MotoGP
04 apr
Evento concluso
G
GP d'Argentina
08 apr
Rinviato
G
GP delle Americhe
15 apr
Rinviato
G
GP di Spagna
02 mag
Gara in
17 giorni
G
GP di Francia
16 mag
Gara in
31 giorni
G
GP d'Italia
30 mag
Gara in
45 giorni
G
GP della Catalogna
06 giu
Gara in
52 giorni
G
GP di Germania
20 giu
Gara in
66 giorni
G
GP d'Olanda
27 giu
Gara in
73 giorni
G
GP di Finlandia
11 lug
Gara in
87 giorni
G
GP d'Austria
15 ago
Gara in
122 giorni
G
GP di Gran Bretagna
29 ago
Gara in
136 giorni
G
GP di Aragon
12 set
Gara in
150 giorni
G
GP di San Marino
19 set
Gara in
157 giorni
G
GP del Giappone
03 ott
Gara in
171 giorni
G
GP della Tailandia
10 ott
Gara in
178 giorni
G
GP d'Australia
24 ott
Gara in
192 giorni
G
GP di Malesia
31 ott
Gara in
199 giorni
G
GP di Valencia
14 nov
Gara in
213 giorni

Test MotoGP Sepang, Giorno 2: bis di Quartararo, cade Marquez

Il pilota francese è stato il più veloce anche con la Yamaha 2020, precedendo la Ducati di Miller e la KTM di un sorprendente Pedrosa. Marquez cade alla curva 3, ma sembra ok. Rossi decimo, Dovizioso scivola ed è 15esimo.

Test MotoGP Sepang, Giorno 2: bis di Quartararo, cade Marquez

Dopo aver iniziato il suo 2019 in sella alla Yamaha dello scorso anno, Fabio Quartararo non ci ha messo troppo ad adattarsi alla M1 2020. Il pilota del Team Petronas ha infatti concesso il bis, risultando il più veloce anche nella seconda giornata dei test collettivi della MotoGP a Sepang.

Il francese ha ritoccato il crono che aveva realizzato ieri, scendendo fino a 1'58"572. Una prestazione lontana di un paio di decimi dalla pole position che aveva realizzato sul tracciato malese lo scorso novembre.

"El Diablo", che con i suoi 71 giri è stato tra i più attivi di giornata (solamente Tito Rabat ne ha fatti di più, a quota 77), alla fine ha beffato per appena 69 millesimi la Ducati di Jack Miller. Il portacolori del Pramac Racing si è reso protagonista di un'ottima prestazione e oggi ha provato anche la nuova carena della Desmosedici GP che la Casa di Borgo Panigale aveva portato al debutto nello shakedown con Michele Pirro.

Nel finale c'è stata anche una grande zampata da parte di Dani Pedrosa. Il collaudatore della KTM si è arrampicato fino al terzo posto in classifica con un 1'58"662 che lo ha posto a soli 90 millesimi dalla vetta. La RC16, dunque, continua a dare segnali positivi, visto che anche Pol Espargaro ha chiuso in ottava posizione, nonostante una scivolata senza conseguenze.

 

La classifica di oggi ha mostrato dei valori molto ravvicinati tra tutti i costruttori, con la presenza di quattro moto differenti nelle prime quattro posizioni. Alle spalle di Pedrosa c'è infatti la Suzuki di Joan Mir in 1'58"731. Giornata positiva anche per la Casa di Hamamatsu, che ha lavorato sul telaio e sull'aerodinamica della GSX-RR, piazzando anche Alex Rins in settima posizione.

Tra le due Suzuki si sono infilate invece altre due Yamaha. A completare la top 5 troviamo la M1 "Spec A" di Franco Morbidelli, che si è confermato molto veloce anche oggi, mentre in sesta c'è quella di Maverick Vinales, staccata di poco più di tre decimi dal futuro compagno di squadra che comanda la classifica.

Bisogna quindi scendere fino alla nona posizione per trovare la migliore delle Honda, che è stata quella del campione del mondo in carica Marc Marquez. Oggi lo spagnolo è riuscito a completare 47 giri nonostante la spalla operata, ma è il primo tra i piloti rimasti sopra al muro dell'1'59". Nel finale si è anche reso protagonista di una scivolata alla curva 3, che fortunatamente non sembra aver peggiorato le sue condizioni fisiche.

Il quadro delle prime dieci posizioni si completa con un Valentino Rossi che ha pagato mezzo secondo, ma ancora una volta ha proseguito il trend della passata stagione, risultando il più lento in pista tra i piloti Yamaha. Sarà interessante quindi sentire i suoi commenti dopo una prima giornata incoraggiante come quella quella di ieri.

