Valentino: "Non è giusto giocarsi i contratti 2019 nelle prime tre gare"

Secondo Rossi il mercato si dovrebbe aprire nella seconda parte della stagione: "Lorenzo e Iannone quando hanno capito che rischiavano di restare a piedi si sono messi ad andare più forte, mettendo in difficoltà i loro team manager. E' sbagliato...".

Valentino: "Non è giusto giocarsi i contratti 2019 nelle prime tre gare"
Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP, Jorge Lorenzo, Ducati Team
Il vincitore della gara Jorge Lorenzo, Ducati Team, Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Jorge Lorenzo, Ducati Team
Il vincitore della gara Jorge Lorenzo, Ducati Team
Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP

Il campionato 2018 di MotoGP è pesantemente condizionato dal mercato per il 2019: ci sono piloti che possono affrontare la stagione serenamente nella consapevolezza di avere già un contratto per il prossimo anno e ce ne sono molti che, invece, hanno dovuto dimostrare nelle prima gare della stagione cosa sono capaci di fare, generando forti incomprensioni all’interno dei rispettivi tea.

Gli esempi più eclatanti sono quelli di Jorge Lorenzo e Andrea Iannone che sono arrivati a essere in rotta di collisione rispettivamente con Ducati e Suzuki proprio nel momento in cui stanno oggettivamente esprimendo il loro meglio.

È giusto aprire le trattative di mercato quando un campionato è appena partito e non ha ancora delineato i suoi veri valori? Il primo a riflettere su questo argomento delicato è Valentino Rossi che argomento a margine del podio conquistato al Mugello con la Yamaha…

“È sbagliato che si debbano decidere i contratti così presto. La situazione di Iannone, quella di Lorenzo e di altri, testimoniano che ci si gioca tutto forse nelle prime tre gare. Secondo me c’è troppa fretta”.

“Io, addirittura, ho firmato prima dell’inizio della stagione, ma credo che la mia situazione fosse un po’ diversa, visto che avevo deciso di restare alla Yamaha e di continuare a correre per altri due anni. Per gli altri che invece si giocano dei posti importanti è certamente un problema dover decidere così presto”.

E allora cosa si può fare?
“Lorenzo e Iannone, quando hanno capito che rischiavano di restare a piedi si sono messi ad andare più forte, e quindi stanno mettendo un po’ in difficoltà i loro team manager. Sarebbe bello dire: si comincia a parlare dell’anno dopo solo nella seconda parte del campionato. Ma mi rendo conto che è una cosa difficile da controllare…”.

condivisioni
commenti
Vinales: "La Yamaha ha un pilota per vincere, deve dargli le armi per farlo"

Articolo precedente

Vinales: "La Yamaha ha un pilota per vincere, deve dargli le armi per farlo"

Prossimo Articolo

Ciabatti: "Se Marquez avesse colpito Rossi, sarebbe stato investigato"

Ciabatti: "Se Marquez avesse colpito Rossi, sarebbe stato investigato"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP d'Italia
Sotto-evento Domenica, post-gara
Location Mugello
Piloti Valentino Rossi
Team Yamaha Factory Racing
Autore Franco Nugnes
Quartararo e Bagnaia: il mondo ribaltato in 5 mesi Prime

Quartararo e Bagnaia: il mondo ribaltato in 5 mesi

Le prime tre gare della MotoGP 2021 hanno iniziato a dare un'indicazione di quelli che potrebbero essere i valori in campo e quelli che si sono proposti con più regolarità al vertice sono Fabio Quartararo e Pecco Bagnaia. E lo hanno fatto in particolare a Portimao, su una pista su cui lo scorso novembre avevano sofferto tantissimo, dando una forte segnale di maturazione.

MotoGP, la griglia di partenza del GP del Portogallo Prime

MotoGP, la griglia di partenza del GP del Portogallo

Andiamo a scoprire insieme la Griglia di Partenza del Gran Premio del Portogallo, terza prova del campionato del mondo 2021 di MotoGP

MotoGP
18 apr 2021
Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti" Prime

Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti"

Intervista esclusiva con Danilo Petrucci, pilota KTM del team Tech3, alla vigilia del GP del Portogallo di MotoGP. Il ternano fa il punto della situazione circa il feeling con la moto austriaca e parla della necessità di percorrere nuove vie per andare a modificare il set-up complessivo, data la sua fisicità totalmente diversa dagli altri piloti KTM

MotoGP
16 apr 2021
Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello Prime

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello

Dopo la prima presa di contatto a Jerez, Andrea Dovizioso tornerà in sella all'Aprilia al Mugello per approfondire la conoscenza della RS-GP e ancora una volta il tracciato toscano potrebbe essere teatro di una svolta per la sua carriera.

MotoGP
15 apr 2021
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021