte conclusiva della giornata, ma questa non ha dato le performance attese dal pilota e dal team di Iwata.

"Evidentemente ho usato una gomma molto vecchia che non mi ha permesso di fare il tempo che avrei potuto fare. Certo, è facile dirlo ora a motori spenti, ma secondo me sarei riuscito a fare un po' meglio. Magari di un decimo. Se ci fossi riuscito sarei entrato tra i primi tre", ha detto Rossi una volta sceso dalla sua Yamaha M1 2019.

"E' un peccato, perché da Rins a me siamo tutti attaccati. Maverick invece era irraggiungibile, non sarei mai riuscito a fare un tempo simile. Ma dai, alla fine oggi non dobbiamo fare le gare ma avere un buon feeling".

Leggi anche:

Se la gomma da tempo ha creato qualche grattacapo a Rossi, differente è la storia per quanto riguarda alcune nuove componenti provate oggi. Queste hanno dato buoni riscontri. Sembra ormai certo, però, che domani Valentino non farà alcuna simulazione di gara.

"Oggi abbiamo provato delle cose che mi hanno fatto migliorare ancora un po'. Secondo me stiamo lavorando bene. Non so se farò una simulazione gara domani perché qualora dovessi farla, poi non avrei l'energia sufficiente per fare tutto il resto del programma che abbiamo stilato. Preferisco continuare a provare, poi magari la farò in Qatar".

I miglioramenti fatti dalla Yamaha rispetto all'anno passato sembrano evidenti. Rossi ha cercato di quantificarli e, facendo questo, ha ammesso che sebbene la strada intrapresa sia quella giusta, ancora non basta per avvicinare i rivali principali.

"Secondo me ora siamo un po' più vicini agli altri, ma ancora non basta. Oggi le Ducati sono andate molto forte. Non so che gomme avessero, ma sono andati davvero forte. Io con le gomme usate non sono molto lontano, però mi sembra che ci manchi ancora qualcosa. Abbiamo migliorato nella direzione giusta, però poco".

"Per la mia esperienza, quello che succede nei test invernali non si verifica poi in gara. Io infatti in questi giorni cerco solo di concentrarmi se le cose che provo vanno bene o meno. Se c'è un pezzo che va benissimo, o viceversa va malissimo, poi nel weekend è tutto diverso. Poi su questa pista c'è una temperatura che troviamo solo un paio di volte l'anno. E' tutto diverso: le gomme, l'assetto della moto... è un po' una cosa particolare. Come layout della pista è molto interessante, perché ha tutto. Frenate, tornantini, tratti molto veloci, accelerazioni, però presenta condizioni di pista molto particolari".

Per concludere, Valentino ha chiarito che in questi test sta lavorando con un solo motore. Questo dovrebbe essere identico a quello che sta utilizzando Vinales. "Tutti mi chiedete quali motori stia usando. Io ne ho uno e penso sia lo stesso che sta usando anche Maverick. Credo che anche lui concordi con quello che dico io riguardo al motore, però non lo so".

Prossimo Articolo
Ducati prova la simulazione di GP in coppia, Dovizioso: "L'ho proposta io ed è stata produttiva"

Articolo precedente

Ducati prova la simulazione di GP in coppia, Dovizioso: "L'ho proposta io ed è stata produttiva"

Prossimo Articolo

Petrucci: "Dovi mi ha spiegato tante cose, ma soprattutto me le ha fatte vedere anche in pista"

Petrucci: "Dovi mi ha spiegato tante cose, ma soprattutto me le ha fatte vedere anche in pista"
Carica commenti