Valentino: "Dobbiamo continuare l'opera iniziata in Malesia"

Il "Dottore" spera che la Yamaha si possa confermare la moto di riferimento anche a Phillip Island, ma soprattutto è curioso di vedere come si comporterà la M1 in Australia.

Domani la MotoGP riaccende i motori per il secondo test collettivo stagionale, che andrà in scena sul tracciato di Phillip Island. C'è molta attesa per capire se anche in Australia verranno confermati i valori visti in Malesia, in particolare nel box Yamaha, visto che le M1 sono parse decisamente in vantaggio rispetto al resto del gruppo.

Valentino Rossi, dunque, sembra davvero impaziente di tornare in sella: "Dopo alcuni giorni di riposo e di lavoro fuori casa, sono pronto per il secondo test della stagione a Phillip Island. Sono molto felice di provare la nostra moto sul circuito australiano, perché le temperature saranno alte e quindi sarà una buona occasione per raccogliere altri dati importanti circa gli pneumatici e l'elettronica".

"Il test in Malesia è andato molto bene per la Yamaha. Dobbiamo ancora migliorare, ma in generale sono rimasto soddisfatto del comportamento della moto. In Giappone hanno lavorato molto durante l'inverno e sono ansioso di provare la moto su un'altra pista come Phillip Island, sulla quale di solito sono veloce" ha aggiunto il "Dottore".

Riguardo ai valori in pista, c'è la curiosità appunto di capire se la concorrenza ha reagito nelle due settimane di stacco da Sepang: "Dobbiamo rimanere concentrati, perché i nostri rivali stanno lavorando molto e già dal test in Australia molte cose possono cambiare. Mi sento bene, sto continuando la preparazione fisica e sarà molto importante tornare immediatamente in pista. Vogliamo continuare l'opera iniziata in Malesia e continuare a provare il nuovo materiale per migliorare la moto per questa stagione".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Valentino Rossi
Team Yamaha Factory Racing
Articolo di tipo Preview