Test MotoGP Qatar, Giorno 3: Quartararo e Miller alla carica

Il nuovo pilota ufficiale della Yamaha è stato il solo capace di infrangere il muro dell'1'54", ma si è comportato molto bene anche il collega della Ducati, staccato di soli 77 millesimi. Continua a stupire l'Aprilia, terza con Aleix Espargaro davanti a Morbidelli. Bagnaia è nono, mentre Rossi precipita in 20esima posizione davanti a Petrucci. Bastianini miglior rookie, ma Marini è vicino.

Test MotoGP Qatar, Giorno 3: Quartararo e Miller alla carica

I primi tre giorni di test della MotoGP in Qatar si sono chiusi con una zampata della Yamaha, firmata da Fabio Quartararo. Quasi a voler dimostrare che la Casa di Iwata abbia fatto bene a puntare su di lui come pilota ufficiale, il francese è stato infatti l'unico capace per ora di infrangere il muro dell'1'54".

"El Diablo", che anche oggi ha completato una sessantina di giri, ha fermato il cronometro su un tempo di 1'53"940 e in questo modo è riuscito a beffare per appena 77 millesimi Jack Miller, che comunque ha portato la Ducati in alta quota. Non c'è che dire quindi, i nuovi piloti ufficiali sembrano avere una gran fame di mettersi in mostra.

Così come l'Aprilia, che è riuscita a confermarsi la grande sorpresa di questa prima uscita stagionale. Dopo il miglior tempo di ieri, Aleix Espargaro ha piazzato la nuova RS-GP in terza posizione, migliorando la prestazione che aveva fatto segnare ieri e chiudendo a soli 212 millesimi dalla vetta.

Giusto uno davanti a Franco Morbidelli, che a sua volta si conferma sempre particolarmente in forma. Sulla sua M1 di vecchia generazione oggi il vice-campione del mondo ha provato alcuni accorgimenti di elettronica volti a migliorare il motore, mentre i piloti factory hanno provato un nuovo telaio, che sembra aver dato buoni riscontri con Quartararo, ma anche con Maverick Vinale, che è in settima posizione, ma ha mostrato un passo davvero interessante nei long run (1'54" alto-1'55" basso).

Tornando a scorrere la classifica, alle spalle di Morbidelli troviamo Stefan Bradl. Il collaudatore della Honda si è presentato a questi test in grande forma, ma ha dato anche la sensazione che in Giappone siano finalmente riusciti a rendere la RC213V una moto più "facile". E in un certo senso la conferma può essere data dal 12esimo tempo di Pol Espargaro, che oggi ha ridotto a soli sette decimi il suo ritardo dalla vetta, pur essendo solo al suo secondo giorno con la nuova moto.

Nella top 10 ci sono anche le due Suzuki, con Joan Mir ottavo a mezzo secondo ed Alex Rins decimo a poco più di sette decimi. Entrambi hanno provato un nuovo telaio per la GSX-RR, mentre il collaudatore Sylvain Guintoli ha portato avanti il lavoro con il motore 2022. Nel finale, Rins dovrebbe anche essere incappato in una scivolata nel primo settore della pista, visto che il live timing lo ha indicato fermo nello stesso punto molto a lungo.

Leggi anche:

Dopo la caduta di ieri, nella quale aveva danneggiato la carena con la nuova aerodinamica Ducati, sembra aver fatto un passettino in avanti anche Pecco Bagnaia, autore del nono tempo a poco più di sette decimi. Anche oggi però Johann Zarco è riuscito a fare meglio di lui con la Desmosedici GP del Pramac Racing: il francese infatti è sesto a soli quattro decimi dal connazionale che comanda.

Le KTM invece hanno mancato l'appuntamento con la top 10, perché la migliore delle RC16 è quella di Miguel Oliveira in 11esima posizione, con un tempo di 1'54"666. In un certo senso, è riuscito a fare uno step nel suo adattamento anche Danilo Petrucci, che si è messo dietro sia Iker Lecuona che Brad Binder. Ma più che altro paiono in difficoltà i suoi compagni di marchio, visto che "Petrux" è 21esimo a 1"8.

Tra quelli in difficoltà però non si può non indicare anche Valentino Rossi, perché il pesarese si ritrova in 20esima posizione, alle spalle anche dei rookie, ma soprattutto paga un gap pesante nei confronti delle altre tre Yamaha: basta pensare che quello da Quartararo, con il quale si è scambiato la sella, è di ben 1"7.

Parlando proprio dei rookie, il migliore è stato Enea Bastianini, 16esimo con la Ducati del Team Esponsorama in 1'55"486. Nel corso della giornata però sono migliorati anche Luca Marini e Jorge Martin, riportandosi a poco più di un decimo dal campione del mondo della Moto2. Va ricordato che lo spagnolo è anche incappato in una scivolata nel suo primo run di oggi.

Così come a terra ci sono finiti entrambi i piloti della Honda LCR, Takaaki Nakagami ed Alex Marquez, che hanno chiuso la giornata rispettivamente al 13esimo ed al 14esimo posto. Il giapponese ha anche provato una nuova aerodinamica per la RC213V. Scivolata senza conseguenze anche per Cal Crutchlow, oggi nuovamente in pista nei panni di collaudatore Yamaha.

Da segnalare, infine, anche il miglioramento che è riuscito a trovare nelle ultime due ore pure Lorenzo Savadori, risalendo in 17esima posizione con la sua Aprilia, anche se il gap da colmare nei confronti della RS-GP gemella di Espargaro rimane sempre piuttosto ampio.

