Test MotoGP Sepang, Giorno 1: doppietta Petronas alle 14

Quartararo e Morbidelli sono i soli ad essere scesi sotto all'1'59", seguiti dalla Suzuki di Rins. Vinales cade, ma è sesto. Rossi invece nono. La spalla operata relega Marquez fuori dalla top 10, ma davanti a Dovizioso.

Test MotoGP Sepang, Giorno 1: doppietta Petronas alle 14

Le due Yamaha del Team Petronas hanno fatto la voce grossa quando siamo arrivati poco oltre la metà della prima giornata dei test collettivi di Sepang di MotoGP. Allo scoccare delle 14 locali, infatti, davanti a tutti ci sono le due M1 griffate dal colosso petrolifero malese, che sono anche le sole moto ad aver infranto il muro dell'1'59".

Il più veloce è Fabio Quartararo, che nel migliore dei suoi 37 giri ha sfoderato un 1'58"945. Franco Morbidelli però non è stato tanto da meno, visto che è riuscito a fermarsi a soli 51 millesimi dal francese. E per l'ex iridato di Moto2 sono addirittura 49 le tornate completate.

Buono anche l'inizio di Alex Rins, terzo con la Suzuki, anche se lo spagnolo è rimasto di poco sopra al muro dell'1'59" con il suo 1'59"159. Curiosamente, anche in casa Honda e Ducati sono due moto dei team satelliti a dettare il ritmo per il momento: in quarta piazza c'è Cal Crutchlow con la Honda del Team LCR, seguito a meno di un decimo dalla Desmosedici GP con i colori Pramac affidata a Jack Miller.

 

Bisogna scorrere la classifica fino al sesto posto per trovare la Yamaha ufficiale di Maverick Vinales, con lo spagnolo che paga 422 millesimi ed è anche incappato in una scivolata senza conseguenze nell'ultimo settore. La Casa di Iwata sta facendo davvero sul serio, infatti nei box ci sono tre M1 per ogni pilota. Discorso che vale anche per Valentino Rossi, che oggi ha sfoggiato un nuovo casco e che al momento occupa il nono posto in 1'59"569.

Tra le due M1 ufficiali si sono infilati i due fratelli Espargaro, con la nuova Aprilia RS-GP di Aleix che sembra confermare quanto di buono mostrato nello shakedown. Tra parentesi, oggi ha avuto modo di provarla anche Lorenzo Savadori, che però chiude il gruppo in 26esima posizione. Pol invece apre lo squadrone KTM in ottava piazza, ma è l'unico ad essere sceso sotto ai due minuti per la Casa austriaca.

A completare la top 10 troviamo l'altra Suzuki di Joan Mir, quindi la spalla operata per il momento sembra in effetti limitare Marc Marquez: il campione del mondo è solo 11esimo con la sua Honda e al momento ha completato 37 giri con un bese di 1'59"676. Se non altro, questo ha permesso di avvicinarsi al fratello Alex, 13esimo poco più di due decimi più indietro con l'altra RC213V ufficiale.

 

Tra di loro c'è la Ducati factory di Andrea Dovizioso, che sembra aver iniziato il suo lavoro con grande calma, avendo completato appena 23 giri. Discorso simile per Danilo Petrucci, autore di 27 passaggi e al momento 14esimo ed ultimo ad essere sceso sotto ai due minuti. Poco più indietro, in 16esima piazza, c'è poi l'altra Ducati di Pecco Bagnaia.

Restando in casa Ducati, per ora sembra complicato l'adattamento di Johann Zarco. Il francese è salito per la prima volta sulla Desmosedici GP (in versione 2019) dell'Avintia Racing e al momento si ritrova relegato in 23esima posizione con un crono di 2'01"333, quindi con un ritardo superiore ai 2" dalla vetta.

Leggi anche:

