Valentino: "Bel podio, ma non vinciamo da 15 gare e non è un caso"

Il "Dottore" è contento della sua gara di Le Mans, soprattutto per il distacco di soli 5" da Marquez. Tuttavia, ha sottolineato che anche su una pista "amica" la Yamaha ha chiuso dietro ad una Honda e ad una Ducati.

Valentino: "Bel podio, ma non vinciamo da 15 gare e non è un caso"
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Il vincitore della gara Marc Marquez, Repsol Honda Team, il secondo classificato Danilo Petrucci, Pramac Racing, il terzo classificato Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Ci sono momenti nella carriera di un pilota in cui un terzo posto è un risultato deludente ed altri invece in cui può rappresentare almeno un piccolo barlume di luce in fondo ad un tunnel. Quello conquistato da Valentino Rossi oggi a Le Mans forse rientra più nella seconda categoria, perché il "Dottore" finalmente è riuscito a ritrovare una top 3 che gli mancava dalla gara di apertura in Qatar.

Anche su una pista sulla carta favorevole come quella francese, le M1 ufficiali hanno dato la sensazione di faticare più di Honda e Ducati per tutto il weekend, ma oggi il "Dottore" è riuscito a tirare fuori dal cilindro una gara che forse è andata oltre anche alle sue aspettative.

E' vero che anche in questo caso, come a Jerez, parliamo di un risultato che in parte è stato favorito da cadute importanti come quelle di Andrea Dovizioso e Johann Zarco, ma è altrettanto vero che il distacco dal vincitore Marc Marquez è stato di soli 5" e questo è sicuramente confortante rispetto alle ultime uscite.

"E' stata una bella gara, un bel podio, ma soprattutto la cosa di cui sono più contento è che ho preso solo 5" da Marquez. Sono partito bene, ho fatto i primi giri bene e anche dopo avevo un bel passo. Da ieri sera abbiamo lavorato bene con il team, perché avevamo preso una strada che in un primo momento mi era piaciuta, ma poi quando ho dovuto spingere in qualifica non mi ha aiutato, quindi abbiamo fatto delle altre modifiche" ha detto Valentino.

"Già stamattina nel warm-up sono andato bene perché ero comunque quinto e riuscivo ad avere un buon passo. C'era sempre il dubbio su come sarebbe andata pomeriggio, ma sono andato forte perché sono riuscito ad andare meglio in accelerazione e ad avere un po' più grip. Sono contento, perché Le Mans era un pista su cui era importante cercare di fare un podio" ha aggiunto.

Il podio è stato sicuramente positivo, ma bisogna tenere i piedi ben saldi per terra, perché sono ben 15 gare che la Yamaha non vince: "Penso che non sia un caso. Io glielo avevo detto a febbraio. L'anno scorso qui abbiamo dominato, poi io sono caduto all'ultimo giro, altrimenti facevamo primo, secondo e terzo. Quest'anno dopo un weekend in cui c'è stato sempre il sole ed abbiamo lavorato bene, ho fatto terzo dietro ad una Honda ed una Ducati. Se vogliamo vincere questo non basta. Una stagione senza vittorie? E' impossibile da dire, bisogna vedere quanto si vogliono impegnare quelli della Yamaha".

A questo punto quindi gli è stato chiesto come mai secondo lui la reazione continua ad essere così tardiva ad Iwata: "Nella mia carriera ho avuto molta esperienza con i giapponesi e... Non lo so (ride). Però mi ascoltano, facciamo dei meeting molto lunghi, si segnano tutto e poi portano altra roba (ride ancora). Scherzi a parte, mi piace lavorare con loro, però ora c'è bisogno di cambiare marcia velocemente e storicamente la Yamaha non è molto reattiva".

Se non altro, quello di oggi è un risultato che può dare un po' di carica all'ambiente: "Quando si vive un momento difficile come questo, è bello fare un bel risultato, perché la squadra è contenta e lo sono anche io. Spero che questo podio sia una spinta per cercare di migliorare".

La prossima tappa è al Mugello, una pista che anche in questo caso in passato gli è sempre stata favorevole, anche se nei test della settimana scorsa le cose non sono andate troppo bene, quindi l'ottimismo non è alle stelle.

