Valentino: "Pensavo bastasse battere Lorenzo e Marquez..."

Il "Dottore" pregustava già la vittoria davanti al proprio pubblico e ovviamente c'è un pizzico di delusione per essere stato battuto solo nel finale da un avversario inatteso come Pedrosa, dopo aver piegato i più accreditati.

A tenere banco nel post-gara di Misano è stato il battibecco avvenuto in conferenza stampa tra Valentino Rossi e Jorge Lorenzo per il sorpasso dell'italiano al secondo giro, ma va anche analizzato quello che è stato un secondo posto amaro per il "Dottore".

L'autodromo romagnolo era completamente giallo per rendergli omaggio e lui ha fatto il suo dovere alla grande fino a pochi giri dal termine, mantenendo le redini della corsa per quasi tutta la distanza. Poi però nella sua scia si è materializzata la Honda di Dani Pedrosa e non c'è stato più nulla da fare, perché oggi lo spagnolo era davvero in palla.

E quando a batterti a casa tua è un avversario che non ti saresti aspettato, favorito anche da un scelta di gomme che si è potuto permettere solo grazie alla sua corporatura (aveva la soft all'anteriore contro la media della stragrande maggioranza degli altri).

"Pedrosa lo avevo visto già nelle prove che andava forte, anche a Silverstone aveva fatto una bella gara, però speravo che partendo in terza fila non avrebbe fatto in tempo a raggiungerci. Lui spesso ha degli svantaggi a causa della sua corporatura, essendo piccolo e leggero, ma oggi mi è sembrato che questo sia stato il suo vantaggio. Però è stato davvero bravo" ha detto il 9 volte iridato.

E poi ha proseguito: "Mi è dispiaciuto molto perché pensavo che battere Lorenzo e Marquez sarebbe bastato per vincere, invece Dani mi è arrivato dietro che mancavano ancora sette giri. Ho provato a rimanergli attaccato, ma non c'è stato niente da fare. Dall'altra parte sono contentissimo, perché è stata una gran gara, però qui a Misano mi sarebbe piaciuto tantissimo vincere, ma lui aveva quel pelino in più. Non me lo aspettavo, ma devo dire che se mi avessero battuto Lorenzo o Marquez sarebbe stato anche peggio. Per il campionato è meglio che mi abbia battuto Pedrosa, ma ci tenevo tanto".

Vale non si è lamentato del sorpasso di Dani, ritenendo che un attacco un po' aggressivo ci possa stare nel finale della corsa. Però ha ricordato come lo spagnolo sembra vedere più "rosso" che Rossi quando è in battaglia con lui: "Di solito Pedrosa è considerato un pilota poco aggressivo, però con me tira sempre fuori il massimo".

Infine, non poteva mancare una dedica ai tantissimi tifosi che sono venuti a supportarlo oggi a Misano: "E' stato bellissimo, c'era un'atmosfera fantastica e il giro di formazione è stato quasi commovente. Sarebbe stato bello vincere davanti a questo pubblico, ma vado a casa con la certezza di aver fatto tutto il possibile per riuscirci".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Evento GP di San Marino
Sub-evento Domenica, gara
Circuito Misano Adriatico
Piloti Valentino Rossi
Team Yamaha Factory Racing
Articolo di tipo Intervista