Test Qatar, Giorno 2: Iannone beffa Dovizioso e porta in vetta la Suzuki

Proprio nel finale il pilota di Vasto ha portato al comando la Suzuki, ma nell'arco della giornata il ducatista ha dato l'idea di essere molto a posto. Terzo risale Marquez, autore anche di una caduta. Più indietro le Yamaha e Lorenzo.

Test Qatar, Giorno 2: Iannone beffa Dovizioso e porta in vetta la Suzuki

La seconda giornata dei test collettivi della MotoGP in Qatar sarà sembrata quasi la fine di un incubo per Andrea Iannone. Dopo un 2017 da dimenticare, in Malesia ed in Thailandia c'erano già stati degli evidenti segnali di crescita da parte della Suzuki, ma oggi il pilota di Vasto è tornato a "graffiare", mettendo la sua GSX-RR in cima alla lista dei tempi.

Quando mancavano poco più di una decina di minuti alla bandiera a scacchi, Iannone ha realizzato un ottimo 1'54"586, crono davvero interessante, con cui è riuscito a sopravanzare di 41 millesimi la Ducati di un Andrea Dovizioso che però è parso davvero soddisfatto a fine giornata.

Il forlivese ha ribadito di essere contento per come sta lavorando la sua squadra: la riprova la si può vedere nel modo costante con cui ha abbassato i propri tempo, ma anche in un long run con un ritmo buonissimo realizzato nella parte conclusiva della giornata con gomma morbida.

Attenzione però perché oggi hanno decisamente rialzato la testa anche Marc Marquez e la Honda. Nonostante nel finale sia anche incappato in una caduta alla curva 2, proprio mentre stava provando la nuova carena, lo spagnolo è poi tornato in pista ed ha staccato il terzo tempo, a soli 167 millesimi da Iannone.

La Yamaha Tech 3 di Johann Zarco completa un pacchetto di testa con ben quattro moto differenti, riproponendosi ancora una volta come uno dei grandi protagonisti. Il francese è convinto che gli manchi davvero poco per avere un pacchetto vincente e la sua M1 2016 è stata ancora una volta più veloce di quelle ufficiali.

A completare la top 5 c'è Alex Rins, che a sua volta conferma l'ottimo momento della Suzuki, pur pagando poco meno di quattro decimi nei confronti della GSX-RR gemella. Dietro di lui troviamo la RC213V con i colori LCR di Cal Crutchlow, mentre bisogna scorrere la classifica fino al settimo posto, occupato da Maverick Vinales.

Dopo essere stato il più veloce ieri, oggi lo spagnolo sembra aver accusato qualche difficoltà in più ed ha pagato poco meno di mezzo secondo. Se la passa anche peggio Valentino Rossi, che non è riuscito neppure ad inserirsi nella top 10, chiudendo 11esimo a 730 millesimi.

Davanti a lui ci sono anche le due Ducati di Danilo Petrucci e Jack Miller, ma pure la Honda di Dani Pedrosa. I due portacolori del Pramac Racing sono stati anche protagonisti di un episodio curioso, finendo entrambi a terra alla curva 1 a distanza di pochi secondi uno dall'altro. Una dinamica che ha indotto la direzione gara ad esporre la bandiera rossa per verificare se ci fosse qualcosa di anomalo in quel tratto.

In 12esima piazza c'è l'Aprilia RS-GP di Aleix Espargaro, con lo spagnolo che è convinto che alla moto 2018 manchi ancora qualcosina a livello di accelerazione, ma che sia un aspetto di cui risente soprattutto sul giro secco, mentre sembra essere soddisfatto del passo gara.

Stupisce vedere Jorge Lorenzo solamente in 14esima posizione: ieri il maiorchino sembrava aver ritrovato il guisto feeling con la sua Desmosedici GP, ma oggi è nuovamente naufragato a quasi un secondo dalla gemella di Dovizioso, chiudendo alle spalle anche della Honda LCR di Takaaki Nakagami, ancora una volta il migliore dei rookie.

Solamente 16esima la migliore delle KTM, che è stata quella di Bradley Smith. Bisogna ricordare però che oggi la Casa austriaca ha dovuto rinunciare nuovamente a schierare Pol Espargaro, rimasto a riposo precauzionale dopo l'intervento alla schiena di un paio di settimane fa. Lo spagnolo comunque potrebbe tornare in sella alla RC16 domani.

Sembra essere stata una giornata complicata anche per Franco Morbidelli, che non è riuscito a fare meglio del 19esimo tempo con la sua Honda della Marc VDS, con un distacco di quasi 1"5 dalla vetta.

PosPilotaMotoTempoGiri
1 Andrea Iannone Suzuki 1'54"586 45
2 Andrea Dovizioso Ducati 1'54"627 41
3 Marc Marquez Honda 1'54"753 59
4 Johann Zarco Yamaha 1'54"874 49
5 Alex Rins Suzuki 1'54"967 41
6 Cal Crutchlow Honda 1'54"992 51
7 Maverick Vinales Yamaha 1'55"051 52
8 Danilo Petrucci Ducati 1'55"188 30
9 Jack Miller Ducati 1'55"236 47
10 Dani Pedrosa Honda 1'55"282 35
11 Valentino Rossi Yamaha 1'55"316 45
12 Aleix Espargaro Aprilia 1'55"460 47
13 Takaaki Nakagami Honda 1'55"539 61
14 Jorge Lorenzo Ducati 1'55"562 53
15 Scott Redding Aprilia 1'55"708 57
16 Bradley Smith KTM 1'55"798 49
17 Tito Rabat Ducati 1'55"875 61
18 Karel Abraham Ducati 1'55"876 37
19 Franco Morbidelli Honda 1'56"074 55
20 Alvaro Bautista Ducati 1'56"104 70
21 Hafizh Syahrin Yamaha 1'56"263 46
22 Thomas Luthi Honda 1'56"295 38
23 Xavier Simeon Ducati 1'56"795 46
24 Mika Kallio KTM 1'57"218 56
condivisioni
commenti
Fotogallery: la seconda giornata dei test di MotoGP in Qatar
Articolo precedente

Fotogallery: la seconda giornata dei test di MotoGP in Qatar

Prossimo Articolo

Valentino: "Ora va molto forte anche la Suzuki, dobbiamo lavorare!"

Valentino: "Ora va molto forte anche la Suzuki, dobbiamo lavorare!"
Carica commenti
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021
Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia Prime

Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia

Il Gran Premio dell'Algarve di MotoGP si chiude con sorprese, conferme e delusioni. Ecco le pagelle dell'appuntamento portoghese stilate e commentate in questo nuovo video di Motorsport.com da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio.

MotoGP
9 nov 2021
MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia Prime

MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia

Il fine settimana di Misano è stato un concentrato di emozioni, dal saluto del pubblico italiano a Valentino Rossi alla conquista del primo titolo di Fabio Quartararo, quasi una sorta di passaggio di consegne in casa Yamaha. Ma anche i tributi a Marco Simoncelli e Fausto Gresini hanno aggiunto qualcosa di speciale.

MotoGP
4 nov 2021