Valentino: "Bello il podio del Mugello, ma vorrei lottare per la vittoria!"

ll Dottore ringrazia il pubblico per il grande supporto: con il terzo posto Rossi lascia la Toscana secondo nel mondiale: "Va bene, ma ci devono dare una mano se vogliamo tornare in alto. La Yamaha non vince da quasi un anno!"

Valentino: "Bello il podio del Mugello, ma vorrei lottare per la vittoria!"
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing, Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing, Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing, Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing, Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Podio: il terzo classificato Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Il terzo classificato Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Tifosi di Valentino Rossi
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Tifosi di Valentino Rossi

È salito sul terzo gradino del podio, mantenendo la promessa che aveva fatto ai suoi tifosi dopo la pole position, ma Velentino Rossi è stato trattato come il vincitore del GP d’Italia, tanto che il tracciato toscano che ha ospitato la gara si è trasformato nel Mugiallo. Il Dottore si è goduto l’abbraccio dei sui tifosi che non volevano che lasciasse il podio, anche se c’era stata una doppietta Ducati…

Hai visto cadere Marquez?
“Ero davanti e non mi potete chiedere niente”.

E come spieghi la sua scivolata?
“Secondo me era una questione tecnica: con le gomme che avevamo oggi bisognava stare attentissimi. Io l’avevo capito già ieri che sarebbe stata una gara sofferta, però se partivo con la media c’era il rischio che non finissi la corsa, per cui il piano era quello di non andare giù per finire sul podio. Marquez, invece, era carico ed è stato aggressivo, solo che non lo ha perdonato la gomma”.

Ma perché Marc fa questi errori pur avendo un grande vantaggio nel mondiale?
“Perché ha una strategia di gara che è sempre all’attacco…”.

Sei rimasto sorpreso dal sapere che Marc era caduto?
“Boh, non saprei. Qualche curva prima avevo rischiato di stendermi, per cui è stata una valida ragione per pensare di stare tranquillo, perché qui la pista oggi non perdonava”.

Alla fine sul podio ci sei andato, ma sembrava che per la gente fossi tu il vincitore…
“E’ stato bellissimo, perché sono venuti tantissimi tifosi come sempre, ed è stato bello non averli delusi. Quei dieci minuti sul podio del Mugello valgono per tutti quegli sforzi che si fanno durante una stagione per essere un pilota. Certo era meglio vincere, ma bisogna anche essere realisti”.

Nonostante tutto sei secondo nel mondiale…
“Sono molto contento, perché sono secondo con tre podi. Da un punto di vista statistico devo dire che non sono riuscito a fare meglio di terzo, perché l’anno scorso avevo già conquistato due secondi posti”.

“Questo mi dispiace perché non riusciamo a lottare per la vittoria: la Yamaha non vince da quasi un anno. È sempre più chiaro che ci devono dare una mano. Ma essere secondo nel mondiale in queste condizioni non è affatto male…”.

Oggi Lorenzo ha vinto e ha detto che lascerà la Ducati: tornerà su una Yamaha?
“Per me va bene. È un pilota fortissimo, ma ci sono i pro e i contro. A me piacerebbe avere dei compagni di squadra che vanno piano (e ride), però è così ed è anche bello perché puoi vedere dove va lui e puoi cercare di migliorare".

Pensavi di prendere Dovizioso alla fine?
“Ho immaginato che fosse in difficoltà anche lui con la gomma davanti, ma ero ancora un pelo troppo lontano. Ho avuto paura che mi desse fastidio nella lotta finale con Iannone, ma invece dopo mezzo giro ho capito che era la condizione perfetta per avere il tirone della scia nell’ultimo rettilineo. Se c’era un altro giro magari sarei riuscito a dargli un po’ di fastidio”.

Nella storia hai conquistato 5 mila punti…
“Bello. È stato un weekend positivo: prima la pole, poi il podio e adesso scopro che sono arrivato a conquistare 5 mila punti. È un’altra cosa positiva, però prima della fine del campionato mi piacerebbe tornare a lottare per vincere”.