Ora i motori si spengono, ma solamente per due giorni. A partire da mercoledì, infatti, saranno nuovamente tutti in pista per altre tre giornate di test che si disputaranno sempre sul circuito di Losail, che poi a fine mese ed inizio aprile sarà anche il teatro delle prime due gare della stagione.

I tempi della terza giornata

Pos Pilota Moto Tempo Giri
1 Fabio Quartararo Yamaha 1'53”940 59
2 Jack Miller Ducati 1'54”017 57
3 Aleix Espargaro Aprilia 1'54”152 69
4 Franco Morbidelli Yamaha 1'54”153 63
5 Stefan Bradl Honda 1'54”210 61
6 Johann Zarco Ducati 1'54”356 55
7 Maverick Vinales Yamaha 1'54”395 66
8 Joan Mir Suzuki 1'54”515 48
9 Pecco Bagnaia Ducati 1'54”651 48
10 Alex Rins Suzuki 1'54”658 49
11 Miguel Oliveira KTM 1'54”666 47
12 Pol Espargaro Honda 1'54”673 62
13 Takaaki Nakagami Honda 1'54”690 60
14 Alex Marquez Honda 1'54”952 53
15 Yamaha Test 1 Yamaha 1'55”306 34
16 Enea Bastianini Ducati 1'55”486 45
17 Lorenzo Savadori Aprilia 1'55”570 41
18 Luca Marini Ducati 1'55”605 48
19 Jorge Martin Ducati 1'55”632 36
20 Valentino Rossi Yamaha 1'55”708 49
21 Danilo Petrucci KTM 1'55”795 51
22 Yamaha Test 2 Yamaha 1'55”867 20
23 Iker Lecuona KTM 1'55”873 38
24 Brad Binder KTM 1'55”944 41
25 Dani Pedrosa KTM 1'56”452 53
26 Sylvain Guintoli Suzuki 1'56”762 45
27 Michele Pirro Ducati 1'57”895 20
28 Takuya Tsuda Suzuki 1'58”910 25
29 Yamaha Test 3 Yamaha senza tempo 0
condivisioni
commenti
Fotogallery MotoGP: l'ultima giornata del Test 1 in Qatar

Articolo precedente

Fotogallery MotoGP: l'ultima giornata del Test 1 in Qatar

Prossimo Articolo

Bagnaia rivela: "La Ducati si abbassa anche davanti!"

Bagnaia rivela: "La Ducati si abbassa anche davanti!"
Carica commenti
Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez? Prime

Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez?

Il recupero dell'otto volte campione del mondo procede più a rilento del previsto anche a causa di una Honda poco competitiva. Questo fine settimana però si va al Sachsenring, dove è imbattuto dal 2010 comprese le classi minori: sarà l'occasione giusta per rivederlo al top?

MotoGP
16 giu 2021
Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP? Prime

Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP?

Nonostante occupino oltre il 70% dello schieramento di partenza della classe regina, italiani e spagnoli insieme hanno firmato appena una vittoria nei primi 7 GP del 2021. Tre li ha vinti la Francia, due l'Australia ed uno il Portogallo: la nuova ventata è anche geografica?

MotoGP
12 giu 2021
Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria" Prime

Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria"

Intervista esclusiva a Marco Melandri, con il quale andiamo ad analizzare quanto successo dopo il Gran Premio d'Italia al Mugello ed a Barcellona nel Motomondiale. A proposito del tema sicurezza, il ravennate si dice preoccupato in vista della doppia gara al Red Bull Ring, circuito teatro lo scorso anno di un incidente terrificante e per il quale non vi sono stati lavori di adeguamento

MotoGP
11 giu 2021
KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia" Prime

KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia"

Le aspettative sulle possibilità che la KTM potesse replicare i successi del 2020 in questa stagione di MotoGP ha reso il suo inizio difficile ancora più deludente. Ma un aggiornamento chiave ha invertito le sorti della Casa austriaca, riportandola sul gradino più alto del podio a Barcellona.

MotoGP
9 giu 2021
Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?" Prime

Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina di Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano il fine settimana dei motori che, tra MotoGP e Formula 1, ha animato il week end. I riflettori si accendono su Marc Marquez, autore di un'altra caduta che ha compromesso il suo GP di Catalunya, segnale che lo spagnolo non è ancora al 100%.Un po' come Valentino Rossi quando fu reduce dall'incidente del Mugello 2010...

MotoGP
9 giu 2021
Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2 Prime

Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2

Andiamo a dare i voti al Gran Premio di Catalunya di MotoGP, dove - oltre alle ottime performance messe i. pista dalla KTM del vincitore, Miguel Oliveira - bisogna andare a giudicare ampiamente insufficiente il comportamento della direzione gara

MotoGP
8 giu 2021
GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica Prime

GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica

Fabio Quartararo firma la quinta pole position del 2021 in sella alla sua Yamaha ufficiale. Il francese apre la prima fila dello schieramento precedendo le ducati di Jack Miller e Johan Zarco

MotoGP
6 giu 2021
Sgarbi, Giani e la decenza del silenzio Prime

Sgarbi, Giani e la decenza del silenzio

La scomparsa di Jason Dupasquier a seguito dell'incidente di cui è stato vittima al Mugello ha alimentato una serie di polemiche e speculazioni - paradossalmente - tra i non addetti ai lavori. Come insegna Bambi, "quando non sai che cosa dire, è meglio che non dici nulla". E sarebbe il caso di apprendere questa regola aurea, soprattutto davanti ad un lutto.

MotoGP
1 giu 2021