Leggi anche:

Sembra aver fatto un passettino indietro quindi l'Aprilia, con Aleix Espargaro che è arretrato fino all'11esimo posto con la nuovissima RS-GP. Lo spagnolo però ha ritoccato il suo tempo di ieri e comunque ha ridotto a meno di sette decimi il ritardo dalla vetta. Insieme a lui poi oggi ha raccolto tanti dati Bradley Smith, che ha preso il posto di Lorenzo Savadori completando ben 61 giri.

Continuano a rimanere lontane dalla posizioni che contano invece le altre Ducati, con Danilo Petrucci, Pecco Bagnaia ed Andrea Dovizioso che sono solamente tra la 13esima e la 15esima piazza, staccati tutti di circa sette decimi dall'altra Desmosedici GP di Miller. Il forlivese, tra le altre cose, è anche scivolato.

Attardato anche Alex Marquez, tornato in sella alla seconda Honda ufficiale dopo che un problema tecnico lo aveva fermato nel pomeriggio di ieri. Lo spagnolo ha provato a fare anche qualche giro in tandem con il fratello Marc, ma alla fine ha girato in 1'59"661 e si è dovuto accontentare del 17esimo posto. In compenso ha completato 66 tornate che per lui sono tutta esperienza.

Piccoli progressi anche per Johann Zarco in sella alla Ducati GP19 dell'Avintia Racing. Il francese è riuscito a scendere sotto al muro dei due minuti, ma il suo 1'59"825 gli è valso solo la 19esima piazza.

Pos Pilota Moto Tempo Giri
1 Fabio Quartararo Yamaha 1'58”572 72
2 Jack Miller Ducati 1'58”641 51
3 Dani Pedrosa KTM 1'58”662 54
4 Joan Mir Suzuki 1'58”731 54
5 Franco Morbidelli Yamaha 1'58”831 60
6 Maverick Vinales Yamaha 1'58”893 69
7 Alex Rins Suzuki 1'58”978 63
8 Pol Espargaro KTM 1'58”989 49
9 Marc Marquez Honda 1'59”097 47
10 Valentino Rossi Yamaha 1'59”116 60
11 Aleix Espargaro Aprilia 1'59”224 43
12 Cal Crutchlow Honda 1'59”247 64
13 Danilo Petrucci Ducati 1'59”257 59
14 Pecco Bagnaia Ducati 1'59”313 59
15 Andrea Dovizioso Ducati 1'59”342 55
16 Miguel Oliveira KTM 1'59”365 42
17 Alex Marquez Honda 1'59”661 66
18 Brad Binder KTM 1'59”780 59
19 Johann Zarco Ducati 1'59”825 51
20 Tito Rabat Ducati 2'00”189 77
21 Sylvain Guintoli Suzuki 2'00”286 58
22 Takaaki Nakagami Honda 2'00”347 47
23 Iker Lecuona KTM 2'00”396 41
24 Yamaha Test 3 Yamaha 2'00”791 35
25 Yamaha Test 1 Yamaha 2'00”920 44
26 Bradley Smith Aprilia 2'01”119 61
condivisioni
commenti
Tecnica KTM: quel cupolino con i denti da squalo

Articolo precedente

Tecnica KTM: quel cupolino con i denti da squalo

Prossimo Articolo

Fotogallery MotoGP: la seconda giornata dei test di Sepang

Fotogallery MotoGP: la seconda giornata dei test di Sepang
Carica commenti
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021
La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader Prime

La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader

L'esplosione immediata del rookie della Ducati Pramac ha aggiunto un nuova stella all'elenco sempre più lungo dei piloti che possono ambire a fare grandi cose in MotoGP. Per lui, come per tanti altri, si prospetta un grande futuro, anche se al momento all'orizzonte non si vede ancora un talento capace di prendere l'eredità di quella leadership che è stata prima di Valentino Rossi e poi di Marc Marquez.

MotoGP
6 apr 2021
Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas Prime

Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas

Tanti promossi e tanti bocciati nel secondo appuntamento in Qatar, il Gran Premio di Doha. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes, Responsabile MotoGP per Motorsport.com, e Franco Nugnes.

MotoGP
6 apr 2021
Yamaha a due facce: il Factory Team convince, Petronas a picco Prime

Yamaha a due facce: il Factory Team convince, Petronas a picco

Umori opposti nelle due squadre della Casa di Iwata: quella ufficiale ha iniziato il 2021 alla grande, con una vittoria a testa per Vinales e Quartararo. Il box Petronas invece sembra entrato in crisi, con appena 4 punti a testa per Morbidelli e Rossi. I giapponesi stanno puntando tutto sui Factory?

MotoGP
5 apr 2021