Sei secondo nel mondiale, ma non ti vedi come l’anti Marquez: chi vedi tu nel ruolo di sfidante dello spagnolo?
“Io potrei dire Dovizioso, oppure Vinales, ma questo non significa che mi senta fuori dalla lotta. È ovvio che ci proverò, ma per mettergli più pressione bisogna andare più forte”.

condivisioni
commenti
Petrucci furioso: "Marquez mi ha buttato fuori e mi ha rovinato la gara!"

Articolo precedente

Petrucci furioso: "Marquez mi ha buttato fuori e mi ha rovinato la gara!"

Prossimo Articolo

Marquez: "Era difficile salvare questa caduta, siamo tutti umani"

Marquez: "Era difficile salvare questa caduta, siamo tutti umani"
Carica commenti
Marquez ha battuto anche la sua Honda per tornare alla vittoria Prime

Marquez ha battuto anche la sua Honda per tornare alla vittoria

Marc Marquez ha attraversato l'inferno ed è tornato nei 581 giorni trascorsi tra la sua vittoria nella gara conclusiva del 2019 e il ritorno al successo di domenica scorsa al Sachsenring. Nonostante stia ancora lottando con i suoi limiti fisici ed una Honda 2021 difficile da guidare, il Sachsenring ha fornito allo spagnolo la tempesta perfetta per tornare sul gradino più alto del podio.

Perché la Yamaha rischia di perdere Valentino Rossi Prime

Perché la Yamaha rischia di perdere Valentino Rossi

Il prossimo passo della carriera di Valentino Rossi in MotoGP dovrebbe avere un'influenza di grande portata su un certo numero di piloti e squadre sulla griglia. Ma probabilmente l'impatto più grande sarà quello sulla Yamaha...

MotoGP
23 giu 2021
Vinales e Ferrari: bocciature pesanti in MotoGP e F1 Prime

Vinales e Ferrari: bocciature pesanti in MotoGP e F1

Il fine settimana tra MotoGP e Formula 1 non è certo stato clemente con Maverick Vinales e la Ferrari. Lo spagnolo è stato, senza mezzi termini, autore del suo fine settimana peggiore da quando veste i colori Yamaha: ultimo al via, ultimo all'arrivo. Non è andata meglio alla Ferrari che, dopo le prime libere al Paul Ricard, si è vista sfilare praticamente da tutto lo schieramento, chiudendo lontana dalla zona punti e trovandosi con un distacco pesante dalla McLaren nel campionato costruttori

Formula 1
22 giu 2021
Pagelle MotoGP: Vinales sempre più a picco Prime

Pagelle MotoGP: Vinales sempre più a picco

Tanti promossi e tanti bocciati nel Gran Premio di Germania di MotoGP. Le pagelle commentate e stilate da Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes, responsabile MotoGP per Motorsport.com.

MotoGP
22 giu 2021
MotoGP: La griglia di partenza del Gran Premio di Germania Prime

MotoGP: La griglia di partenza del Gran Premio di Germania

Andiamo a scoprire la griglia di partenza della classe regina del Motomondiale 2021 sul tracciato del Sachsenring.

MotoGP
20 giu 2021
Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez? Prime

Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez?

Il recupero dell'otto volte campione del mondo procede più a rilento del previsto anche a causa di una Honda poco competitiva. Questo fine settimana però si va al Sachsenring, dove è imbattuto dal 2010 comprese le classi minori: sarà l'occasione giusta per rivederlo al top?

MotoGP
16 giu 2021
Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP? Prime

Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP?

Nonostante occupino oltre il 70% dello schieramento di partenza della classe regina, italiani e spagnoli insieme hanno firmato appena una vittoria nei primi 7 GP del 2021. Tre li ha vinti la Francia, due l'Australia ed uno il Portogallo: la nuova ventata è anche geografica?

MotoGP
12 giu 2021
Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria" Prime

Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria"

Intervista esclusiva a Marco Melandri, con il quale andiamo ad analizzare quanto successo dopo il Gran Premio d'Italia al Mugello ed a Barcellona nel Motomondiale. A proposito del tema sicurezza, il ravennate si dice preoccupato in vista della doppia gara al Red Bull Ring, circuito teatro lo scorso anno di un incidente terrificante e per il quale non vi sono stati lavori di adeguamento

MotoGP
11 giu 2021