Uccio: "Volevo che Vale continuasse, ma l'amicizia mi ha fermato"

Alessio "Uccio" Salucci ha commentato il ritiro dell'amico Valentino Rossi. L'annuncio è arrivato questo pomeriggio nel corso di una conferenza stampa speciale dedicata al 9 volte iridato.

Uccio: "Volevo che Vale continuasse, ma l'amicizia mi ha fermato"

L'addio alla MotoGP di Valentino Rossi, con l'annuncio arrivato questo pomeriggio al Red Bull Ring, ha toccato i cuori di tanti appassionati di motociclismo, del Motomondiale e di MotoGP. Ma non solo.

Anche tanti addetti ai lavori hanno voluto essere presenti alla conferenza stampa di questo pomeriggio. Tra questi anche uno degli amici più stretti, nonché collaboratore, dello stesso Valentino: Alessio Salucci, meglio conosciuto con il soprannome di "Uccio".

Intervenuto ai microfoni di Sky Sport, Uccio ha espresso le sue emozioni pochi minuti dopo la fine della conferenza stampa dell'amico Valentino. Lo ha fatto con gli occhi lucidi e la voce spezzata dal classico groppo in gola di chi è emotivamente coinvolto in una scelta fatta da uno sportivo che va però a coinvolgere una sfera molto più ampia.

"Sono un po' emozionato. E' un po' che lo so, qualche giorno. Un conto è saperlo, un conto è vederglielo dire davanti a tutti, davanti a tutto il mondo: Mi ha fatto un effetto che non mi aspettavo. Ho provato a prepararmi anche oggi in aereo, ma non ha funzionato molto".

Uccio ha anche rivelato di aver avuto l'idea di provare a dissuadere Rossi dai suoi pensieri di ritiro, ma poi ha prevalso l'amicizia, il rispetto. Questo ha portato all'accettazione di una scelta ponderata, che farà terminare l'era di Valentino Rossi in MotoGP, ma che aprirà quella della leggenda tramandata ai posteri la storia che dovrebbe portarlo a correre sempre in pista, ma con le auto.

"Averlo visto tranquillo nelle sue scelte ha fatto stare tranquillo anche me. Vuol dire che ha fatto la scelta giusta. Sono d'accordo, lo vedo sereno. Ho visto che aveva deciso, che pensava di smettere. Tra me e me pensavo: 'Adesso provo a spingerlo di continuare'. Ho però pensato che per amicizia e rispetto non fosse giusto da parte mia fare una cosa del genere, spingerlo".

"Rispettarlo significa anche non andare contro le sue scelte. Ho visto che aveva deciso, e secondo me è giusto. E' la fine di un capitolo importante di MotoGP, ma non del tutto. Andremo avanti anche se non sarà uguale. Il team andrà avanti, l'Academy andrà avanti e anche lui andrà avanti, anche se in modo differente. Sarà sempre più presente nei nostri progetti, ma farà anche gare in macchina. Ovunque andrà porterà la sua gioia di correre, di guidare e andare forte".

L'amico fraterno ha anche dato una propria opinione riguardo a cosa Rossi sia riuscito a cambiare nel corso dei suoi 25 anni passati nel Motomondiale, dal 1996 a oggi. 

"Valentino ha cambiato le corse anche per il suo carisma, per il suo modo di affrontarle. Quando preparavamo le scenette al termine delle gare, quando vinceva. Le gag che ci facevano ridere. Facevano ridere noi e tutti. Ha cambiato il modo di correre. Ha cambiato il suo stile di guida, si è sempre messo in gioco ed è sempre stato un protagonista. La gente queste cose le vede, le nota. E diventi unico".

“E’ riuscito ad entrare nei cuori di tutti. Il fatto di circondarsi degli amici di sempre, di chi gli vuole bene, è stato un punto di forza della sua carriera. È un qualcosa che consiglio alle generazioni future di motociclisti perché questi affetti ti danno una serenità in pista per ottenere dei buoni risultati”.

“In questi anni Vale non è stato soltanto un grandissimo pilota, ma anche un buon imprenditore. Ha creato l’Academy ed abbiamo fondato un team. Sono tutti progetti che andranno avanti”.

“Sappiamo che non sarà facile, ma cercheremo di far sentire il meno possibile la sua mancanza agli italiani con dei piloti della Academy veloci. Già c’è qualcuno che merita, come Pecco e Morbidelli. Noi cercheremo di portare avanti il nostro lavoro per fare in modo che il numero 46 sia sempre presente nel paddock”, ha concluso Uccio.

condivisioni
commenti
Jarvis: "Rossi ha segnato la rinascita della Yamaha"
Articolo precedente

Jarvis: "Rossi ha segnato la rinascita della Yamaha"

Prossimo Articolo

Agostini: "Felice che Valentino non abbia battuto i miei record"

Agostini: "Felice che Valentino non abbia battuto i miei record"
Carica commenti
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021
Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia Prime

Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia

Il Gran Premio dell'Algarve di MotoGP si chiude con sorprese, conferme e delusioni. Ecco le pagelle dell'appuntamento portoghese stilate e commentate in questo nuovo video di Motorsport.com da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio.

MotoGP
9 nov 2021
MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia Prime

MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia

Il fine settimana di Misano è stato un concentrato di emozioni, dal saluto del pubblico italiano a Valentino Rossi alla conquista del primo titolo di Fabio Quartararo, quasi una sorta di passaggio di consegne in casa Yamaha. Ma anche i tributi a Marco Simoncelli e Fausto Gresini hanno aggiunto qualcosa di speciale.

MotoGP
4 nov 2021