Valentino: "Ci siamo avvicinati molto alle Ducati. Ho un passo gara ottimo"

Valentino Rossi ha centrato il secondo posto in griglia nelle Qualifiche del GP d'Austria, inserendosi tra le due Ducati di Iannone e Dovizioso. "Abbiamo un bel passo, dovremo essere bravi a scegliere le gomme giuste per domani".

Il secondo posto strappato oggi nelle Qualifiche del Gran Premio d'Austria della MotoGP potrebbe entrare di diritto nella galleria virtuale dei capolavori firmati da Valentino Rossi in una carriera che assume toni sempre più leggendari anno dopo anno.

Le Ducati sembravano imprendibili sino a ieri sera, poi qualche aggiustamento sull'assetto, sull'elettronica e nel bilanciamento della Yamaha M1 hanno consentito al 9 volte iridato di inserirsi tra le due Rosse di Borgo Panigale in prima fila, a pochi millesimi dal miglior tempo fatto segnare da Andrea Iannone.

"Sono molto felice, perché stamattina avevamo fatto modifiche alla moto ma non mi piacevano tanto ed è stato il turno più difficile del weekend. Poi invece abbiamo fatto altre modifiche che invece mi hanno consentito di andare più forte a partire dalle Libere 4, in cui ho fatto il terzo tempo con gomme dure. Poi abbiamo fatto un'altra piccola modifica per le Qualifiche che ci ha consentito di andare meglio. Frenavo bene, riuscivo a entrare bene in curva e ho fatto un bel giro. Per la gara di domani è stato importante inserirsi fra le due Ducati".

"Sicuramente oggi ci siamo avvicinati tanto, ma secondo me hanno un passo migliore del nostro. hanno ancora 2 o 3 decimi di vantaggio ma poi dovremo vedere le condizioni di gara di domani. Dovremo stare attenti anche ai piloti che sono in seconda fila perché lorenzo, Marquez e Vinales hanno il passo per lottare per la vittoria. Ora dovremo aspettare e vedere le condizioni di domani per poi fare le scelte giuste in fatto di gomme. Potrebbero andare bene sia le dure che le morbide. Vedremo".

Per quanto riguarda la gara di domani, il "Dottore" si è detto fiducioso perché in possesso di un ottimo passo sia con la gomma posteriore soffice che con quella più dura: "Io sono piuttosto veloce sul passo gara. Mi sono trovato piuttosto bene sia con la gomma posteriore morbida che con quella dura. Soprattutto oggi la moto andava bene e la guidavo bene. I primi sei sono i può forti dell'anno, possono vincere tutti e siamo tutti in forma. Vedremo domani come andranno le Ducati, Vinales, Lorenzo e come starà Marquez con la spalla infortunata. Successe già due anni fa che fosse infortunato alla spalla, ma poi lottò per la vittoria sino alla fine. Ci sarà anche lui. Sarebbe bello non far scappare le Ducati che al momento sono quelle un pelo più veloci".

"Domani saranno fondamentali le prime due curve dopo il via. Poi vedremo, sarà importante cercare di attaccarsi alla scia delle Ducati per non farle scappare, quello potrebbe essere buono per tentare di fuggire dal resto del gruppo. Però stiamo parlando di cose sulla carta. Poi magari non succede nulla di tutto questo".

Seppure la M1 abbia dato prova di estrema competitività in questo fine settimana, Rossi chiederà ai suoi meccanici di fare qualche altra modifica per rendere la sua Yamaha ancora più pronta per i 28 giri della gara di domani: "Dobbiamo sistemare cose sul freno motore, sull'elettronica e dovremo fare qualche aggiustamento sul bilanciamento della moto. Dovremo stare attenti perché la pista cambia molto e rapidamente. Come oggi ad esempio. Sarà importante capire come evolverà il tracciato".

"Non cambia molto aver girato poco su questa pista. Il bello è che i primi sei della categoria sono tutti nelle prime due file. Secondo me ci sarà una gran battaglia per le prime tre posizioni. Secondo me siamo riusciti a migliorare molto. Ducati è sempre rimasta davanti. Ci stiamo avvicinando al top. Ducati l'ha raggiunto prima ma vedremo domani come andremo".

Rossi ha speso anche qualche parola riguardo Marquez, infortunatosi alla spalla destra questa mattina e immediatamente tornato in sella alla sua Honda RC213V nelle Libere 4 dopo le analisi di rito: "Marc ha un fisico molto reattivo e preparato. Da noi succede spesso a Baldassarri. Quando la spalla esce e entra spesso, poi hai meno male quando la rimettono dentro. DOmani se non sarà al 100%, sarà al 98%".

"Nel T4 le due Yamaha vanno molto forte, siamo le due moto più veloci. Poi avevo tenuto un po' di margine per l'ultimo giro e mi è venuto bene. Perdo nel T2 e nelle accelerazioni fuori dalle curve strette. Per domani secondo me chi esce dall'ultima curva per primo può farcela. Credo che nemmeno le Ducati possano superare prima del traguardo perché è piuttosto vicino", ha concluso il campione di Tavullia.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Evento GP d'Austria
Sub-evento Sabato, qualifiche
Circuito Red Bull Ring
Piloti Valentino Rossi
Team Yamaha Factory Racing
Articolo di tipo Intervista