MotoGP
28 mar
Prove Libere 1 in
17 giorni
G
GP di Doha
02 apr
Prossimo evento tra
24 giorni
G
GP d'Argentina
08 apr
Rinviato
G
GP delle Americhe
15 apr
Rinviato
G
GP del Portogallo
16 apr
Prossimo evento tra
38 giorni
G
GP di Spagna
29 apr
Prossimo evento tra
51 giorni
G
GP di Francia
13 mag
Prossimo evento tra
65 giorni
G
GP d'Italia
27 mag
Prossimo evento tra
79 giorni
G
GP della Catalogna
03 giu
Prossimo evento tra
86 giorni
G
GP di Germania
17 giu
Prossimo evento tra
100 giorni
G
GP d'Olanda
24 giu
Prossimo evento tra
107 giorni
G
GP di Finlandia
08 lug
Prossimo evento tra
121 giorni
G
GP d'Austria
12 ago
Prossimo evento tra
156 giorni
G
GP di Gran Bretagna
26 ago
Prossimo evento tra
170 giorni
G
GP di Aragon
09 set
Prossimo evento tra
184 giorni
G
GP di San Marino
16 set
Prossimo evento tra
191 giorni
G
GP del Giappone
30 set
Prossimo evento tra
205 giorni
G
GP della Tailandia
07 ott
Prossimo evento tra
212 giorni
G
GP d'Australia
21 ott
Prossimo evento tra
226 giorni
G
GP di Malesia
28 ott
Prossimo evento tra
233 giorni
G
GP di Valencia
11 nov
Prossimo evento tra
247 giorni

Ufficiale: Crutchlow diventa collaudatore Yamaha dal 2021

Cal Crutchlow sostituirà Jorge Lorenzo nel ruolo di tester in Yamaha nel 2021. Il britannico lascia così le gare per tornare ad Iwata, dedicandosi allo sviluppo della M1 che guideranno Fabio Quartararo e Maverick Vinales.

Ufficiale: Crutchlow diventa collaudatore Yamaha dal 2021

Le voci si rincorrevano già da molto tempo ed oggi è arrivata l’ufficialità: Cal Crutchlow sarà il collaudatore del team Yamaha a partire dal prossimo anno. La notizia arriva nel venerdì del Gran Premio di Valencia, penultimo appuntamento della stagione che segna dunque la fine dell’avventura del britannico nel team LCR e come pilota ufficiale. Crutchlow sostituirà così Jorge Lorenzo nel ruolo di tester e lo fa tornando ad Iwata.

Proprio con Yamaha, Crutchlow aveva esordito in MotoGP nel 2011, in sella alla M1 del Team Tech 3, allora partner della Casa dei tre diapason. Il pilota inglese torna dunque con un ruolo diverso e, come annunciato da Yamaha nel comunicato diramato poco fa, sarà in pista già per i primi test di Sepang, previsti dal 14 al 16 febbraio. Il team ha anche annunciato che prenderà parte ai test IRTA ufficiali e privati, in modo da aiutare la squadra nel programma di sviluppo, rimasto fermo nel 2020 a causa della pandemia e della scarsa possibilità di lavorare.

Cal Crutchlow ha inoltre dato piena disponibilità ad essere pilota sostituto qualora uno dei due ufficiali dovesse essere in condizione di non poter correre: dall’anno prossimo collauderà la M1 del confermato Maverick Vinales e del nuovo arrivato nel team factory Fabio Quartararo. Così come per Jorge Lorenzo nel 2020, sono possibili anche apparizioni come wild card per il britannico, se le condizioni lo permetteranno.

Il pilota inglese torna così in Yamaha, costruttore con cui ha vinto il titolo in Supersport nel 2010: “Sono entusiasta di tornare nella squadra con cui ho vinto il titolo in Supersport e corso in Superbike. Mi hanno portato in MotoGP. Ovviamente il mio primo anno è stato difficile, ma ho avuto due grandi stagioni ed una bella esperienza con il team. Era un’offerta che mi interessava, un progetto che credo vada molto bene per me, che passerò da essere pilota da corsa a collaudatore. Ma non devo essere lento. Posso farlo, hanno bisogno di un collaudatore che sia veloce, che sia disposto a fare il collaudatore, tra le altre cose, ma che sia un collaudatore e si accontenti di essere un collaudatore e di non avere un collaudatore che voglia impegnarsi con loro per un anno e poi voglia correre, cosa con cui sono pienamente d'accordo e che capisco pienamente”.

“So che sono stato la loro scelta per un buon periodo di tempo e questa era una delle cose chiave che volevano e di cui avevano bisogno era che il pilota volesse fare il collaudatore e ne fosse felice. Sono molto contento dell'accordo che mi è stato messo davanti. È molto meno tempo di quello che sono abituato a fare, ma potrò comunque guidare una moto da gran premio, che è la migliore moto al mondo, e potrò guidare quella che credo sia sicuramente una delle migliori moto in griglia, con una grande squadra e un grande costruttore”.

Lin Jarvis esprime il suo entusiasmo verso la scelta fatta: “Prima di tutto vorrei dare il bentornato a Cal. Ricordo ancora la prima visita di Cal a YMR molti anni fa come fresco Campione del Mondo Supersport e ricordo che ha espresso il suo desiderio di andare avanti e verso l'alto in MotoGP in futuro. Dopo il passaggio iniziale alla Superbike, ha poi trascorso tre stagioni con noi nel team Monster Energy Yamaha Tech3 prima di passare a fare altri sette anni di esperienza con due dei nostri principali concorrenti. Questo bagaglio di esperienza, unito all'onesto approccio di Cal, ci porterà sicuramente un grande beneficio, perché l'anno prossimo cercheremo di migliorare le nostre YZR-M1 con un programma di test completo”.

