Valentino: "E' un buon venerdì, ma dipende soltanto dalla pista"

condivisioni
commenti
Valentino:
Franco Nugnes
Di: Franco Nugnes , Direttore Responsabile
18 mag 2018, 16:22

Rossi non si illude per il terzo tempo ottenuto con la Yamaha a Le Mans: "Su questa pista e su questo asfalto la nostra M1 funziona bene”. Il campione di Tavullia smentisce che ci sia un telaio nuovo: "Ho sempre la moto delle prime gare”.

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini, Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi guarda la lista dei tempi del venerdì e sorride. Il campione di Tavullia ha portato la sua Yamaha al terzo posto, seguito da vicino dal compagno di squadra, Maverick Vinales, segno che le M1 hanno iniziato il weekend di Le Mans in modo positivo.

Il “Dottore” è troppo navigato per lasciarsi andare all’entusiasmo, ma fa una giusta fotografia della situazione dopo che è arrivato a due decimi dalla Ducati di Andrea Dovizioso…

“È stata una giornata positiva anche se è solo venerdì, ma è comunque un bene essere davanti. Anche questa mattina sono stato piuttosto veloce: posso dire che su questa pista e su questo asfalto la nostra moto funziona bene”.

“Ho girato con un buon passo e anche con le gomme usate riesco a tenere un’andatura piuttosto veloce. Alla fine ho chiuso un buon giro e mi ritrovo nei primi tre. Ci sono ancora tante cose da fare, come scegliere le gomme, ma come primo giorno è stato positivo”.

Alla Ducati dicono che domenica potrebbero correre con la gomma morbida. Pensi di poter fare una scelta analoga?
“Allora, la scelta delle gomme sarà una cosa molto importante per la gara di domenica. Io questa mattina ho fatto tanti giri con la soft e andavo abbastanza bene, ma secondo me è una gomma abbastanza al limite, quindi non so se riusciremo a usare la soft in gara. Se qualcuno dovesse riuscirci potrebbe essere un vantaggio…”.

È andata meglio di quanto ti aspettassi?
“Sì, al momento è andata meglio di quanto potessi sperare, perché sapevo che dovevo soffrire a Jerez, ma quando siamo andati a fare i test al Mugello, dove di solito andiamo forte, non sono riuscito a essere abbastanza veloce nemmeno lì, quindi pensavo di soffrire di più qui in Francia. E, invece, Le Mans è una pista che alla nostra moto piace e quindi è andata bene”.

Quanto contano le temperature fresche?
“A Le Mans anche se c’è il sole, l’aria è sempre fresca, per cui oggi c’era una temperatura perfetta per andare in moto. E poi lo sapete: quando non è troppo caldo le gomme sulla M1 soffrono di meno”.

Allora è tutto merito della pista, segno che le illusioni finiscono qui?
“Naturalmente noi speriamo sempre di andare meglio, anche al Mugello potremmo essere un po’ competitivi, ma la moto è esattamente quella di Jerez. La differenza, quindi, la fanno la temperatura e il tipo di asfalto e il disegno della pista”.

Qualcuno sostiene che tu abbia un telaio leggermente differente?
“Non è assolutamente vero. Ho sempre il telaio delle prime gare”.

Pensi che anche la Yamaha abbia bisogno di un secondo team nel 2019?
“Ho parlato proprio questa mattina con i giapponesi e mi hanno detto che per loro sarebbe meglio avere quattro moto sulla griglia. Vi riporto quello che mi hanno detto”.

“Io spero che anche un altro team possa avere le Yamaha e ci possano essere quattro M1 in griglia perché favorisce lo sviluppo durante la stagione e permette di avere più dati da analizzare”.

Prossimo articolo MotoGP

Su questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP di Francia
Sotto-evento Venerdì, prove libere
Location Le Mans Circuit Bugatti
Piloti Valentino Rossi
Team Yamaha Factory Racing
Autore Franco Nugnes
Tipo di articolo Intervista