"Adesso è molto importante stare concentrati e tenere duro e poi sperare che nella seconda parte del campionato riusciremo a migliorare la moto. Se non ce la facciamo ad arrivare sul podio, dobbiamo almeno cercare di stare sempre nei primi cinque per raccogliere più punti possibile. Mugello è fantastica e bisognerà cercare di trasformare la pressione in una spinta positiva. Ero abbastanza ottimista prima di andare a fare il test, ma siamo andati abbastanza male. Però era anche mezzo bagnato, quindi vediamo, perché il weekend è diverso".

Informazioni aggiuntive di Jamie Klein

condivisioni
commenti
Marquez: "Dovi ne aveva di più, senza di lui la gara è stata diversa"

Articolo precedente

Marquez: "Dovi ne aveva di più, senza di lui la gara è stata diversa"

Prossimo Articolo

Petrucci: "Questo secondo posto potrebbe essere la svolta della stagione"

Petrucci: "Questo secondo posto potrebbe essere la svolta della stagione"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP di Francia
Sotto-evento Domenica, gara
Location Le Mans Circuit Bugatti
Piloti Valentino Rossi
Team Yamaha Factory Racing
Autore Matteo Nugnes
MotoGP: come si affronta il GP di Francia Prime

MotoGP: come si affronta il GP di Francia

La MotoGP si appresta a vivere il suo quinto fine settimana di gare del 2021. La pista di Le Mans ospita il Gran Premio di Francia: andiamo a scoprirne segreti e curiosità in questo nostro giro di pista virtuale

Ceccarelli: “Arriva anche la telemetria per i piloti” Prime

Ceccarelli: “Arriva anche la telemetria per i piloti”

Torna l'appuntamento con la rubrica del mercoledì firmata Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci parlano di come la ricerca medica si sia evoluta per andare ad assistere i piloti nelle fasi di guida, recependo dati telemetrici utili al fine di migliorare le performance

MotoGP
12 mag 2021
MotoGP: scatta l'allarme sicurezza per le velocità troppo alte Prime

MotoGP: scatta l'allarme sicurezza per le velocità troppo alte

I paurosi incidenti visti a Jerez hanno fatto scattare l'allarme tra i piloti per le velocità elevate raggiunte dalle MotoGP, ma convincere i costruttori a fare un passo indietro sembra davvero difficile.

MotoGP
7 mag 2021
Rossi: quanto è amaro dirsi addio Prime

Rossi: quanto è amaro dirsi addio

Valentino Rossi sta attraversando il più difficile avvio di stagione della carriera. Appena quattro punti in altrettante gare. Lontano dalla top15, il Dottore rischia di vivere una lenta stagione da incubo in attesa di ufficializzare una decisione che, onestamente, sarebbe stato bene intraprendere anni fa

MotoGP
5 mag 2021
Ceccarelli: "Un allarme per la MotoGP il guaio di Quartararo" Prime

Ceccarelli: "Un allarme per la MotoGP il guaio di Quartararo"

Franco Nugnes, in compagnia del Dottor Ceccarelli, affronta il tema dell'ennesimo caso di sindrome compartimentale in MotoGP. Fabio Quartararo si è dovuto arrendere al dolore durante il GP di Spagna: classe regina in allarme?

MotoGP
5 mag 2021
Miller: il sostegno psicologico arrivato dalla moglie di Crutchlow Prime

Miller: il sostegno psicologico arrivato dalla moglie di Crutchlow

Dopo un avvio di stagione da dimenticare, Jack Miller è riuscito ad ottenere la prima vittoria con Ducati a Jerez ed ha svelato come un grande aiuto psicologico sia arrivato dalla moglie del suo grande amico Cal Crutchlow.

MotoGP
4 mag 2021
Pagelle MotoGP: Riscatto Miller, Rossi a fondo Prime

Pagelle MotoGP: Riscatto Miller, Rossi a fondo

Tanti promossi e tanti bocciati al Gran Premio di Spagna di MotoGP. Ecco le pagelle stilate e commentate da Beatrice Frangione e Matteo Nugnes, responsabile MotoGP per Motorsport.com

MotoGP
4 mag 2021
Ducati: la doppietta di Jerez è una "svolta" epocale Prime

Ducati: la doppietta di Jerez è una "svolta" epocale

Sono almeno tre le svolte a cui abbiamo assistito a Jerez: quella della Desmosedici GP, che finalmente "gira" anche su una pista stretta. Quella della stagione di Jack Miller, che ha risposto con una vittoria ad un avvio di stagione deludente. E la trasformazione di Pecco Bagnaia in un top rider a tutti gli effetti, arrivata con la leadership in campionato.

MotoGP
3 mag 2021