È dunque ufficiale anche l’addio a Jorge Lorenzo: “Naturalmente, avevamo pianificato e sperato in un programma forte quest'anno con Jorge. Purtroppo, il nostro Factory Test Team ha dovuto presto mettere da parte i suoi piani, dato che la pandemia di Covid-19 è iniziata e ha continuato a influenzare il 2020 a partire da marzo. È deplorevole che non siamo stati in grado di portare a termine il nostro programma di test e di realizzare i nostri obiettivi. Auguriamo a Jorge tutto il meglio per i suoi sforzi futuri e lo ringraziamo per i molti anni di collaborazione con la Yamaha”.

condivisioni
commenti
MotoGP, Valencia, Libere 1: Nakagami al top davanti alle Yamaha

Articolo precedente

MotoGP, Valencia, Libere 1: Nakagami al top davanti alle Yamaha

Prossimo Articolo

MotoGP, Valencia, FP2: Miller vola, bene le Ducati. Cade Mir

MotoGP, Valencia, FP2: Miller vola, bene le Ducati. Cade Mir
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Piloti Jorge Lorenzo , Cal Crutchlow
Autore Lorenza D'Adderio
Savadori: quel treno da non perdere che arriva a 28 anni Prime

Savadori: quel treno da non perdere che arriva a 28 anni

Rookie a 28 anni, arrivato quasi dal nulla. Lorenzo Savadori è un po' l'oggetto misterioso della griglia di partenza della MotoGP 2021. Ha fatto tanta gavetta per guadagnarsi questa chance con l'Aprilia e c'è da scommettere che darà tutto se stesso per onorarla al meglio. Se ci sarà un futuro oltre quest'anno, dipende solo da lui.

MotoGP
5 mar 2021
Valentino Rossi, quella voglia di stupire ancora a 42 anni Prime

Valentino Rossi, quella voglia di stupire ancora a 42 anni

Nonostante i suoi 42 anni, Valentino Rossi non ne vuole sapere di appendere il casco al chiodo: per continuare a correre in MotoGP ha accettato di passare al Team Petronas, ma con supporto ufficiale Yamaha. Crede ancora in sé stesso ed ha voglia di dimostrare a tutti di poter continuare a lottare con i migliori. Ce la farà a rinascere ancora una volta?

MotoGP
2 mar 2021
Pramac e la vittoria con Ducati solo sfiorata Prime

Pramac e la vittoria con Ducati solo sfiorata

Il Pramac Racing entra nella sua 20esima stagione in MotoGP, la 17esima con Ducati ed insegue ancora la sua prima vittoria con la Casa di Borgo Panigale, pur avendola sfiorata in diverse occasioni. Ripercorriamo insieme tutte le volte che è mancato veramente un soffio.

MotoGP
28 feb 2021
Miller: la scommessa per far tornare grande la Ducati Prime

Miller: la scommessa per far tornare grande la Ducati

Il ritorno di un pilota australiano in sella ad una Ducati ufficiale fa tornare alla memoria un periodo glorioso per la Casa di Borgo Panigale. Miller, però, è un personaggio che potrà aiutare il team a tornare ai vertici.

MotoGP
25 feb 2021
Honda: quanto peserà l'assenza di Marc Marquez nei test? Prime

Honda: quanto peserà l'assenza di Marc Marquez nei test?

Dopo un 2020 senza vittorie in MotoGP, la Honda è chiamata assolutamente al riscatto nel 2021, anche se la sua stagione inizierà in salita: Marc Marquez non è ancora pronto, quindi dovrà saltare i test e non si sa ancora quando potrà tornare a correre. Che impatto avrà questo sullo sviluppo della RC213V?

MotoGP
24 feb 2021
Perché ad Alex Marquez non interessa zittire i critici Prime

Perché ad Alex Marquez non interessa zittire i critici

La crescita di Alex Marquez è stata una delle sorprese della MotoGP 2020 e, uscendo finalmente dall'ombra del fratello Marc, ha dimostrato che alcune persone si sbagliavano. Non che gli importi di questo, come ha spiegato a Lewis Duncan.

MotoGP
21 feb 2021
La nuova era Yamaha in MotoGP può "liberare" Vinales Prime

La nuova era Yamaha in MotoGP può "liberare" Vinales

Dopo l'elettrizzante inizio della sua carriera in Yamaha nel 2017, Maverick Vinales ha faticato a trovare la costanza. Molti temono che l'arrivo di Fabio Quartararo possa significare un disastro per lui, ma la partenza di Valentino Rossi potrebbe essere proprio l'impulso di cui ha bisogno.

MotoGP
19 feb 2021
Marini: "Se lotterò con Vale, vuol dire che sto andando forte" Prime

Marini: "Se lotterò con Vale, vuol dire che sto andando forte"

Intervista esclusiva a Luca Marini, esordiente nel campionato 2021 di MotoGP. Il marchigiano si racconta ai nostri microfoni in vista del primo anno da rookie in sella ad una Ducati del team Esponsorama.

MotoGP
19 feb 2021