Test Phillip Island, Day 2: Vinales di un soffio davanti a Marquez

Stupisce la Suzuki in vetta, mentre la Honda brilla almeno sul giro secco. Sul ritmo però le Yamaha sono quelle che vanno più spesso sotto all'1'30". Per ora non si capisce ancora il potenziale della nuova Ducati. Brutta caduta per Pedrosa, ma è ok.

La pista bagnata ha animato anche la seconda giornata dei test collettivi di Phillip Island della MotoGP. Fortunatamente però questa volta i piloti si sono dovuti confrontare con l'asfalto viscido solamente in mattinata, poi il sole ha fatto capolino sul tracciato australiano, permettendo di iniziare a montare le gomme slick e lavorare più concretamente.

A svettare alla fine a sorpresa è stato Maverick Vinales, che con la sua Suzuki GSX-RR si è spinto fino ad un crono di 1'29"131 staccato nel suo 63esimo giro. Una prestazione che gli ha consentito di distanziare di poco più di un decimo un Marc Marquez che qui sembra aver ritrovato almeno la velocità sul giro secco, mentre era impegnato a fare prove comparative tra due telai studiati per alloggiare il motore "Evo" della Honda RC213V.

In terza e quarta posizione ci sono le due Yamaha di Jorge Lorenzo e Valentino Rossi, staccate di un paio di decimi dalla vetta e separate tra loro da appena 47 millesimi. Ancora una volta le M1 sono parte però quelle messe meglio a livello di passo, con il maiorchino che è sceso sotto al muro dell'1'30" per ben dieci volte ed il pesarese che lo ha fatto addirittura 11. Nonostante abbia messo insieme 80 giri, il campione del mondo però non ha mai fatto run più lunghi di 6 giri, senza effettuare simulazioni di gara.

Un aspetto questo su cui ha chiesto una verifica la Magneti Marelli, visto che uno dei sistemi di cui non dispone il nuovo software unico è la strategia adattiva alla distanza di gara. Dunque, sono importanti i feedback dei piloti in questo senso.

Continuando a scorrere la classifica, in quinta posizione c'è la Honda LCR di Cal Crutchlow, con il britannico che ha continuato a fare prove comparative tra il motore 2015 e quello portato dalla Honda nei test di Valencia. Dietro di lui si conferma in ottima forma Hector Barbera in sella alla GP14.2 del Team Avintia. Avendo a disposizione una sola moto, lo spagnolo è rimasto ai box con la pista bagnata, ma poi con l'asciutto è sceso fino a 1'29"857, precedendo di 3 millesimi la GP16 di Andrea Iannone.

Ottavo tempo poi per Dani Pedrosa, che oggi è incappato anche in una caduta che ha obbligato la direzione gara ad esporre la bandiera rossa. Fortunatamente il pilota della Honda se l'è cavata senza particolari problemi e poco dopo è tornato in pista. Una seconda interruzione è stata poi provocata da Yonny Hernandez, pure lui caduto nello stesso punto, ad una decina di minuti dalla bandiera a scacchi.

A completare la top ten troviamo poi il tandem britannico composto da Scott Redding e Bradley Smith, che sono anche gli ultimi ad aver infranto la barriera dell'1'30". Subito dietro ci sono Loris Baz, per il quale oggi è arrivata dalla Ducati una nuova sella per migliorare la posizione di guida, ed Andrea Dovizioso, il più attivo di giornata con i suoi ben 88 giri. Nel box della Rossa poi si è rivisto anche Casey Stoner, arrivato a dispensare qualche consiglio, pur non essendo convocato come tester questa volta.

Dopo il miglior tempo di ieri, questa volta Danilo Petrucci si è dovuto accontentare della 14esima posizione a circa un secondo, stretto a sandwich tra i due fratelli Espargaro. 17esimo tempo ad 1"3 invece per Jack Miller, che quindi sembre essere effettivamente riuscito a mettersi abbastanza alle spalle l'infortunio a tibia e perone.

PosPilotaTeamTempoDistacco
1 VIÑALES, Maverick Team SUZUKI ECSTAR 1:29.131  
2 MARQUEZ, Marc Repsol Honda Team 1:29.292 0.161
3 LORENZO, Jorge Movistar Yamaha MotoGP 1:29.357 0.226
4 ROSSI, Valentino Movistar Yamaha MotoGP 1:29.404 0.273
5 CRUTCHLOW, Cal LCR Honda 1:29.671 0.540
6 BARBERA, Hector Avintia Racing 1:29.854 0.723
7 IANNONE, Andrea Ducati Team 1:29.857 0.726
8 PEDROSA, Dani Repsol Honda Team 1:29.917 0.786
9 REDDING, Scott Octo Pramac Yakhnich 1:29.941 0.810
10 SMITH, Bradley Monster Yamaha Tech 3 1:29.992 0.861
11 BAZ, Loris Avintia Racing 1:30.134 1.003
12 DOVIZIOSO, Andrea Ducati Team 1:30.142 1.011
13 ESPARGARO, Pol Monster Yamaha Tech 3 1:30.154 1.023
14 PETRUCCI, Danilo Octo Pramac Yakhnich 1:30.156 1.025
15 ESPARGARO, Aleix Team SUZUKI ECSTAR 1:30.385 1.254
16 HERNANDEZ, Yonny Aspar MotoGP Team 1:30.509 1.378
17 MILLER, Jack EG 0.0 Marc VDS 1:30.514 1.383
18 LAVERTY, Eugene Aspar MotoGP Team 1:30.617 1.486
19 RABAT, Tito EG 0.0 Marc VDS 1:30.650 1.519
20 TSUDA, Takuya Suzuki Test Team 1:32.599 3.468
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Evento Phillip Island, test di febbraio
Sub-evento Giovedì
Circuito Phillip Island Grand Prix Circuit
Piloti Jorge Lorenzo , Marc Márquez Alenta , Maverick Viñales
Team Team Suzuki MotoGP , Repsol Honda Team , Yamaha Factory Racing
Articolo di tipo Test