I tempi alle 14 locali

Pos Pilota Moto Tempo Giri
1 Fabio Quartararo Yamaha 1'58”945 37
2 Franco Morbidelli Yamaha 1'58”996 49
3 Alex Rins Suzuki 1'59”195 39
4 Cal Crutchlow Honda 1'59”234 33
5 Jack Miller Ducati 1'59”328 29
6 Maverick Vinales Yamaha 1'59”367 34
7 Aleix Espargaro Aprilia 1'59”427 31
8 Pol Espargaro KTM 1'59”536 35
9 Valentino Rossi Yamaha 1'59”569 33
10 Joan Mir Suzuki 1'59”605 35
11 Marc Marquez Honda 1'59”676 37
12 Andrea Dovizioso Ducati 1'59”771 23
13 Alex Marquez Honda 1'59”918 38
14 Danilo Petrucci Ducati 1'59”939 27
15 Dani Pedrosa KTM 2'00”017 32
16 Pecco Bagnaia Ducati 2'00”136 29
17 Miguel Oliveira KTM 2'00”314 30
18 Sylvain Guintoli Suzuki 2'00”371 30
19 Iker Lecuona KTM 2'00”511 29
20 Brad Binder KTM 2'00”519 40
21 Tito Rabat Ducati 2'00”750 32
22 Takaaki Nakagami Honda 2'00”815 26
23 Johann Zarco Ducati 2'01”333 34
24 Yamaha Test 1 Yamaha 2'01”393 34
25 Yamaha Test 2 Yamaha 2'02”011 11
26 Lorenzo Savadori Aprilia 2'03”150 24

condivisioni
commenti
Fotogallery: presentazione Petronas Yamaha SRT MotoGP 2020

Articolo precedente

Fotogallery: presentazione Petronas Yamaha SRT MotoGP 2020

Prossimo Articolo

Fotogallery MotoGP: la prima giornata dei test di Sepang

Fotogallery MotoGP: la prima giornata dei test di Sepang
Carica commenti
Vinales e Ferrari: bocciature pesanti in MotoGP e F1 Prime

Vinales e Ferrari: bocciature pesanti in MotoGP e F1

Il fine settimana tra MotoGP e Formula 1 non è certo stato clemente con Maverick Vinales e la Ferrari. Lo spagnolo è stato, senza mezzi termini, autore del suo fine settimana peggiore da quando veste i colori Yamaha: ultimo al via, ultimo all'arrivo. Non è andata meglio alla Ferrari che, dopo le prime libere al Paul Ricard, si è vista sfilare praticamente da tutto lo schieramento, chiudendo lontana dalla zona punti e trovandosi con un distacco pesante dalla McLaren nel campionato costruttori

Pagelle MotoGP: Vinales sempre più a picco Prime

Pagelle MotoGP: Vinales sempre più a picco

Tanti promossi e tanti bocciati nel Gran Premio di Germania di MotoGP. Le pagelle commentate e stilate da Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes, responsabile MotoGP per Motorsport.com.

MotoGP: La griglia di partenza del Gran Premio di Germania Prime

MotoGP: La griglia di partenza del Gran Premio di Germania

Andiamo a scoprire la griglia di partenza della classe regina del Motomondiale 2021 sul tracciato del Sachsenring.

MotoGP
20 giu 2021
Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez? Prime

Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez?

Il recupero dell'otto volte campione del mondo procede più a rilento del previsto anche a causa di una Honda poco competitiva. Questo fine settimana però si va al Sachsenring, dove è imbattuto dal 2010 comprese le classi minori: sarà l'occasione giusta per rivederlo al top?

MotoGP
16 giu 2021
Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP? Prime

Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP?

Nonostante occupino oltre il 70% dello schieramento di partenza della classe regina, italiani e spagnoli insieme hanno firmato appena una vittoria nei primi 7 GP del 2021. Tre li ha vinti la Francia, due l'Australia ed uno il Portogallo: la nuova ventata è anche geografica?

MotoGP
12 giu 2021
Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria" Prime

Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria"

Intervista esclusiva a Marco Melandri, con il quale andiamo ad analizzare quanto successo dopo il Gran Premio d'Italia al Mugello ed a Barcellona nel Motomondiale. A proposito del tema sicurezza, il ravennate si dice preoccupato in vista della doppia gara al Red Bull Ring, circuito teatro lo scorso anno di un incidente terrificante e per il quale non vi sono stati lavori di adeguamento

MotoGP
11 giu 2021
KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia" Prime

KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia"

Le aspettative sulle possibilità che la KTM potesse replicare i successi del 2020 in questa stagione di MotoGP ha reso il suo inizio difficile ancora più deludente. Ma un aggiornamento chiave ha invertito le sorti della Casa austriaca, riportandola sul gradino più alto del podio a Barcellona.

MotoGP
9 giu 2021
Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?" Prime

Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina di Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano il fine settimana dei motori che, tra MotoGP e Formula 1, ha animato il week end. I riflettori si accendono su Marc Marquez, autore di un'altra caduta che ha compromesso il suo GP di Catalunya, segnale che lo spagnolo non è ancora al 100%.Un po' come Valentino Rossi quando fu reduce dall'incidente del Mugello 2010...

MotoGP
9 giu 2021