Ufficiale: KTM e Tech3 insieme in MotoGP fino al 2026

Questa mattina la Casa austriaca e la squadra francese hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per proseguire insieme in MotoGP per altri cinque anni.

Ufficiale: KTM e Tech3 insieme in MotoGP fino al 2026

In questi giorni è molto caldo il mercato delle squadre satellite della MotoGP, ma se c'è una partnership sulla quale c'erano pochi dubbi è quella che lega la KTM ed il team Tech3. Questa mattina, infatti, la Casa austriaca ed Hervé Poncharal hanno messo tutto nero su bianco, rinnovando la loro collaborazione fino al 2026.

Un rapporto nato nel 2018, quando la compagine francese ha chiuso una relazione di ben 20 anni con la Yamaha per accogliere la sfida lanciata da Mattighofen, che gli offriva di fatto un trattamento da seconda squadra factory più che da struttura clienti.

E nei primi tre anni le soddisfazioni non sono mancate, visto che nel 2020 sono arrivate ben due vittorie con Miguel Oliveira, al Red Bull Ring ed a Portimao, con il portoghese che ha impreziosito il tutto anche con una pole position in occasione della gara di casa.

"Siamo molto orgogliosi di fare annunciare questo nuovo accordo quinquennale con Tech3. E' una mossa strategica importante per il nostro futuro a lungo termine in MotoGP. Abbiamo già concordato la nostra partecipazione con Dorna per altri cinque anni ed era fondamentale avere una base di stabilità, rinnovando il nostro accordo con Tech 3", ha detto Pit Beirer, direttore di KTM MOtosport.

"Negli ultimi anni abbiamo costruito la nostra struttura e ora fornisce un percorso incredibile con Red Bull MotoGP Rookies Cup, Moto3, Moto2 e poi quattro posti nella classe regina, nella quale vogliamo avere successo. Con Hervé e Tech3 abbiamo il partner ideale e vediamo l'intera struttura come parte di 'una squadra unica'. È più che un piacere dire che potremo attaccare i prossimi cinque anni insieme" ha aggiunto.

"Mi sento molto orgoglioso, molto privilegiato e molto onorato di annunciare la nostra rinnovata partnership con KTM. Penso che saremo il primo team indipendente ad annunciare un accordo quinquennale con un produttore nella storia della MotoGP. Questo è un bel risultato e sottolinea anche quanto sia forte il nostro rapporto e quanto bene abbiano funzionato i primi tre anni della nostra partnership", ha proseguito Hervé Poncharal.

"Credo che il meglio debba ancora venire. Condividiamo gli stessi valori, lo stesso obiettivo, che è quello di non mollare mai ed essere pronti a correre. Quindi ora che questo accordo è fatto, firmato, confermato, lavoreremo ancora più duramente sulla stagione 2021 e naturalmente pensiamo a come essere preparati al meglio per il 2022".

"Credo davvero che questa organizzazione abbia tutti gli ingredienti per essere vincente e sta solo a noi mettere insieme tutti i pezzi per farlo funzionare e inseguire la vittoria ad ogni singolo round", ha concluso.

condivisioni
commenti
MotoGP: i piloti discutono la sicurezza della pista di Jerez

Articolo precedente

MotoGP: i piloti discutono la sicurezza della pista di Jerez

Prossimo Articolo

MotoGP, Jerez, Warm-Up: Zarco al top, Marquez cade ancora

MotoGP, Jerez, Warm-Up: Zarco al top, Marquez cade ancora
Carica commenti
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021
Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha Prime

Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha

Sono passati sei anni da quando Jorge Lorenzo ha dato alla Yamaha il suo ultimo titolo MotoGP nel 2015. Dalla sua partenza alla fine del 2016, lo stato di forma della Yamaha non è stato costante, ma ora ha finalmente trovato un nuovo talismano per tornare in vetta sotto la forma di un giovane francese talentuoso.

MotoGP
8 lug 2021
Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione Prime

Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione

Un decennio dopo il primo legame con Ducati, in quello che si è rivelato essere un periodo sfortunato della sua carriera in MotoGP, Valentino Rossi ha unito nuovamente le forze con il marchio Borgo Panigale, questa volta come proprietario di un team. E il legame VR46/Ducati che inizierà il prossimo anno ha il potenziale per raddrizzare la parentesi negativa del 2011/2012.

MotoGP
4 lug 2021